QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I genitori assistono all’iconica vittoria di Wout dalla prima fila: “Abbiamo versato una lacrima” | Tour de France (dal 26-6 al 18-7)

Tour de FranceLe sue vittorie sul Mont Ventoux e contro il tempo sono seguite da Henk e Yvonne Van Aert del Belgio, ma oggi hanno perso terreno. Proprio come Sarah verso Parigi. A 450 metri dal traguardo, hanno visto il loro figlio colpire per la terza volta in questo round. “Siamo volati l’uno nelle braccia dell’altro.”




Dopo la sua cerimonia sul podio, Wout Van Aert è andato al bus della squadra il più rapidamente possibile. Padre Henk e madre Yvonne lo stavano aspettando. Hanno avuto solo pochi minuti per salutare il figlio dopo la sua terza vittoria di tappa in questo round. “Divertiti”, lo chiamò madre Yvonne prima che salisse a bordo di un camion della squadra dove l’altra metà di Sarah e suo figlio, George, lo avrebbero accompagnato nel suo viaggio a Tokyo. Van Aert fece un leggero cenno e poi se ne andò.

I suoi genitori Henk e Yvonne hanno dovuto lasciare andare di nuovo il figlio. “Abbiamo passato del tempo da casa”, dice mamma Van Aert. “Pensavamo che facesse bene prima, ma non era completamente soddisfatto. Ora era fantastico. Oggi siamo andati a Parigi e quanto sei orgoglioso, Henk? Così orgoglioso”.

“Devi solo farlo”, ha detto padre Henk. “Una delle tappe di montagna più belle, una cronometro e una corsa veloce sugli Champs Elysees. In effetti, le cose non possono andare meglio, a meno che tu non possa indossare quella maglia gialla un giorno, ma potrebbe succedere”.

Senza dubbio

Henk e Ivonne van Aert sono stati invitati a prendere posto in uno degli stand a Parigi su invito di Jumbo-Visma. “Essere in grado di provarlo in un ambiente di squadra è stata un’esperienza. Scaricare Mike (Tunissen ndr) non era proprio normale”, dice Ivonne. “Ha lasciato cadere Wout a 200 metri. Gli piace così. Se riesce a prendere se stesso per primo, questo è lo scenario perfetto per lui”. C’era così tanta gioia in tribuna. “L’ho capito subito”, dice Ivonne. “Si è fermato prima di alzare le braccia, ma per me non c’era dubbio . Poi voliamo l’uno nelle braccia dell’altro e versiamo una lacrima. È stato molto emozionante. Eravamo così felici di poter essere lì e di poterlo vedere per un po’. Peccato che non possa goderselo da solo perché deve farlo di nuovo a Tokio.

READ  Quattro sostituzioni in Croazia e Scozia devono essere effettuate senza Gilmore | Campionato Europeo 2020

© BELGA

Anche i genitori di Van Aert dovrebbero seguire quelle avventure da casa. “Ha già ottenuto otto vittorie quest’anno, non ultimo”, dice Henk. “Ghent-Wevelgem, due tappe al Tirreno, l’Amstel Gold race, il campionato belga e ora tre tappe al Tour. L’anno non è ancora finito, ma per Wout è già fantastico. Infatti non c’è bisogno di altro di quello. La maggior parte del gruppo può sognare solo con una delle sue otto vittorie perché non c’è una sola piccola gara”.

Leggi anche:

Al van Arte cosa ha suonato l’orologio sugli Champs-Elysees: padre Waut si precipita verso la vittoria a Parigi, dopo di che il figlio Georges può salire sul podio

Il nostro capo del ciclismo ha guardato di nuovo con gli occhi sgranati Wout van Aert: “Assomigliava un po’ a Eddie Merckx” (+)

Notizie fotografiche

© Foto Notizie