QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I genitori trovano assorbenti nel film Pixar “Turning Red” sulla pubertà: “Non è facile discutere di tabù” | film

“La peonia rossa ha iniziato a fiorire?” La madre di Mei chiede se è preoccupata ed eccitata. La parola “mestruazioni” o “periodo” non è mai stata menzionata, ma “Turning Red” (ora sul servizio di streaming Disney+) solleva chiaramente la questione. Poco dopo che gli è stato chiesto, il personaggio doppiato da Sandra Oh si precipita in bagno con una pila di scatole di assorbenti. Poco prima, ha sorpreso sua figlia di 13 anni a fare schizzi carichi di ormoni di se stessa mentre si baciava con il ragazzo che ama.

L’espediente nella nuova animazione della Pixar (in precedenza responsabile di “Alla ricerca di Nemo” e “Toy Story”) dai 6 anni in su: le intense emozioni che scaturiscono nella bambina la trasformano in un gigantesco panda rosso. È chiaramente una metafora dell’età adulta che è appena scoppiata. È raro che questi argomenti (soprattutto in questo modo) siano trattati in un film per bambini. Alcuni genitori sembrano scioccati.

C’è molta negatività su Twitter. Diventare rosso, “non adatto ai bambini piccoli”, è il tema dominante tra gli spettatori critici. Oppure: “Il film non è adatto a persone di età inferiore ai 10 anni, poiché tratta argomenti per i quali non sono preparati o non riescono a capire”.

Tuttavia, ci sono molti messaggi positivi contro di essa. Questi utenti di Twitter sono davvero contenti che un film per giovani renda finalmente queste questioni un argomento di discussione. Oppure: “I genitori che si lamentano di dover spiegare ai propri figli cosa sono le mestruazioni… beh, è ​​davvero offensivo che la Pixar indichi alcune persone sulla scarsa genitorialità”.

READ  L'ultimo scoop nella finale "De mol": i finalisti guardano ...

Mercoledì, Hilda Alberda, un’esperta di mestruazioni dell’Organizzazione per lo sviluppo SEMAVI, è stata ospite alla radio olandese NPO 1. Per quanto la riguarda, “Turning Red” avrebbe potuto essere più reale. “Non solo per le ragazze in Africa e in Asia dove Simavi realizza progetti, ma anche per le ragazze nei Paesi Bassi, il primo periodo mestruale è spesso uno shock. È importante parlarne a casa ea scuola e non essere così riservati. “

Secondo la produttrice di “Turning Red”, Lindsey Collins, affrontare i problemi adolescenziali era già nelle prime fasi del progetto cinematografico. “Tutti i membri dell’equipaggio ci hanno incoraggiato ad avere queste conversazioni sulle mestruazioni e altri momenti nella vita delle bambine”, ha detto a Polygon. “La speranza è che le persone si sentano un po’ imbarazzate oltre a ridere e lo vedano come qualcosa di completamente normale”.