QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“I giovani sono a rischio reale di contrarre il covid polmonare, anche dopo una lieve infezione”

La gravità dell’impatto a lungo termine del coronavirus varia da persona a persona. Uno ha uno dei sintomi, come non essere in grado o annusare a malapena, mentre l’altro ha una serie di problemi di salute.

Non posso più lavorare

Nel Lung Covid Research di RIVM Uno su tre afferma che le sue lamentele sono così gravi da non poter più lavorare. Sorprendentemente, il 95% degli oltre 1.700 partecipanti riferisce di aver sperimentato solo lievi lamentele subito dopo l’infortunio. I risultati dello studio pubblicato questa settimana hanno mostrato che solo il 5% di loro è stato ricoverato in ospedale.

“Diversi studi dimostrano che anche i giovani adulti sono a rischio reale dopo una lieve infezione”, afferma de Jong. menzionato di recente a medicina della natura Studio pubblicato dalla Norvegia. Ciò ha dimostrato che più della metà dei giovani di 16-30 anni aveva ancora lamentele sei mesi dopo l’infortunio.

Questo gruppo di età comprendeva 61 dei 312 partecipanti allo studio. Erano in isolamento domiciliare durante la prima ondata di inquinamento ed erano all’inizio lieve o moderato Malato, lieve o moderato. Dopo sei mesi, il 28% di loro aveva perso il senso del gusto o dell’olfatto. Circa uno su cinque è ancora stanco, uno su dieci ha problemi di memoria e il 13% ha il respiro corto e/o difficoltà di concentrazione.

Cercando nei Paesi Bassi

Il virologo De Jong sta anche studiando le denunce di coronavirus di vecchia data. “Seguiamo un gruppo di pazienti da più di un anno. Dopo un’infezione lieve, sembra che uno su sei abbia ancora lamentele dopo un anno. Questa percentuale è più alta con un’infezione grave: più della metà di questo gruppo è ancora sofferenza Infatti l’età dei pazienti non ha avuto alcun ruolo in essa».

READ  La fiducia nella scienza è aumentata ai tempi di Corona

Sottolinea che molto rimane poco chiaro e che sono necessarie ulteriori ricerche. Soprattutto ora che la variante delta più contagiosa sta progredendo. È stato identificato per la prima volta in India nel dicembre dello scorso anno, motivo per cui ci sono così pochi dati concreti disponibili nel lungo campo del coronavirus.

Preoccupazioni per il Regno Unito

Il capo consigliere medico del governo britannico teme”Grande“Un aumento del numero di giovani con denunce di corona di vecchia data. Secondo Chris Whitty, questo è inevitabile, data l’emergere di una variante delta e una copertura vaccinale inferiore tra i giovani.

Ricercatori britannici hanno recentemente concluso che un paziente asintomatico COVID-19 su tre svilupperà COVID-19. Definizione utilizzata: qualsiasi persona che continua ad avere sintomi dodici settimane dopo essere stata infettata.