QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“I leader autoritari alimenteranno la generazione Z”, afferma il ricercatore Martin Lambert.

Lo afferma il ricercatore culturale Martin Lambert, direttore della ricerca e co-fondatore dell’agenzia Glocalities di Amsterdam. Paragona i giovani in Asia e in Africa ai giovani occidentali degli anni ’60 che si ribellarono contro la rigida morale patriarcale. A volte si dice che i valori liberali stanno svanendo in un mondo in cui i leader autoritari stanno guadagnando potere. Questo studio dimostra che non è così. Il potere dell’urgenza per la libertà e l’emancipazione è sottovalutato.

Secondo lo studio, anche molti giovani nei paesi ricchi si sentono abbandonati dalla società. Si sentono alienati da un sistema che ruota attorno alla competizione economica che ha portato a una crisi climatica e a un aumento dei problemi di salute mentale.

Glocalities ha condotto una ricerca tra il 2014 e il 2022 sulla base di 300.000 interviste in venti paesi. Questo dipinge un quadro di un lento ma costante cambiamento culturale nei paesi emergenti, guidato dalla Generazione Z (i giovani ora di età compresa tra 18 e 24 anni). Lambert afferma che la fede nel patriarcato sta diminuendo.

Nel 2014, ad esempio, il 67% dei giovani russi credeva che il padre dovesse essere il capo della casa, e nel 2022 questa percentuale sarà del 50%. In Cina, il sostegno al patriarcato è sceso dal 45 al 41 per cento, e in Brasile dal 37 al 32 per cento. Inoltre, i giovani dei paesi emergenti ora credono spesso che agli uomini debba essere permesso di mostrare il loro lato femminile. Spesso dicono anche che la famiglia è l’obiettivo più importante della vita.

Europa che invecchia

La metà della popolazione mondiale ha meno di 30 anni, cosa che spesso viene dimenticata nell’invecchiamento dell’Europa. Il 90 per cento di questi giovani vive nei paesi emergenti. Avrà un enorme impatto sul mondo nei prossimi decenni. Si ribelleranno contro i leader tirannici o vorranno fuggire dai loro paesi in cerca di una vita migliore. “In Africa, la generazione più giovane vuole davvero andare in Europa, perché non può prosperare nel proprio paese”, afferma Lambert.

Nonostante il desiderio di libertà, i leader autoritari di tutto il mondo sembrano aver solo guadagnato forza, da Putin e Xi Jinping ai consigli militari in Myanmar e Mali. Cosa otterrà una giovane generazione in cerca di libertà? Anche i giovani hanno sopportato la primavera araba, ma leader autoritari come il generale egiziano Sisi sono stati brutalmente schiacciati.

“In superficie, si vedono sempre più leader come Putin e Xi esprimersi”, afferma Lambert. Ma sotto la superficie vedi una giovane generazione che vuole la libertà. Sta arrivando un’enorme ondata, la generazione più istruita della storia, più fiduciosa nell’istruzione e nella scienza rispetto ai suoi predecessori e connessa digitalmente al resto del mondo. Sta diventando sempre più difficile per gli “uomini forti” sopprimere questa corrente sotterranea. L’escalation della repressione non è un segno di forza, ma di debolezza. Il divario generazionale si sta allargando”.

Più pessimismo

La ricerca sulle glocalità mostra anche che il pessimismo tra i giovani è aumentato in tutto il mondo. Nel 2014, il 40% ha affermato che a volte non si fida del futuro e nel 2022 quella cifra è del 47%.

Il conflitto globale tra democrazia e autoritarismo è spesso presentato come uno scontro tra il desiderio di libertà e il bisogno di controllo. Nei paesi ricchi, gli elettori insicuri si rivolgono a politici autoritari come Trump, Le Pen e Orban. Secondo Lambert, gioca un ruolo un’altra contraddizione, quella dell’alienazione e della prosperità. “Le persone che prosperano sentono di poter raggiungere il loro scopo nella vita. Le persone che si sentono alienate sentono che il loro mondo sta cadendo a pezzi e che le loro vite rimangono insoddisfacenti, non importa quanto ci provino”.

Questa alienazione non è solo tra i sostenitori dei politici di estrema destra, come è stato spesso notato, ma anche tra i giovani che anelano alla libertà. Nei paesi emergenti il ​​loro desiderio è spesso soffocato da una società autoritaria. Nei paesi democratici, l’alienazione ha una ragione diversa. I giovani soffrono di problemi psicologici, hanno a cuore il clima e non si sentono ascoltati dalla politica e dalla società.

Un’immagine diversa di un uomo

I giovani si divertono, dice Lambert, ma desiderano anche una visione diversa dell’umanità. “Il modello economico umano è al verde. A cosa ha portato un’attenzione razionale alla crescita economica? Abbiamo un alto tasso di esaurimento, una crisi di salute mentale, una crisi climatica. Lo vedo nei dati. I giovani cercano un modello diverso Vogliono significato e significato e anche creatività e arte di vivere. Ecco perché vedi che molti giovani vorrebbero lavorare part-time. Sta emergendo una nuova immagine dell’essere umano, il fiorino dell’essere umano – il prospero essere umano – ma questo non si è ancora cristallizzato.”

Lambert ritiene che si dovrebbe prestare maggiore attenzione alla dimensione psicologica del malcontento politico. Il contrasto tra la polarizzazione tra democrazia e autoritarismo è molto semplice. L’alienazione si verifica non solo tra i sostenitori di Trump, ma anche tra i sostenitori del politico democratico di sinistra Alexandria Ocasio-Cortez. Inoltre, ci sono emarginati su entrambi i lati dello spettro politico che si sono talmente alienati dal sistema da non votare più. Lambert: “In una società sana, liberali e conservatori possono andare bene insieme. Ma se c’è troppa alienazione da entrambe le parti, diventa pericoloso perché la polarizzazione e la pressione sul sistema diventano troppo grandi”.

Ruut Veenhoven, professore emerito di sociologia all’Università Erasmus di Rotterdam e non coinvolto nella ricerca, ritiene che i risultati si adattino bene a “un più ampio processo di modernizzazione sociale”. Il crescente malcontento nei confronti della società e il maggiore interesse per la politica sono due delle questioni” che hanno avuto un ruolo anche nella nostra società negli anni ’60 e ’70. Giovani radicali.

Veenhoven commenta, tuttavia, che Lampère ha svolto le sue ricerche online, il che significa che le persone che non vi hanno accesso non vengono discusse. “Stimo che l’avanguardia culturale abbia ricevuto più attenzione nei dati dei paesi in via di sviluppo”.

READ  NATO: Putin si prepara a una lunga guerra | All'estero