QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I linfociti T possono garantire che non si ottiene sempre la corona

Con i tassi di infezione in aumento di recente, potresti anche notare nel tuo ambiente che sempre più persone vengono infettate dal coronavirus. Ma scappi sempre dal ballo? Quindi potrebbe essere correlato alle cellule T nel tuo corpo.

nessuna aura

Sei abbastanza fortunato che i risultati del tuo test rimangano negativi, ma ti sei imbattuto in situazioni in cui ora pensi: in realtà è impossibile che altre persone abbiano contratto la corona, e io no? Quindi potresti avere un numero maggiore di cellule T. Almeno, questa è la conclusione di uno studio pubblicato sulla famosa rivista scientifica britannica Nature.

Ricerca

Nel 2020 hanno partecipato allo studio 52 persone. Vivevano con una persona risultata positiva al coronavirus. I ricercatori hanno notato che in alcune famiglie alcune persone sono risultate negative al test PCR. Si scopre che queste persone hanno molti linfociti T, ha detto a Sky News lo scienziato delle malattie infettive Ajit Lalvani dell’Imperial College di Londra.

Attraverso campioni di sangue, i ricercatori hanno scoperto che il numero di cellule T era significativamente più alto nelle 26 persone che non avevano l’infezione rispetto alle altre 26 persone che avevano il virus. Questi linfociti T sono generati, ad esempio, da una precedente infezione, come il virus del raffreddore “naturale”. Ajit sottolinea che questo potrebbe essere uno dei motivi per cui le persone sono protette dal coronavirus.

Leggi anche: Dedrick Gummers: Dobbiamo convivere con Corona nei prossimi anni

È importante sapere

Sebbene i ricercatori considerino questo un risultato importante, vale la pena sottolineare che “nessuno dovrebbe fare affidamento solo su questo”. Il modo migliore e più efficace per proteggere te stesso e gli altri dal virus Corona è vaccinarsi e aderire alle misure Corona.

READ  Login verde nell'app, ma Corona: ``Si tratta di un rischio residuo'

La loro ricerca potrebbe aiutare a sviluppare una nuova generazione di vaccini. In questo modo, sperano di indurre un’immunità più lunga e di proteggere dalle varianti attuali e future del coronavirus.

più fidanzata? Seguici Sito di social network Facebook in un Instagram. Puoi anche iscriverti al nostro settimanale volantino amico.

fonte: Linda
Foto: Getty Images