QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I manifestanti attaccano il consolato iraniano in Iraq dopo l’uccisione di un attivista …

Manifestanti arrabbiati hanno cercato di prendere d’assalto il consolato iraniano nella città irachena di Karbala domenica sera e hanno dato fuoco a diversi posti di blocco. Testimoni oculari hanno riferito che le forze di sicurezza hanno sparato munizioni vere per disperdere i manifestanti. Almeno dieci persone sono rimaste ferite. I video sui social media hanno mostrato come sono state incendiate parti dell’ingresso del consolato. Nessuna risposta ufficiale all’attacco di domenica sera.

La manifestazione è scoppiata sabato sera dopo che il noto attivista iracheno Ihab Jawad Al-Wasani è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco fuori dalla sua casa a Karbala, secondo fonti della sicurezza. Non è stato il primo attacco ai militanti in Iraq. I manifestanti ritengono responsabili le milizie filo-iraniane. Il funerale di Al-Wasini è stato accompagnato da proteste.

Foto: AFP

E domenica sera c’è stato un nuovo attacco, questa volta al giornalista Ahmed Hassan del canale iracheno Al-Furat. Si dice che l’uomo sia stato colpito da un proiettile “mentre lasciava la macchina e tornava a casa” vicino alla città di Al-Diwaniyah. Secondo uno dei medici, era in terapia intensiva con “due proiettili alla testa e uno alla spalla”.

Il primo ministro Mustafa Al-Kazemi ha detto alla sua riunione di gabinetto che i responsabili dell’uccisione di Al-Wasani non sarebbero sfuggiti “alla morsa della giustizia”. “Perseguiremo gli assassini”, ha detto l’Agenzia di stampa irachena citando Al-Kazemi. L’ambasciata americana a Baghdad, così come l’ambasciatore britannico in Iraq, Stephen Hickey, hanno condannato l’omicidio.

Attivisti ed esperti uccisi

Dall’ottobre 2019, ci sono state proteste regolari in Iraq che a volte si trasformano in violenza. I manifestanti chiedono la riforma del sistema politico e la fine della corruzione dilagante. Stanno affrontando le proteste, tra le altre, delle milizie filo-iraniane nel Paese.

READ  Il Partito Verde tedesco accetta di avviare i negoziati del governo di coalizione | All'estero

Dall’inizio delle proteste, molti attivisti e personaggi pubblici sono stati uccisi, tra cui l’attivista per i diritti umani Reham Jacob e il famoso storico ed esperto di terrorismo Hisham Al-Hashemi. Al-Wasani è stato una forza trainante dietro le proteste e in realtà è sopravvissuto a un attacco nel dicembre 2019, secondo il canale di notizie Al-Arabiya.