QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I microrobot forniscono farmaci antitumorali ai tumori polmonari

I microrobot forniscono farmaci antitumorali ai tumori polmonari

Il cancro che si è diffuso ai polmoni può essere trattato con un farmaco incapsulato Si siede Nelle nanoparticelle trasportate dalle alghe.

I microbot, o microbot, sono un modo promettente per curare le malattie. Possono raggiungere luoghi difficili da raggiungere. Lì potranno consegnare il loro prezioso carico, le medicine. I ricercatori dell’Università della California a San Diego sono riusciti per la prima volta a combattere con questo approccio i tumori polmonari nei topi. Scrivono delle loro scoperte Progresso della scienza.

Leggi anche:

camuffare

I ricercatori hanno dato alla luce Joseph Wang e Liangfang Zhang notato prima Trattando la polmonite nei topi con un antibiotico nascosto in nanoparticelle attaccate alle alghe. Le alghe poi “nuotavano” nei luoghi in cui la medicina doveva agire.

Questa volta, i due team hanno creato i loro minuscoli robot riempiendo le stesse nanoparticelle con il farmaco antitumorale doxorubicina. Le nanoparticelle hanno uno strato costituito da membrane di globuli rossi. In questo modo le nanoparticelle si mimetizzano con il sistema immunitario e il farmaco può agire più a lungo.

Un diagramma che spiega come i microrobot somministrano farmaci antitumorali ai tumori polmonari.
Come funziona il trattamento microrobotico dei tumori polmonari metastatici? Le alghe nuotano verso le cellule tumorali e trasportano il farmaco confezionato in una nanosfera.

Alghe natanti

Inoltre le nanosfere erano bloccate in una cellula di alghe. L’idea è che queste alghe, specie Chlamydomonas reinhardii, Il farmaco poi raggiunge il tessuto polmonare più profondo, dove uccide le cellule tumorali.

I ricercatori sottolineano che la combinazione di nanoparticelle e alghe è completamente sicura. Le perle sono realizzate con polimeri completamente biodegradabili e le alghe sono già utilizzate nella produzione di medicinali e vengono viste come una potenziale fonte di cibo.

Meno effetti collaterali

I ricercatori hanno utilizzato topi il cui cancro della pelle si era diffuso ai polmoni. Hanno inserito i microrobot nella trachea attraverso un tubo stretto. Il concetto ha funzionato: i topi trattati hanno vissuto in media 37 giorni. 10 giorni in più rispetto ai topi non trattati. Gli animali che hanno ricevuto solo il farmaco (nessun piccolo robot) non sono riusciti a sopravvivere per più di 27 giorni.

READ  Come controllare le talpe intasate?

Il prossimo passo sarà testare i microrobot su animali più grandi, come i maiali. Con l’obiettivo finale: usarlo nelle persone. Perché se il trattamento funzionasse bene anche nell’uomo, ciò potrebbe significare che la dose del farmaco antitumorale potrebbe essere ridotta. Ciò può ridurre gli effetti collaterali potenzialmente gravi.

fonti: Progresso della scienza, UC San Diego tramite EurekAlert!

Foto: Cheng Xing Li