QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I numeri sanitari olandesi sotto esame

cura graduale

C’erano già problemi sanitari prima della pandemia di Corona, ma ora la crisi sanitaria sta iniziando a emergere nei Paesi Bassi. La società è sempre più critica nei confronti del ruolo del governo in questo, che a volte sembra essere in diretto conflitto con i professionisti medici, il personale ospedaliero e i desideri dei pazienti. Una nuova pagina in questo capitolo oscuro dell’assistenza sanitaria olandese è la chiusura del Dipartimento di cardiochirurgia (pediatria) dell’UMCG e del Centro per i difetti cardiaci congeniti Amsterdam-Leiden (CAHAL). In un periodo in cui la capacità e l’accesso alle cure sono più importanti che mai, sembra che la riduzione delle cure vada contro questo. Questo sviluppo potrebbe determinare il corso della politica sanitaria che possiamo aspettarci nei prossimi anni? Questo articolo esamina più da vicino i numeri sanitari olandesi.

Diminuito il numero di posti letto in ospedale

Negli ultimi anni, ci sono state sempre più indicazioni di riduzione dell’assistenza sanitaria nei Paesi Bassi. chiamiamola subito argomento caldo, il numero dei posti letto disponibili diminuisce ancora ogni anno. in numeri da Stato sanitario e assistenziale È chiaramente visibile la diminuzione annuale del numero di posti letto ospedalieri. Questa informazione è fino al 2018 e raggiunge 39.900 posti letto quell’anno. dalla fonte CBS Un dato noto per il 2019, quando c’erano 38.700 posti letto in ospedale. Per fare un confronto, nel 1980 c’erano 73.100 letti d’ospedale nei Paesi Bassi, quasi il doppio del numero.

Cresce il numero delle professioni sanitarie

La stessa fonte di Statistics Netherlands mostra che il numero di professioni nel settore dell’assistenza è in forte aumento. I dati delle professioni sanitarie mostrano che nel 2019 c’erano 12.455 medici generici nei Paesi Bassi. Si tratta di 4.745 in più rispetto al 2000. Anche il numero di professionisti sanitari è aumentato da 10.575 nel 2000 a 20.850 nel 2019, quasi raddoppiando. La domanda sorge spontanea: come aumenta il numero dei medici specialisti, mentre diminuisce il numero dei posti letto in ospedale? Una possibile spiegazione potrebbe essere che la durata del ricovero sia diminuita: nel 2000 la durata media della degenza ospedaliera era di 8,4 giorni e nel 2019 è scesa a 5,2 giorni.

READ  Il capo dell'OMS avverte delle vacanze in mezzo all'ondata di Omicron: "Un evento cancellato è meglio che cancellare una vita" | Corona virus quello che c'è da sapere

uso sanitario

Nel 2019, il 68,7% della popolazione di età pari o superiore a 0 anni ha avuto contatti con il proprio medico di famiglia negli ultimi 12 mesi. Nota: una diminuzione del 6,9% rispetto al 2000. E le visite ai professionisti sanitari? I dati dell’Ufficio statistico olandese mostrano che nel 2000, il 38% del gruppo target intervistato ha utilizzato cure specialistiche. Nel 2019, questo è leggermente aumentato del 39,9%.

I costi sanitari stanno aumentando molto rapidamente

Meno posti letto in ospedale, il numero dei medici specialisti è quasi raddoppiato e il numero dei giorni di degenza si è ridotto. Che effetto ha questo sui costi sanitari? La spesa sanitaria totale è stata di 45,4 miliardi di euro nel 2000. Nel 2010 è salita a 58,8 miliardi di euro e nel 2020 a 116,2 miliardi di euro. In 20 anni, questi costi sono più che raddoppiati. Dato che i costi dell’assistenza sanitaria stavano già aumentando notevolmente prima della pandemia di Corona, si prevede che aumenteranno ancora di più a causa di Corona. Non c’è modo di fermare questa tendenza?

Deterioramento nell’accesso alle cure?

Con una politica sanitaria che costa ai Paesi Bassi ogni anno molti più soldi e in cui specialisti, personale ospedaliero e pazienti non sono sempre d’accordo con il governo, il dialogo sembra perso. L’argomento avanzato per la centralizzazione della cardiochirurgia, ad esempio, è quello di garantire la qualità delle cure in futuro. Tuttavia, la tempistica di questa decisione è particolarmente sfavorevole, soprattutto in un periodo in cui la capacità di nutrire lascia a desiderare. Per approfondire nuovamente i numeri, la Heart Foundation parla, sulla base dei dati della Società olandese di chirurgia toracica, di circa 4.000 pazienti cardiopatici che non hanno ricevuto cure dallo scoppio dell’epidemia di Covid-19 a causa della limitata capacità del circuito integrato.

READ  Jean Paternot (D66) discute di "scatole di puntura" in tutto il paese

Nuove iniziative

Ora che l’assistenza sanitaria olandese è stata sottoposta a forti pressioni, il punto positivo è che ci sono nuove iniziative. Accesso a nuove cure o farmaci, per esempio Nuove cure per il morbo di Parkinsonmalattie cardiache o cancro, Il SocialMedwork† Aiuta i pazienti ad accedere ai medicinali in modo sicuro e legale in paesi che non sono ancora sul mercato. Nell’ambiente sanitario odierno, in cui i pazienti sono alla ricerca di informazioni affidabili e trattamenti appropriati, iniziative come TheSocialMedwork possono fornire un certo sollievo.