QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I Paesi Bassi sotto RutteVier sono diventati l’Italia

Il nuovo governo, RutteVier, sarà una sinistra senza precedenti nei Paesi Bassi in termini di accordi raggiunti nella Coalizione. Finora la tesoreria pubblica non è stata così trascurata. Lo stato sociale è stato ampliato con servizi di assistenza all’infanzia (quasi) gratuiti per tutti. Il controllo libero è previsto per gli hobby di sinistra. Regole di rotta, comandi di Gock e richieste di Claver.

Il Svolta a sinistra Era già stato lanciato con il precedente cabinet RutteDrie a un costo aggiuntivo molto elevato e, anche allora, i Paesi Bassi pretendevano di essere i pionieri del clima in Europa, così come il mondo.

L’estrema sinistra D66 ha dominato anche il governo precedente, che a sua volta si è concentrato sull’opposizione di sinistra, in particolare GroenLinks. Temi importanti – soprattutto Jesse Claver non deve governare per essere un leader nella politica climatica.

L’Olanda è così di sinistra?

Ad esempio, i Paesi Bassi sono di nuovo governati dalla sinistra, mentre la coalizione dovrebbe essere di centrodestra. Per questo ha votato la maggioranza degli elettori. Quella maggioranza di certo non ha votato. Tuttavia, il popolo olandese, per la seconda volta, ha un governo di sinistra che la maggioranza non vuole. Theo Walters Ne ho già parlato prima Durante la settimana di Vinia.

Com’è possibile che la Sinistra venga sconfitta alle elezioni e largamente emarginata, ma ancora sbattuta? La dichiarazione si chiama: leva. O, più precisamente, le tre leve.

Leva Uno: Alleanza

Il primo accordo di alleanza della leva. Ogni partito può avanzare le proprie richieste per una coalizione, anche se non ha una maggioranza tra il popolo o una maggioranza in parlamento. Se D66 insiste – come ha detto Sigrid Gock – che dovrebbe esserci un governo “progressista” o “sociale”, allora altri partiti potrebbero rifiutarlo, ma dovrebbero cercare altri partner di coalizione o passare a un governo di minoranza.

Questo vale anche per piccole feste come ChristenUnie. Ad esempio, a livello di politica familiare o medico-etico, può porre richieste molto specifiche all’alleanza senza Christine Uni. La posizione di partiti come il D66 e ChristenUnie (che ha caratteristiche di sinistra ed è significativamente più spesso un alleato del D66) è rafforzata dall’urgente necessità di VVD e CDA.

Implementare

OK: VVD ha urgente bisogno di D66 e ChristenUnie perché Mark Rutte vuole essere primo ministro a tutti i costi, se non nel gabinetto di minoranza perché Rutte non se ne rende conto. E non solo il CDA è desideroso di governare, ma soprattutto non ci sono elezioni anticipate perché segna la fine del CDA.

READ  Hope, 56 anni, vive in Italia e chiede giustizia per la sua fidanzata Macchina

La sinistra nei Paesi Bassi è piccola, ma la D66 vuole che Van Gogh sia il più grande della sinistra, quindi vuole tagliare l’erba per la sinistra dell’opposizione (in particolare GroenLinks e PvdA) attraverso un patto di coalizione di sinistra. ‘E’ sociale’. Dal momento che Mark Rutte e Wopke Hoekstra vogliono comunque governare, Kaag può chiedere ciò che vuole. E ChristenUnie mette un piccolo freno alle questioni medico-etiche, ma è un alleato di sinistra del D66 (e di GroenLinks e PvdA).

Leva due: campagna

La seconda leva che consente alla sinistra di governare è quando il centro del paese è a destra, mentre il circo della lobby intorno a Pinnacle e gli (ex) politici di VVD, CDA, D66, PvdA e GroenLinks sono spesso assunti come attivisti. . Ci sono circa due tipi di lobbying.

In primo luogo, la lobby del settore aziendale, come i governi, l’assistenza sanitaria e l’istruzione, è spesso aiutata dai sindacati. Combattono sempre per più soldi e più (mezzo) governo, motivo per cui sono l’alleato naturale della sinistra.

In secondo luogo, il settore influente è rappresentato da VNO NCW tra le aziende, in particolare le grandi società, tra le altre. Finché la legge funziona a favore e ci sono importanti programmi governativi che vanno a miliardi (grandi) aziende, quella lobby va nel vento.

Le grandi aziende amano guidare in base al tempo

Non è un caso che le grandi aziende siano sempre più guidate dai fan di D66. Il presidente di VNO NCW Ingrid Thijssen è un membro di D66. Anche al culmine delle aziende c’è spesso una situazione di cittadino mondiale cosmopolita e gli effetti di un’immigrazione massiccia, spesso senza speranza, non si fanno sentire nei bei quartieri in cui vivono questi membri del D66. Anche ai massimi livelli delle istituzioni, per quanto superfluo, il senso di vita della sinistra contro il clima, l’assistenza allo sviluppo, le migrazioni e l’azoto è accettato inutilmente.

Se il Binnenhof Top di VVD non è già mentalmente diventato il D66 negli anni di Rutte, sono stati promossi in quella direzione da banche e multinazionali. O, francamente, cinico: molte aziende si fregano le mani quando politici come D66 vogliono trasformare i Paesi Bassi in un pioniere del clima senza azoto. Sotto il motto: non chiedere come si fa, ma approfittane. Quando il pastore predica la passione, il mercante conta i suoi soldi.

READ  L'isola dove l'uomo italiano ha vissuto solo per 32 anni e ...

Leva Tre: Senato

Il Senato è la terza leva per riportare la sinistra al potere in questo Paese a maggioranza di centrodestra. I cabinet Rutte raramente hanno una maggioranza permanente, quindi di tanto in tanto è necessario un sostegno. Dalla presidenza del Senato governano anche GroenLinks e PvdA, in quanto VVD e CDA – come alla Camera dei Rappresentanti – preferiscono la sinistra alla destra, preferendo comunque il D66.

Ecco, il Rutland olandese. Visto in questo modo, ci vogliono nove mesi per raggiungere un accordo di coalizione (dieci mesi perché un governo venga alla ribalta in futuro). Molto tempo dopo le elezioni, la gente non sa che la sinistra non ha vinto le elezioni. Più lunga è la formazione, meno importante è il cittadino. Tanto “Nuova cultura manageriale”.

Quelli che mangiano la morte

Quindi non si è rivelato un sottile accordo di coalizione, anche se se tutti i clinker, il pubblico ei commenti fossero stati tralasciati sulle politiche continue del governo, avrebbe potuto essere limitato a dieci pagine A4. Perché davvero: la nuova alleanza di Rutte con gli Alleati, l’alleanza non si nota, tranne per il ruolo di Big Spender, che l’alleanza si definisce.

Significativamente il più delle volte la nuova alleanza e la vecchia alleanza si lodano. Mentre leggi, ti chiedi anche cosa hanno pensato per così tanti mesi. O principalmente per VVD e CDA: questo dovrebbe creare l’impressione di un affare conquistato a fatica?

Big Spender N.L.

Nel frattempo, il fatto che i Paesi Bassi siano diventati un grande spendaccione non sfugge all’attenzione del resto d’Europa. Per trent’anni, dai dibattiti sull’euro nel 1991 al fondo corona nel 2020, i Paesi Bassi hanno misurato altri paesi (del sud) e hanno chiesto un’azione drastica se non hanno ridotto i costi o aumentato l’onere. Ora i Paesi Bassi sono diventati un paese dell’Europa meridionale.

Il denaro in qualche modo fuorviante viene preso in prestito attraverso “fondi” come il fondo per il clima (35 miliardi in dieci anni), il fondo per l’azoto (25 miliardi in dodici anni) e il fondo per la conoscenza (5 miliardi in dieci anni). . Questo, insieme ai piccoli 14 miliardi di costi aggiuntivi “ordinari”, porta il totale a circa 20 miliardi extra Per anno.

Più costoso dei tagli precedenti

Ora si spende molto di più per i periodi economici positivi che per i primi gabinetti di rotta che sono stati ritirati dall’economia durante i periodi difficili (2012-2016). Sotto lo stesso Primo Ministro, i Paesi Bassi sono passati dall’essere un paese parsimonioso a un paese sprecone.

READ  Il tribunale italiano inizia il processo a Roma dopo i disordini

Con un’inflazione relativamente alta, una crescita economica relativamente alta e una carenza cronica di personale, sarebbe saggio stringere leggermente il cappio. RutteVier, invece, getta olio sul fuoco. Non è perché sta migliorando il Paese. Ma per comprare concessioni da tutti e tutti e fingere che i suoi oneri non saranno trasferiti alla prossima generazione.

Al momento, è inutile che i cittadini del Paese buttino loro soldi perché il reddito disponibile netto di molti in bilico è in ritardo. Se gli olandesi alla fine unissero le forze con Norgostat nei Paesi Bassi per combattere e controllare la densità della popolazione, RutteVier non sarebbe davvero il posto giusto per loro. Con l’aumento esponenziale dell’afflusso di richiedenti asilo, la D66 è infatti riuscita a quasi raddoppiare il numero dei richiedenti asilo invitati (da 500 a 900). Regolare.

Con questo accordo di coalizione, il governo RutteVier diventerà di sinistra almeno quanto il leggendario governo di sinistra Den Uyl (1972-1977), anche se va notato che quelle spese del governo dovrebbero inasprire il regime entro due anni. Lasciato il progetto.

In precedenza la guida è ancora in discussione

Sotto RutteVier è finito un Paese capace di misurare altri Paesi, soprattutto in termini di finanze pubbliche. L’Olanda è diventata l’Italia.

Come i paesi del sud dell’UE, i Paesi Bassi devono ora credere che la Banca centrale europea continuerà con un tasso di interesse più basso (sotto lo zero). Sebbene le banche centrali del Regno Unito e degli Stati Uniti abbiano già aumentato i tassi di interesse in vista dell’inflazione, è probabile che la BCE continui a farlo fino al 2023. Se succede anche qui, le rape sono cotte.

Ma per ora il nostro discorso è. L’Accordo di Alleanza è orgoglioso dell’importante ruolo che i Paesi Bassi hanno nel mondo.

La federazione punta al “ruolo pionieristico del Regno dei Paesi Bassi” e mira a svolgere “un ruolo di primo piano” in un’UE sempre più forte. Ovviamente.

La settimana della vite Offre anche riviste senza filtri e senza restrizioni nel nuovo anno. Sostieni la Wynia Week? Anche quello nel 2022? Puoi donare Qui Grazie!