QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I pazienti con Covid a lungo termine beneficiano di cure, alimentazione ed esercizio fisico più personalizzati (UZ Bruxelles)

I pazienti con Covid a lungo termine beneficiano di cure, alimentazione ed esercizio fisico più personalizzati (UZ Bruxelles)

Il trattamento personalizzato dei pazienti affetti da Covid da lungo tempo in termini di alimentazione ed esercizio fisico non solo garantisce un recupero più rapido del paziente, ma migliora anche la qualità della vita. Ciò emerge chiaramente da uno studio pilota condotto da UZ Bruxelles.

Attraverso lo studio pilota, i servizi di nutrizione clinica, dietetica, medicina fisica e riabilitazione dell’UZ di Bruxelles e il gruppo di ricerca sulla riabilitazione del gruppo di ricerca VUB hanno tentato di determinare in che misura un approccio personalizzato alla nutrizione e all’esercizio fisico può aiutare le persone con Covid da lungo tempo.

In questo studio, i ricercatori hanno reclutato 65 partecipanti con una lunga convivenza con Covid in Belgio. L’età media era di 43 anni, il 65% erano donne e il loro indice di massa corporea medio era di 26 kg/m2. La maggior parte dei partecipanti aveva un’infezione lieve da COVID-19 e la durata media dei sintomi prolungati di COVID-19, come l’affaticamento, era di 78 settimane.

I partecipanti sono stati divisi in un gruppo sperimentale e un gruppo di controllo. I pazienti nel gruppo di controllo hanno ricevuto terapia fisica per Covid a lungo senza guida nutrizionale personale. Nel gruppo di prova, i pazienti hanno ricevuto un trattamento personalizzato personalizzato su misura, compresi consigli nutrizionali individuali da parte di un dietista e un programma di esercizi fisioterapici di dodici settimane.

I partecipanti al gruppo sperimentale hanno beneficiato in media di dieci consultazioni con nutrizionisti e nutrizionisti, nonché di quindici sedute di fisioterapia. I ricercatori hanno esaminato la composizione corporea del paziente e ne hanno misurato il metabolismo a riposo. Facevano parte dell’analisi anche le abitudini alimentari, come il numero di calorie, la quantità di proteine ​​e la qualità della dieta. Sulla base di ciò, il dietista fornisce consigli personalizzati per orientarsi verso una dieta migliore e più sana.

READ  "Senza farmaci, avrebbe avuto più convulsioni."

Per verificare l’efficacia del trattamento dopo dodici settimane, i ricercatori hanno testato quante volte i partecipanti di entrambi i gruppi riuscivano ad alzarsi da una posizione seduta entro un minuto. “I partecipanti al gruppo di intervento hanno eseguito quattro ripetizioni aggiuntive, rispetto alle tre del gruppo di controllo. Il cambiamento di tre ripetizioni aggiuntive è considerato clinicamente significativo”, ha affermato il professor David Beckoy, capo del VUB Rehabilitation Research Group. I partecipanti al gruppo di intervento sono stati anche in grado di camminare in media 35 metri in più in 6 minuti.

La professoressa Elizabeth De Waile è ottimista riguardo alle future cure per il Long-Covid. “Questo studio pilota non è adatto a dimostrare se i pazienti effettivamente guariscono, ma i risultati sono promettenti e rafforzano la necessità di ricerca su un approccio multidisciplinare per il trattamento del Long-Covid”, afferma De Waele. “Non siamo ancora arrivati ​​a quel punto, ma queste nuove intuizioni sono molto importanti”.

Anche un approccio individuale può dare sollievo, secondo Stijn Ruggemann, medico e fisiatra, anche se i suoi effetti non sono un trattamento completo e i disturbi non scompaiono del tutto. “Le misurazioni effettuate all’inizio dello studio hanno dimostrato che le condizioni fisiche generali erano scadenti. Grazie a questo studio pilota vediamo gli effetti positivi di un programma multidisciplinare sull’aumento della flessibilità”, conclude Rugman.

> Cosa influenza il rischio di infezione da coronavirus a lungo termine?