QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I pediatri in alcuni casi sostengono ancora la vaccinazione dei bambini sani

Ieri il Consiglio sanitario ha avvisato i bambini dai 5 agli 11 anni Vaccinazione contro il corona con cattive condizioni di salute. Probabilmente il ministro De Jonge lo adotterebbe.

I pediatri ora credono anche che i bambini sani dovrebbero essere in grado di ricevere un’iniezione. Karoly Ely, presidente della Società Olandese di Pediatria, cita come esempio che è una buona idea vaccinare un bambino se c’è un familiare debole, o se il nonno o la nonna si prendono cura regolarmente dei bambini.

“E come genitori dite: ‘Dato che è un vaccino sicuro, apprezzo ancora che mio figlio venga vaccinato'”, dice il pediatra.

Al posto di quello

In precedenza, Ellie era ancora titubante. Aveva “difficoltà” a vaccinare i bambini piccoli. Alla fine di novembre, ha detto: “Perché in realtà stai usando i bambini come strumento perché gli adulti non si assumono la responsabilità di loro”. a EenVandaag.

“Non raccomandare attivamente la vaccinazione”

Detiene ancora questa posizione. “Non abbiamo agito su questo”, dice. “Non abbiamo idea, almeno per quanto ne sappiamo ora i numeri, che i bambini sani dovrebbero essere effettivamente consigliati di vaccinare. Lo facciamo con i bambini di età superiore ai 12 anni e diciamo: è saggio vaccinare visti i rischi che i bambini dai 12 anni in su corrono”.

Eli non esclude la possibilità di adeguare la posizione dell’associazione in un secondo momento. Secondo lui esiste una “visione in continua evoluzione”. Fa notare che si sta acquisendo una grande conoscenza ora che migliaia di bambini vengono vaccinati negli Stati Uniti, in Israele e in Austria, tra gli altri paesi.

Consigli

Il Board of Health sta ancora lavorando a un rapporto consultivo sulla possibilità che anche il gruppo di bambini sani possa beneficiare di un vaccino.

READ  Studio: le donne in gravidanza hanno meno visite dal medico di famiglia dallo scoppio dell'epidemia

Alcuni genitori hanno affermato che i consigli sui bambini vulnerabili erano attesi da tempo. Bettina per esempio. In precedenza aveva cercato di far vaccinare la figlia indebolita Carmen (7 anni), ma senza successo.

“I medici non hanno osato assumersi la responsabilità, perché non c’era ancora l’approvazione”, dice nel video qui sotto: