QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I primi fuggitivi e i favoriti dominano l’inizio del Tour in Italia

I primi fuggitivi e i favoriti dominano l’inizio del Tour in Italia

Quanto faceva caldo. Nel fine settimana di apertura del Tour de France di quest’anno, partito dall’Italia per la prima volta nella storia, le temperature sono subito salite sopra i trenta gradi. I Raiders sono apparsi presto Pacchetti di neve E durante la gara hanno bevuto litri di acqua fresca e bevande sportive.

Come al solito in Italia, c’è stato il caos. A Firenze sabato mattina presto, i cittadini hanno aperto le barriere della folla e si sono radunati attorno ai corridori. Fine della prima tappa, sull’autostrada per la località balneare di Rimini. E sul viale di Rimini i bagnanti sembravano non prestare molta attenzione ai corridori, e la spiaggia o la partita di calcio Italia-Svizzera iniziavano nello stesso momento in cui finivano.

Una trama separata

Ci sono state due sorprese in gara: una grande e una piccola. Sabato la grande sorpresa: un colpo spettacolare da parte del gruppo ciclistico DSM-azienda PostNL. Su una tappa di 3.600 metri sugli Appennini, il francese Romain Bardet ha sorpreso tutti conquistando la vittoria e la maglia gialla. E lo deve interamente alla squadra che ha tagliato il traguardo: il professionista olandese al primo anno Frank van den Broek (23).

Nel primo giorno del suo primo Tour, van den Broek, originario di Leida, l’anno scorso era un ciclista di livello club nello stesso periodo. Quando il gruppo di testa ha iniziato ad allontanarsi, Bardet è passato dal fondo della corsa. Hanno corso insieme a Rimini, dove sono riusciti a rimanere esattamente cinque secondi davanti al gruppo che avanzava. Un trionfo bello e ben pensato.

Bardet ha tagliato il traguardo per primo, ma van den Broek è apparso forte per tutta la tappa, meritandosi davvero la vittoria. Successivamente, ha detto che le sue gambe erano “completamente vuote” e che non c’era comunicazione tra lui e il suo capo sulla vittoria di giornata e su chi avrebbe ottenuto la maglia gialla. Tuttavia il direttore sportivo della DSM Matt Winston ha chiarito che la vittoria di giornata è andata al francese: Bardet (33) è al suo ultimo Tour de France e non ha mai corso in giallo prima.

READ  Elogio del Belgio: "Guardate Italia e Olanda"

Il giorno dopo, alla partenza dei venti chilometri da Rimini a Cesenatico, van den Broek aveva in faccia lo stesso gran sorriso di dopo l’arrivo. “Mi ci è voluto un po’ per addormentarmi ieri,” ha detto. Il numero di messaggi che ha ricevuto sul suo cellulare era “insopportabile”. Un po’ più lontano, il compagno di stanza di van den Broek, Oscar Onley, ha detto: “Non è l’ultima volta che vedrò Frank in questo tour”.

Forma di Wingegard

Una piccola sorpresa è accaduta domenica, nella gara di ritorno contro il Bologna. In finale i corridori hanno dovuto scalare due volte il Colle della Guardia, la salita più ripida fino alla Basilica di San Luca (10,6% di media). Il vincitore di giornata è stato ancora una volta un francese: Kevin Walklin, appena 23enne, proprio come van den Broek. Era l’unico sopravvissuto del gruppo in fuga.

Frank van den Broek (a sinistra), olandese di 23 anni, e il francese Romain Bardet di 33 anni hanno tagliato il traguardo della prima tappa sabato. Bardet vince la tappa e si prende il giallo.
Foto di Guillaume Horcajuelo

Ma non è stata questa la sorpresa della giornata. È successo tra i corridori di classifica ed era tutta una questione di forma di Jonas Wingegaard. Ad aprile il due volte vincitore del Tour danese ha subito una grave caduta e per molto tempo è stato incerto se avrebbe partecipato al Tour. Nessuno sa se si è ripreso abbastanza per competere seriamente in classifica. Ma la forma di Vingegaard sta andando bene così come si è presentata a Bologna. Quando il suo rivale Tadej Pogacar ha attaccato sulla seconda salita del San Luca, è riuscito a seguirlo senza problemi. Poi hanno cavalcato insieme fino alla fine. Bokkar indossa la maglia gialla, ma ora sa di avere almeno un rivale per il successo assoluto nel tour.

READ  "La scarsa disponibilità in Italia stimola la domanda di kiwi greci"

Wingegaard sembrava molto bello e rilassato dopo la tappa accanto al bus del suo team Wisma-Lease A Bike. Tuttavia, le sue parole dimostravano che era molto sollevato e forse un po’ sorpreso di se stesso. “Questa tappa è andata meglio di quanto mi aspettassi”, ha detto dopo aver finito sui rulli. “Pensavo di perdere tempo. Anche prima della mia caduta, sapevamo che la posizione era più adatta a Boggar che a me. Poi è arrivata la caduta. Mi sembra una piccola vittoria poter seguire Boggar oggi.

Con solo un mese e mezzo di allenamento e zero chilometri competitivi sulle gambe, “era difficile dire dove mi trovavo”, ha continuato Wingegaard. “Dubitavo di me stesso: non è una bugia.” Esitò un attimo quando avrebbe voluto dire: “È tornato”. Ma: “Sono abbastanza vicino alla mia forma naturale”.

Italiani delusi

Gli altri due contendenti per la vittoria assoluta hanno ottenuto risultati contrastanti questo fine settimana. Il belga Remko Evenboel ha avuto un ottimo inizio di Tour. Sabato a Rimini è stato forte nello sprint e domenica a Bologna ha tagliato il traguardo con Bocacar e Wingegard dopo aver dovuto risalire la ripida San Luca. Meno ha fatto lo sloveno Primos Roglic. Ha dovuto lasciare San Luca presto: il tipo di salita esplosiva che gli si addiceva come pilota. Alla fine, Roglik ha perso 21 secondi contro gli altri tre, il che deve essere stato deludente per lui.

Per chi è stato un fine settimana deludente: gli italiani. Non da solo La Squadra Azzurra Fu espulso dagli Europei di calcio due ore dopo l’arrivo a Rimini, e nessun corridore italiano riuscì a colorare la gara.

READ  Mario Tragi ha una reputazione nella battaglia per la produzione storica italiana