QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I sindacati francofoni organizzano una giornata d’azione contro la vaccinazione obbligatoria

Il sindacato dei servizi statali CSC di lingua francese sta minacciando dure azioni negli ospedali di Bruxelles e della Vallonia dopo un accordo all’interno del governo per una vaccinazione obbligatoria del personale sanitario. Il fronte sindacale francofono ha annunciato una giornata lavorativa il 7 dicembre. Le Fiandre non seguono. “Qui è diverso”, afferma ACV Puls.

Venerdì il principale governo federale ha raggiunto un accordo Regolamento della vaccinazione obbligatoria in sanità. Dal 1° gennaio il personale sanitario avrà tre mesi di tempo per vaccinarsi. Chi si rifiuta di farlo sarà licenziato e riceverà immediatamente l’intera indennità di disoccupazione, oppure sarà sospeso senza stipendio.

L’accordo fornisce una sorta di scappatoia rispetto a un precedente accordo governativo. Anche il personale sanitario che lo segnala per iscritto può essere sospeso entro il 31 marzo. In questo caso, sarai senza stipendio o benefici, ma il contratto di lavoro sarà comunque valido.

Questo non è sufficiente per i servizi generali CSC dell’Unione statale francofona. “Perché dovrebbe esserci una sanzione per la mancata vaccinazione?”, ha affermato il segretario della Federazione nazionale Veronique Sapel. Il pubblico del CSC aveva precedentemente notificato lo sciopero agli ospedali di Bruxelles e Vallonia. Questo avviso è effettivo lunedì ed è valido per una settimana.

Il fronte sindacale combinato nel Belgio francofono annuncia una giornata lavorativa il 7 dicembre contro l’accordo di governo. Secondo i sindacati sanitari, la minaccia di sanzioni non farà altro che aumentare il carico di lavoro nel settore, oltre a ridurre la qualità delle cure.

I sindacati fiamminghi non hanno comunicato lo sciopero né intendono farlo, scrive un giornale affiliato Giornale quotidiano. “Non intraprenderemo alcuna azione al riguardo”, afferma Jan Pete Bowens, vicepresidente della banca socialista BBTK. Preferirei vedere una mossa che elimini la carenza di personale. Oggi si tratta solo di vaccinazioni, ma per favore non lasciate che il sistema crolli.

READ  Bitcoin in leggera ripresa, altcoin come Ethereum, Cardano, Solana, Polkadot etc sono in aumento » Crypto Insiders

I sindacati non sono soddisfatti

“Non siamo contro la vaccinazione obbligatoria”, ha spiegato Olivier Remy, rappresentante federale di ACV Puls, il più grande sindacato del settore sanitario. per questo giornale. “Ma licenziare i dipendenti in un momento in cui le infezioni stanno aumentando e la pressione sulle istituzioni sanitarie sta aumentando di nuovo non è una buona idea”. Ora riferisce al giornale gemello Het Nieuwsblad che non ci saranno affari nelle Fiandre. Il contesto delle Fiandre è diverso da quello della Vallonia. Il tasso di vaccinazione negli ospedali e nei centri di assistenza residenziale è molto più basso rispetto a qui.

Rettifica (20/11/2021):Nella citazione originale, Olivier Remy ha affermato che non sono “contro la vaccinazione obbligatoria se è ampiamente adottata”. Dice che non sono contro la vaccinazione obbligatoria, senza ulteriori indugi. ACV Puls contro il metodo attualmente offerto.