QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I social network influenzano l’incidenza e l’incidenza del diabete di tipo 2

Il diabete di tipo 2 è una delle malattie croniche più comuni nel mondo occidentale. Ne soffrono più di 1,2 milioni di olandesi. Coloro che vivono in isolamento sociale hanno un rischio maggiore di contrarre la malattia e hanno anche maggiori probabilità di complicanze, secondo i recenti risultati dello studio di Maastricht.

Il Maastricht Study è uno studio su larga scala nella regione di Maastricht/Heuvelland sulle cause e le conseguenze del diabete di tipo 2 e di altre malattie croniche.

conseguenze

Una recente revisione della letteratura condotta dalla scienziata biomedica ed epidemiologa Miranda Schramm ha recentemente dimostrato che le persone che vivono in isolamento sociale corrono un rischio maggiore di sviluppare il diabete di tipo 2. Vivere da sole e non avere supporto sociale aumenta il rischio di malattie come l’obesità o l’obesità. pressione sanguigna. La ricerca mostra anche che queste caratteristiche sociali erano presenti prima dello sviluppo del diabete. Avere una rete più ampia e un supporto sociale riduce anche il rischio di complicanze come malattie renali croniche e malattie cardiovascolari e garantisce che le persone gestiscano meglio la malattia. Si scopre che coinvolgere il social network può aiutare a prevenire il diabete o le sue complicanze.

Finora è stata prestata poca attenzione ai social network nella ricerca delle cause del diabete di tipo 2. Inoltre, i dati erano scarsi. Lo studio di Maastricht ha cambiato questa situazione, poiché gli scienziati hanno avuto accesso ai dati su oltre 9.000 persone, circa un quarto delle quali aveva il diabete di tipo 2.

beneficio

I risultati sono importanti per prevenire il diabete di tipo 2. Attualmente, a 150 persone al giorno nei Paesi Bassi viene detto di avere il diabete. Usando le idee nel campo dei social network, molte diagnosi possono essere prevenute.
Ma nuove intuizioni sono importanti anche per sviluppare nuovi consigli sullo stile di vita. Attualmente, i pazienti sono spesso invitati a fare più esercizio fisico e mangiare cibi sani senza chiedere lo stato sociale. La ricercatrice Miranda Schramm ritiene che questo possa essere migliorato d’ora in poi: “Ci aspettiamo che coinvolgere il social network aiuterà queste raccomandazioni a essere seguite meglio e più a lungo. I fornitori di cure per il diabete, come i medici generici e gli internisti, devono essere più consapevoli di questo, in modo che siano interventi più efficaci in futuro”.

READ  Olio di CBD per adulti e bambini con esperienze e impatti di ADHD