QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I soldati russi hanno violentato gli uomini

“Ho ricevuto segnalazioni secondo cui uomini e ragazzi sono vittime di violenze sessuali in Ucraina”, ha affermato Pramila Patten, rappresentante speciale delle Nazioni Unite che studia la violenza sessuale nelle aree di conflitto.

Questa settimana ho parlato in una conferenza stampa a Irbin, un sobborgo di Kiev, dove l’esercito russo ha già commesso orribili crimini di guerra. I soldati hanno sparato su una colonna di profughi con l’artiglieria. Ma Patten era lì per parlare di aggressione sessuale.

Decine di storie che ha già ricevuto devono ancora essere completamente verificate. Patten si aspetta che altri seguiranno presto. “Forse è solo la punta dell’iceberg”, ha detto.

Numerose testimonianze hanno già dimostrato che i soldati russi abusano delle donne su larga scala. Ma anche gli uomini sono vittime di stupro. La procuratrice generale ucraina Irina Venediktova ha affermato di avere ora testimonianze di uomini e donne di tutte le età, dai bambini agli anziani.

strategia

Gli stupri non sono opera di pochi soldati disfunzionali, c’è una strategia deliberata dietro. La Russia usa lo stupro in Ucraina come arma di guerra. Spesso i parenti o gli abitanti del villaggio devono guardare. “L’intenzione è davvero di umiliare un’intera comunità”, afferma Helen Toke (UAnwerp/KU Leuven), che studia le vittime di violenze sessuali nelle zone di conflitto.

Toke ha parlato con vittime provenienti da Bosnia, Croazia, Kosovo, Sri Lanka e altri paesi. Gli episodi di stupro di uomini nelle zone di guerra sono meno comuni. “Ma questo accade in ogni conflitto”, dice Toke. Gli uomini hanno l’idea di dover proteggere le loro donne. Attraverso questo stupro, gli autori lo minano completamente. È davvero un modo per mostrare forza”.

Già con l’annessione della Crimea e la guerra nell’Ucraina orientale nel 2014, sono emerse testimonianze di violenze sessuali contro uomini. Come è successo nella guerra cecena. In Siria, dove i russi combattevano a fianco di Assad, le prigioni erano piene.

I russi non sono stati coinvolti in quelle atrocità, ma è noto che le guardie del regime di Assad violentano i detenuti come tortura. L’esperta di diritti umani ed esperta di Medio Oriente Brigitte Hermanns (UGent) aggiunge: “Quando gli uomini sono entrati in prigione, hanno ricevuto una ‘festa di benvenuto’. Comprendeva tutti i tipi di tortura e violenza sessuale”.

Truppe russe a Mosca durante le celebrazioni del Giorno della Vittoria 2019. Il 9 maggio, la Russia celebra la vittoria sulla Germania nazista.immagine AP

Uno degli uomini che ha assistito al direttore della fotografia Firas Fayyad. È noto per il suo documentario Netflix su The White Helmets (Gli ultimi uomini ad Aleppo, 2017), un’organizzazione di volontariato che fornisce soccorso di emergenza e protezione civile. Durante un processo in Germania contro un ufficiale dei servizi segreti siriani, ha raccontato di essere stato violentato con un bastone di legno nella famigerata prigione di Khatib. Dopo il suo rilascio, è stato necessario un intervento chirurgico per curare le sue ferite.

“In Siria, gli stupri rientrano in un sistema più ampio”, afferma Hermans. Le forze di Assad, con l’appoggio dei russi, hanno bombardato obiettivi civili come ospedali e scuole. Hanno anche “scomparso” molte persone e hanno commesso stupri nelle carceri. Quella strategia era un modo per spezzare la popolazione.

Secondo Hermans, le conseguenze per le vittime furono molto grandi. Non erano state ascoltate molte donne che avevano a che fare con lui. O addirittura espulsi dalla loro comunità. “C’è davvero meno cultura in Siria per parlare di trauma”, dice Herrimans. “Molti se ne sono andati con le loro storie. Il tabù era più grande tra gli uomini che tra le donne. Poiché non è stato discusso, gli autori sono stati tenuti fuori dai guai”.

aula di tribunale

Con la guerra in Ucraina, le cose sembrano essere cambiate in questo senso. Immediatamente dopo l’inizio dell’invasione, il mondo le prestò attenzione e ascoltò le vittime. Le organizzazioni per i diritti umani sono già sul campo per raccogliere quante più testimonianze possibili, che un giorno potrebbero essere utilizzate come prove in un’aula di tribunale.

Questo è stato anche l’appello della Rappresentante Onu Patten: esorta le vittime a farsi avanti con le loro storie. “Quello che è sulla carta oggi può continuare domani”, ha detto.

Anche il tribunale ucraino è impegnato a raccogliere prove. Hanno già testimonianze di stupri di gruppo e aggressioni mentre la vittima è stata tenuta sotto tiro e di stupri davanti a bambini. Tuttavia, alcuni dubitano dell’eventuale persecuzione, poiché Mosca manterrà i suoi soldati nel limbo.

In passato, gli autori erano già stati processati durante il Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia. “Le prime condanne in quel tribunale erano per vittime maschi di violenze sessuali”, ha detto Toquet. “Ci sono state molte testimonianze su come le guardie del campo hanno abusato di loro. Vittime e testimoni li hanno riconosciuti perché provenivano dalla stessa zona”.

READ  La Russia è attanagliata da misteriosi incendi dolosi. La domanda si fa più forte: chi c'è dietro?