QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I sondaggi fanno arrabbiare Le Pen sulla scia di Macron: la mancanza di entusiasmo degli elettori potrebbe giocargli brutti scherzi | All’estero

Elezioni in FranciaIl primo turno delle elezioni presidenziali francesi si svolgerà domenica. Il presidente Macron è attualmente in testa nei sondaggi d’opinione, ma il suo avversario di estrema destra Marine Le Pen sta facendo progressi. Mentre Le Pen ha perfezionato la sua immagine negli ultimi anni, Macron è riuscita finora a far eccitare pochi elettori.

Dodici candidati stanno partecipando alle elezioni presidenziali francesi questa volta. In un recente sondaggio IFOP-Fiducial, Macron e il suo partito, La République en Marche (LREM) hanno ricevuto il 27% dei voti. Il suo vantaggio su Marine Le Pen (il National Rally) è diminuito nelle ultime settimane: il politico ha attualmente il 23 per cento, secondo il sondaggio. Jean-Luc Melenchon (La France Insourmise) di sinistra ha ottenuto il 16,5% e Valérie Becresse (Francia) il 9,5%, così come Eric Zemmour di estrema destra (recupero).

Poiché è improbabile che ci sia un vincitore che ottenga la maggioranza assoluta al primo turno delle elezioni, Macron e Le Pen – i due candidati con il maggior numero di voti – dovrebbero affrontarsi di nuovo al secondo turno il 24 aprile. Il 53% dei 3.700 intervistati IFOP Fiducial ha dichiarato che voterebbe per Macron, ma dato che il margine di errore del sondaggio è compreso tra 1,4 e 3,1%, ci sono buone probabilità che Marine Le Pen vinca ancora.


Citazione

Il più grande partito politico in Francia è De Stemwegeraars.

Mehdi Begadirni, sindaco Clichy Sous-Bois

“Pericolo come la Brexit”

Macron avverte di disordini simili alla Brexit e invita gli elettori a recarsi alle urne.

“La sfida più grande per Macron rimane la potenziale mancanza di mobilitazione degli elettori contro Le Pen al secondo turno”, ha affermato in una nota la società di consulenza politica Teneo. Dagli anni ’80, il numero di elettori che si sono presentati ai seggi elettorali è in costante diminuzione. Nelle ultime elezioni del 2017, più di un quinto degli elettori è rimasto a casa in almeno uno dei due turni, secondo i dati del ministero dell’Interno francese. La società di ricerche di mercato Ipsos prevede che un terzo degli elettori potrebbe non presentarsi questo mese. Questo sarà un record.

“Il più grande partito politico francese è il voto no”, ha affermato Mehdi Begadirne, vicesindaco del sobborgo parigino di Clichy-sous-Bois, dove circa il 40 per cento degli elettori ha servito in almeno una delle due tornate elettorali nel 2017. Aggiunge che rifiutarsi di votare evita la politica di parte per mancanza di interesse o perché i politici non riescono a migliorare la propria vita.


Citazione

I progetti che voltano le spalle all’Europa sono dannosi e fatali per il nostro futuro. Viva la Francia, viva l’Europa!

Emanuele Macron

Macron: “La ricerca della fiducia”

Emmanuel Macron, che ha iniziato la sua campagna elettorale molto tardi, è andato oggi a Spezet in Bretagna. “Puoi contare su di me, sulla mia determinazione. Cercherò la fiducia dei nostri cittadini uno per uno nei prossimi giorni e nelle prossime settimane per continuare a lavorare per il nostro Paese e per l’Europa negli anni a venire”. Macron ha sottolineato quanto sia importante l’Europa per la Francia, criticando il continuo scetticismo di Le Pen nei confronti dell’Unione Europea, senza nominarla. “I progetti che voltano le spalle all’Europa sono dannosi e fatali per il nostro futuro”, ha detto, concludendo con “Lunga vita alla Francia, viva l’Europa!”

Macron oggi durante la sua tappa elettorale a Spitz, in Bretagna. © AP

Le Pen: un’immagine raffinata

Dalla sua sconfitta nel 2017, Marine Le Pen ha cercato di costruirsi un’immagine più morbida, posizionandosi come un potenziale leader piuttosto che come un oppositore radicale del sistema. Le Pen ha iniziato la sua campagna mesi fa con piccoli raduni nelle piccole città. Ha abbandonato i suoi piani di lasciare l’eurozona e l’Unione europea – che le è costata molti voti nelle precedenti elezioni – ma mantiene ancora la sua posizione scettica sull’UE. Il politico vuole svuotare l’Ue dando priorità al diritto francese, sostituendo il blocco con una “Alleanza europea delle nazioni”.

Marine Le Pen durante la sua tappa di campagna a Hagenau, un comune nella regione francese dell'Alsazia.

Marine Le Pen durante la sua tappa di campagna a Hagenau, un comune nella regione francese dell’Alsazia. © Foto Notizie

La sua campagna ruota attorno al potere d’acquisto – qualcosa di cui molti elettori si preoccupano – ma le posizioni anti-immigrazione del Raduno Nazionale di estrema destra non sono cambiate. Le Pen vuole porre fine ai sussidi per gli stranieri, porre fine al ricongiungimento familiare, dare priorità ai francesi per il lavoro e l’edilizia sociale, vietare il velo nei luoghi pubblici ed espellere gli stranieri disoccupati. “Essere francese dovrebbe darti più diritti che essere uno straniero”, ha detto oggi.

L’omicidio di Jeremy, 31 anni, provoca scompiglio nella politica francese: attacco a un ebreo da parte di una banda e poi catturato da un tram

Macron propone un manifesto elettorale e vuole rendere la Francia più indipendente

Emmanuel Macron: Colomba della pace o candidato in campagna elettorale?

READ  Il sole si fa vedere di nuovo oggi, e il tempo è peggiore del previsto nei prossimi giorni | Notizie meteorologiche