QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I talebani risentono dei combattenti uiguri dopo l’attacco a Kunduz

Anche prima di prendere il potere, i talebani hanno assicurato alla Cina che l’Afghanistan non era un rifugio per i terroristi uiguri. Ma sono ancora lì, è apparso all’inizio della scorsa settimana. È stato affermato che un numero imprecisato di persone è stato espulso dalla zona di confine con la Cina nel nord dell’Afghanistan, secondo il sito web di notizie di Gandara specializzato in Asia centrale, basato sull’autorità di fonti militari anonime afghane e tagike.

Dopo la rivoluzione comunista nel 1949, un gran numero di uiguri partì per il Pakistan e l’Afghanistan a ondate, principalmente per paura di persecuzioni o restrizioni religiose in Cina. Oggi, gli uiguri nella provincia cinese dello Xinjiang sono sotto costante sorveglianza e rieducazione politica nei cosiddetti centri di formazione come “politica antiterrorismo”. La minoranza uigura, a maggioranza musulmana, considera lo Xinjiang la propria casa.

caso difficile

In Afghanistan vivono circa duemila uiguri, di cui circa duecento membri di gruppi estremisti come il Partito islamico del Turkestan (TIP) e il suo predecessore, il Movimento islamico del Turkestan orientale (ETIM). Il partito TIP ha rivendicato diversi attentati terroristici in Cina.

Nel 2001, Pechino ha sostenuto gli Stati Uniti nella loro guerra al terrore in cambio del riconoscimento da parte degli Stati Uniti del Movimento di liberazione di Timor Est come organizzazione terroristica. Pertanto, dopo l’invasione statunitense dell’Afghanistan nel 2001, i membri del movimento sono fuggiti in Pakistan. La Cina ha continuato a esercitare pressioni sui governi afghano e pakistano per l’estradizione degli uiguri. Una volta che il Pakistan si è trasferito, gli uiguri sono fuggiti in Afghanistan.

I talebani ora sono pieni di risentimento nei confronti degli uiguri. Pechino ha reso la lotta agli estremisti uiguri una condizione difficile per gli aiuti economici e il riconoscimento diplomatico. Tuttavia, i talebani si rifiutano di trattare con organizzazioni terroristiche con potenze straniere. Sabato, durante i colloqui con gli Stati Uniti in Qatar, una delegazione talebana si è rifiutata di collaborare con gli americani contro l’organizzazione dello Stato islamico in Afghanistan.

mercenari

I combattenti uiguri compaiono regolarmente in altre organizzazioni jihadiste, come l’ISIS. Hanno anche legami con i talebani pakistani e afghani. Secondo gli oratori uiguri che sono in contatto con i militanti uiguri in Afghanistan, sono mercenari che rafforzano i ranghi delle fazioni in guerra e di varie organizzazioni terroristiche in Afghanistan.

Un videoclip da un sito web dello Stato Islamico. L’uomo nella foto sarebbe l’autore dell’attacco terroristico a Kunduz.foto

I gruppi Amaq e Telegram, lo strumento di propaganda dello Stato islamico, hanno affermato che un uomo noto come “Muhammad l’uiguro” si è fatto esplodere con una cintura esplosiva venerdì in una moschea a Kunduz. Se è vero, le preoccupazioni della Cina sul terrorismo in Afghanistan non faranno che aumentare. Michael Kugelman, uno specialista in Asia presso il Wilson Center con sede negli Stati Uniti, ha affermato su Twitter che si teme che i talebani li accetteranno.

Gli attivisti uiguri sospettano che i combattenti uiguri abbiano effettuato l’attacco. Quando è stato chiesto al linguista uiguro Abdoulaye Ayyub, ha detto che il nome “Muhammad l’uiguro” non era corretto.

I combattenti religiosi uiguri prendono il nome dal Turkestan orientale, il nome uiguro della nostra patria, o dal loro luogo di nascita. L’aggiunta di “uiguri” a un nome dato è stata utilizzata solo dagli uiguri che hanno fondato organizzazioni comuniste all’inizio del secolo scorso. È proprio a causa di questo background storico che i combattenti uiguri detestano questa aggiunta ai loro nomi e non la useranno”.

Ingoiare

La diaspora uigura teme che gli uiguri saranno incolpati per l’attacco come preludio a un accordo tra i talebani e la Cina. Nella loro ricerca di assistenza economica e riconoscimento da parte di Pechino, i talebani hanno già ingoiato le critiche al trattamento riservato ai loro seguaci uiguri in Cina.

Pechino ha mantenuto contatti con i talebani afghani dalla fine degli anni ’90 per spezzare la resistenza uigura al dominio cinese. Durante il primo governo talebano (1996-2001), 13 uiguri sono stati deportati in Cina nel 2000, secondo l’organizzazione no-profit americana Oxus for Central Asian Affairs, nonostante gli fosse stato concesso asilo in Afghanistan.

Il fatto che la vecchia guardia talebana controlli il nuovo governo ad interim rende ancora una volta possibile una cooperazione simile con Pechino. Tutti gli uiguri che risiedono in Afghanistan, che appartengano o meno a gruppi armati, rischiano di essere presi di mira dai talebani”, ha affermato Siegfried Wolf, specialista dell’Asia meridionale presso l’Università di Heidelberg.

In Cina, gli uiguri estradati di solito affrontano lunghe pene detentive o condanne a morte per estremismo religioso, terrorismo o separatismo. La Cina sta anche facendo pressioni su altri paesi con comunità uigure per estradare presunti estremisti uiguri a Pechino.

immagine vuota.

foto .

READ  Il braccio destro e in seguito il più grande critico del leader sovietico Gorb ...