QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I tassi di interesse in Europa non sono più negativi e crescono le preoccupazioni per l’Italia

Con un inaspettato aumento di 0,5 punti percentuali, giovedì la Banca centrale europea (BCE) ha salutato oltre otto anni di tassi di interesse negativi nella zona euro. Questa è la prima volta dal 2011 che la BCE ha alzato i tassi di interesse. Il tasso di interesse chiave, il tasso di deposito, è ora a zero e la presidente della BCE Christine Lagarde ha affermato di aspettarsi ulteriori aumenti nei prossimi mesi.

Allo stesso tempo, la banca centrale ha introdotto un nuovo strumento monetario chiamato Transmission Protection Instrument (TPI). Oneri finanziari in rapido aumento, in particolare dai paesi dell’euro meridionale Ne risulterà una nuova crisi del debito nell’unione monetaria. L’attuale agitazione politica in Italia gioca un ruolo in questo, dove giovedì Il presidente del Consiglio ed ex presidente della Bce Mario Draghi si è dimesso. La BCE ha approvato all’unanimità questo nuovo strumento.

I critici affermano che la mossa è tardiva e inopportuna

In vista della riunione del Consiglio direttivo della BCE, la BCE avrebbe dovuto aumentare i tassi di interesse dello 0,25%. Dopotutto, la banca lo ha annunciato dopo un incontro ad Amsterdam il mese scorso. L’inflazione persistentemente elevata a livello globale – ora all’8,6% nella zona euro – rende “appropriato” che la BCE, solitamente più cauta, prenda un taglio simultaneo di 0,5 punti percentuali. I tassi di interesse sono stati aumentati drasticamente l’ultima volta dopo l’introduzione dell’euro nel 2000.

Nella sua conferenza stampa dopo la riunione del Consiglio direttivo della BCE, Lagarde ha affermato che la BCE deciderà su base mensile se aumentare ulteriormente i tassi di interesse. Con questo salutò il suo invitato Guida in avanti, la BCE di solito indica verbalmente la direzione in cui andranno i tassi di interesse. Ciò lascia alla banca centrale lo spazio per adeguare temporaneamente i tassi di interesse in linea con l’inflazione in futuro e continuare a ridurre il bilancio della banca, che è stato influenzato da diverse misure di sostegno sotto forma di acquisti di obbligazioni. 5.000 miliardi di euro.

READ  Dumfries in fiamme in Italia: l'Inter indaga su interessi e opzioni di trasferimento

Otto anni di tassi di interesse negativi sono giunti al termine


Leggi anche questa analisi: Interventi forti senza precedenti delle banche centrali nella politica dei tassi di interesse

Differenziali di tasso in aumento

Sebbene gli aumenti dei tassi di interesse e l’ulteriore inasprimento della politica monetaria alla luce dell’inflazione siano positivi per la maggior parte dei paesi dell’euro, causano anche problemi. I paesi dell’eurozona meridionale devono far fronte a costi di finanziamento elevati per i loro debiti pubblici, che sono aumentati vertiginosamente grazie alle iniezioni multimiliardarie a seguito della pandemia.

Al fine di garantire che la politica monetaria comune per l’Eurozona abbia il miglior effetto in tutta l’Unione, il Board della BCE ha deciso all’unanimità di istituire un meccanismo di protezione degli swap. Ciò offre alla BCE l’opportunità di sostenere in modo specifico i paesi a rischio, nelle parole di Lagarde, di “condizioni di mercato dirompenti”.

Da un punto di vista economico, le differenze di tasso di interesse tra debito pubblico tedesco e italiano possono essere spiegate in una certa misura, ma più spesso è in gioco una parte del panico o della speculazione. È difficile determinare esattamente quale parte, ma la BCE vuole fare proprio questo. Utilizzando tutti i tipi di dati, la banca centrale “determinerà” quale parte del differenziale dei tassi di interesse è fondamentale. Per altri, la BCE si riserva il diritto di “risolvere” questo problema sostenendo i paesi sotto forma di un programma di acquisto. Il TPI è in linea di principio aperto a tutti i paesi, ma è chiaro che l’Italia si qualificherà in prima istanza.

Al nuovo strumento è allegata una serie rigorosa di requisiti per evitare che i paesi che necessitano di sostegno considerino l’IV come una soluzione troppo facile senza risolvere la parte sottostante dei problemi economici. Tra l’altro, devono essere rispettate le regole fiscali europee, non devono esistere grandi squilibri economici e deve essere formulata una politica di riforma dell’economia. Per inciso, il consiglio della BCE deve decidere se viene fornito supporto e, in caso affermativo, in che misura, ha sottolineato Lagarde.

La BCE ha bisogno di fare un passo indietro nello spazio politico per salvare l’eurozona

Il tempismo è sfortunato

Con questo nuovo programma e programmi precedenti come il programma di acquisto pandemico, la BCE spera di disporre di risorse sufficienti per prevenire un’altra crisi dell’euro. Ciò è stato complicato dalla recente crisi politica in Italia, dove Draghi ha lasciato il campo a causa dell’insufficiente sostegno alle riforme economiche.

In tal modo, dimostra ancora una volta che la BCE deve entrare in territorio politico se vuole mantenere a galla l’eurozona. La decisione se sostenere un Paese è di fatto presa da istituzioni elette democraticamente come la Commissione Europea e lasciata a banchieri centrali non eletti. La debolezza dell’euro (politica monetaria, ma accordi non propriamente vincolanti sulla politica fiscale dei singoli Stati membri) ha quasi portato nel 2012 al crollo dell’unione monetaria. Da allora, la BCE si è spostata sempre più nell’arena politica.

La BCE è l’ultima delle principali banche centrali del mondo ad aumentare i tassi di interesse per frenare l’aumento dell’inflazione. Negli Stati Uniti, i tassi di interesse sono ora all’1,75% e un aumento di 0,75 punti percentuali è all’orizzonte la prossima settimana. Nel Regno Unito, il tasso di interesse è dell’1,25%. Quindi i critici affermano che la BCE è troppo tardi sull’azione inflazionistica e deve ora decidere di azionare il freno a mano nel momento più sfortunato. Crescono i timori che l’aumento dei tassi di interesse possa mandare l’eurozona in recessione.

Il risultato del voto di fiducia Al Senato italiano, mercoledì. La BCE vuole prevenire una crisi dell’euro. I disordini politici in Italia lo rendono ancora più difficile.
Foto di Gregorio Borgia/AP Foto

Dopotutto, alzando i tassi di interesse, la BCE rende i prestiti più costosi per tutti. Questo ha senso se l’obiettivo è ridurre l’inflazione, ma è una barriera al prestito e agli investimenti. E mentre la crescita economica in Europa si sta raffreddando, il prossimo anno sarà solo dell’1,5%. Sarà molto facile se la crisi energetica continua.

Questa non è la prima volta che la BCE è effettivamente andata avanti. L’ultima volta che la BCE ha alzato i tassi di interesse è stato nel 2011 e ha dovuto invertire quel passo nel giro di pochi mesi quando l’economia europea è sprofondata nella recessione. Ora la prospettiva che ciò accada di nuovo è impensabile: l’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari dopo l’invasione russa dell’Ucraina, la riluttanza delle aziende a investire e il continuo calo della fiducia dei consumatori non fanno ben sperare. futuro prevedibile.

Leggi anche questo articolo: La BCE sta girando in un vortice di inflazione