QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I virus modificano l’odore corporeo delle persone infette per attirare le zanzare

oggi

Tempo di lettura 2 minuti

507 opinioni

© cc foto: Andy Langager

L’evoluzione ha in serbo un’altra sorpresa. I virus devono infettare costantemente per sopravvivere. Ma sì, come si fa se la vittima, ad esempio, si ammala e va in quarantena? Alcuni virus hanno sviluppato un metodo che può anche penetrare questo isolamento. Cambiano l’odore corporeo che hanno catturato in modo che diventi un’esca per le zanzare. Vengono da lui, succhiano il sangue e poi trasmettono il virus alla prossima vittima. Un tipo di trasmettitore flash biologico.

Potresti non pensarlo, ma le zanzare sono l’animale più mortale per l’uomo al mondo. Trasmettono malattie come la malaria, la Zika, la febbre gialla e tutta una serie di altre malattie. Come hanno potuto colpire così forte? L’immunologo Binghua Wang dell’Università del Connecticut Descrivere Il modo in cui i topi infetti dalla malaria acquisiscono un diverso odore corporeo li rende più attraenti per le zanzare della malaria, il principale vettore della malattia.

I ricercatori hanno posizionato topi infetti e non infetti separatamente in tubi di vetro e poi hanno rilasciato loro le zanzare. I topi infettati da Zika e dengue erano più comuni tra le zanzare. Poi sono stati in grado di scoprire quali profumi colpiscono maggiormente le zanzare. È correlato all’acetofenone, una sostanza utilizzata anche nei profumi. I topi infetti producono dieci volte di più dei topi sani. Poi hanno scoperto che anche le persone con la malattia producevano più di questa sostanza. Se una mano è macchiata dall’odore di una persona infetta e l’altra dall’odore di una persona sana, la prima mano attira più zanzare.

READ  tiro positivo | scienza | Telegraaf.nl

Pang osserva che la vitamina A è un buon modo per contrastare un cambiamento nell’odore corporeo e che questa vitamina è una carenza cronica nell’Africa subsahariana e nel sud-est asiatico, regioni con molti casi di malaria, tra le altre cose.