QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Identificato il soldato russo che ha sparato alla schiena a due civili, l’Ucraina si prepara al processo

Nikolai Sergeevich Sokovikov, un soldato russo di una divisione speciale di carri armati, dovrà presentare una risposta davanti a un tribunale ucraino per aver sparato a due civili. Le immagini del massacro si sono diffuse in tutto il mondo questa primavera e, sulla base delle foto scattate dalla CNN, il sospetto è stato identificato. Rischia la vita in carcere.

Erano foto orribili scattate con le telecamere di sicurezza. All’inizio della guerra in Ucraina, due civili disarmati sono fuggiti dai soldati russi che si erano appena avvicinati a loro in un sobborgo di Kiev. Improvvisamente sono stati colpiti alla schiena. Nessuno dei due è sopravvissuto. Sono stati colpiti dodici volte.

I fatti risalgono al 16 marzo. Una delle vittime era Leonid Oleksievich Plaits, un nonno di 68 anni.

Yulia, la figlia di Plyats, non poteva sopportare di vedere il filmato, ma ha riservato il video per mostrarlo un giorno ai suoi figli, in modo che non dimenticassero mai quanto fossero crudeli i russi. “Mio padre era un civile di 68 anni, pacifico e indifeso”, ha detto dopo che le foto sono trapelate.

È stato un atto codardo. Cinque soldati russi hanno fatto irruzione nell’agenzia di una delle vittime. Il proprietario – la sua famiglia non ha mai voluto che il suo nome venisse menzionato sui media – si è avvicinato a loro con le mani alzate. I soldati lo hanno perquisito, a quanto pare dal video. La guardia Plyats si unì a loro e dopo una breve conversazione i due uomini se ne andarono. Ma poi all’improvviso sono comparsi almeno due soldati russi che hanno sparato alla schiena al proprietario del garage e alla sua guardia.

Leggi anche. Ancora una volta l’oligarca russo muore in strane circostanze: l’elenco potrebbe continuare

Ho perso molta sangue

Il proprietario del garage è stato ucciso sul colpo. Plyats era ancora vivo. Balzò in piedi e tornò in guardia. Un gruppo di combattenti civili volontari ha cercato di salvarlo, ma ha perso molto sangue ed è morto.

Ora l’uomo armato, a giudicare dalle foto, è identificato come Nikolai Sergeevich Sokovikov. Ha servito in una divisione speciale di carri armati. “Tank Special Forces RUS”, si leggeva sul veicolo che usavano per saccheggiare i concessionari di automobili. Non è stato possibile identificare l’altro soldato che era con lui.

Per Yulia, sarebbe un sollievo se il “killer codardo” fosse condannato. Non si sa ancora quando inizierà l’operazione.

Leggi anche. Filmati scioccanti mostrano soldati russi che sparano e saccheggiano civili ucraini

READ  I genitori di Natasha de Crombruggi, 28 anni, sono espliciti sulla ricerca della figlia scomparsa in Perù: "La gente ha paura di parlare" | all'estero