QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Identificato il tipo di coronavirus delta in Suriname

Foto d’archivio


Il primo caso della variante delta altamente contagiosa di MERS-CoV è stato identificato in Suriname. Lo ha appena annunciato il governo del Suriname.

Questo primo caso in Suriname riguardava un bambino di 7 anni tornato dalle vacanze dai Paesi Bassi il 9 luglio. Il padre era malato nei Paesi Bassi ed è stato confermato che era stato infettato lì. Tre giorni dopo l’arrivo in Suriname, il bambino ha sviluppato i sintomi ed è stato visitato. È stato prelevato un tampone per il test Corona PCR.

A causa della sua recente visita nei Paesi Bassi, il suo campione positivo è stato inserito in campioni di controllo per ulteriori ricerche sulle varianti Corona. Sono stati esaminati anche altri familiari del bambino e nessuno di loro è risultato affetto da coronavirus. Quindi non ci sono segni di ulteriore contaminazione. A causa del buon isolamento e della quarantena dei coinquilini e dei contatti, sono rimasto con questo paziente.

In Suriname, possiamo solo determinare se qualcuno ha il coronavirus o meno. Sono necessarie ricerche speciali per determinare il tipo di coronavirus coinvolto. Il laboratorio olandese dell’Università Erasmus di Rotterdam sta aiutando in questo e lo fa gratuitamente per il Suriname.

Questo sabato verrà inviata un’altra selezione per le settimane dell’11, 18 e 25 luglio, inclusi alcuni casi di questa settimana. I campioni sono selezionati secondo i criteri dell’OMS con un’ulteriore attenzione ai casi appena arrivati ​​dall’estero, persone gravemente malate o bambini gravemente malati.

Il Ministero della Salute sottolinea ancora una volta i benefici e la necessità della vaccinazione contro il Covid-19. Con la variante delta in Suriname, la vaccinazione e il rispetto di tutte le misure preventive sono ora altamente raccomandate per prevenire la pericolosa malattia e prevenirne la diffusione.

Guarda anche:

READ  Più probabilità di sviluppare un ictus durante il volo rispetto all'iniezione con AstraZeneca, ma non è tutto