QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il 105° tour in Italia sembrava diverso: emozionante, ma non troppo brillante | Zero

Jay Hindley. Chiunque preveda che il 26enne australiano sarà il vincitore assoluto del 105° tour italiano merita una solida pacca sulla spalla. Hindley era un favorito ombra a Budapest, ma non ha rubato la sua maglia rosa a Verona. Ma cosa dobbiamo ricordare di questo Zero?

La corsa non è una scienza esatta, quindi non c’è scena migliore per vincere il Grand Tour, ma la penna di Jay Hindley è stata quasi perfetta nelle ultime settimane.

Nell’ultima salita di questo Giro, Hindley ha puntato alla maglia di leader, Maglia Rosa, che, a differenza del 2020, non ha fallito la prova finale.

Hindley non si è fatto mancare nulla per 3 settimane e si è mostrato particolarmente paziente e intelligente. Con le sue stesse parole, ha contato con sicurezza fino all’ultima corsa assassina verso Fedoya e ha colpito il gelo lì.

L’australiano aveva già bussato alla porta con una vittoria di tappa al Blockhaus – non a caso, ma in Abruzzo – e la sua squadra si è ispirata a una trama spettacolare per Bora-Hanscrohe Torino.

Eppure nell’ultima settimana, Hindley ha continuato a battere silenziosamente per alcuni secondi sul collo del suo favorito e leader, Richard Carabas. Fino a quando non torna a Fedoya.

Bora Hanscrohe 2.0

Per Richard Carapaz, tuttavia, per molto tempo non è sembrato essere un problema. L’Ecuador, vincitore assoluto nel 2019, apparentemente ha superato facilmente quasi tutti gli attacchi e ha avuto il tradizionale treno Enios in montagna.

Ma Carabas non riuscì mai a scrollarsi di dosso l’attacco spezzato dalle cosce, era un segno sul muro.

Si diceva che gli Ineos Grenadiers avessero scelto le uova per i suoi soldi e non volevano che Carabas boxasse contro Tadej Pogacar e Primoz Roglic al Tour de France, ma gli inglesi ora erano battuti contro la tela e lasciati a mani vuote.

Questa rivoluzione è stata attribuita a Jay Hindley e al suo gruppo Bora-Hanskrohe. Insieme a Wilco Geldermann, al vincitore di tappa Leonard Kamna ed Emanuel Buchmann (7°), i tedeschi hanno mostrato un gioco eccellente.

Nella sala del consiglio, il manager Ralph Denk avrebbe scartato una robusta bottiglia di Prosecco. Dopo la partenza di Peter Sagan, Denk ha voluto cambiare questo inverno e iniziare una nuova era.

Gare a tappe e assortimento preferenze uomo e tante maglie tirate dal budget pubblicato.

Remco Evenepoel, ma Denk lo colse nudo e dovette diffondere le sue ambizioni sulle acquisizioni di Alexander Vlasov, Sergio Higuain e Jay Hindley.

Bora-Hanskrohe è una delle squadre più forti in questo Zero.

“Come giocatore australiano devi essere mentalmente duro”

Eppure è un po’ sorprendente che quest’ultimo dia un grande giro all’ambiziosa squadra.

Dopo essere arrivato 2° con la maglia di Sunweb nel 2020, Hindley è morto per miracolo vincente, ma è improvvisamente tornato in vita.

“Come pilota australiano devi essere mentalmente duro”, ha spiegato Hindley a Verona domenica sera.

“A molti la nostra presenza sembra ovvia, ma come pilota australiano in Europa non puoi saltare su un volo veloce per la tua base per 50 euro a fine settimana”.

“Aggiungi Govit ad esso, è molto difficile”, ha ammesso Hindley, rivedendo i suoi genitori ieri per la prima volta in 2,5 anni.

“Sono andato in moto l’anno scorso, ma sono uscito forte da quel brutto anno. Ora posso godermi appieno questo successo a casa”.

Ben presto molti dei protagonisti furono espulsi

La trasformazione Bora-Hanskrohe è diventata una storia di successo, anche se questo Zero non è immediatamente arrivato nei libri di storia come la gara di classifica più attraente degli ultimi anni.

È stato emozionante, ma il lampo delle lezioni in alta montagna ha richiesto più tempo.

La base di partenza a Budapest non è sufficiente per leccarsi i pollici e le dita dei piedi.

Ciò è associato alla rapidissima perdita di alcuni potenziali protagonisti.

Simon Yates ha iniziato con energia, ma è scomparso silenziosamente da Zero nonostante 2 vittorie di livello. Joao Almeida ha dovuto restare con se stesso ed è stato ucciso a causa dell’infezione da corona. Romaine potrebbe essere stata vista sfuggirgli di mano per il resto della sua vita a causa della malattia di Bardet.

La tendenza noiosa tra i forti toppers vittoriani del Bahrein potrebbe essere stata condita, ma hanno cucito più di una volta sull’auto di supporto.

Michael Landa non è davvero arrivato 4° ed era sul palco, ma la sua squadra sembrava voler scommettere su più cavalli contemporaneamente, finendo per farsi coinvolgere nel proprio labirinto.

Il fatto che Domenico Pozzovivo, 37° e 39° di Vincenzo Nibali, sia effettivamente arrivato 4° su 8° non eleva immediatamente l’immagine glamour di questo giro.

Le cose andarono molto bene per i Romain Barts per molto tempo, fino a quando il disastro non colpì di nuovo.

Colori arancioni per la tua giornata

La battaglia per la Maglia Rosa non è stata proprio impressionante, ma per fortuna questa spezia Zero si è condita, grazie alle ottime prestazioni dei produttori di aromi Mathieu van der Poel e Biniam Girmay e dei Paesi Bassi.

Van der Boyle e l’Italia sembrano sposarsi uno su mille dopo le ultime settimane. Arrivato ieri a Verona con il sorriso dopo un sano e sensato mix di successo, attacco, allenamento e divertimento, l’olandese ha potuto mettere alla prova i propri limiti nel primo Grand Tour completo della sua vita.

Peccato che la sua “Race in the Race” con Biniam Girmay sia finita bruscamente a causa di una bottiglia di Prosecco con il coperchio, ma l’Eritrea ha solo conquistato cuori in più con il suo successo di tappa e tanti riconoscimenti.

Per gli appassionati di corse olandesi, questo inizierà nei prossimi giorni, poiché i nostri vicini settentrionali hanno lasciato il segno in questa edizione.

Stavano suonando la batteria come una classe per attaccare. Koen Bouwman (King of the Mountains e Two Stage Wins), Timon Arensman, Kijs Limries, Bauke Mollema e Tutti Quanti: meritano tutti un grande premio.

De Gent e De Bond

E i belgi? Sì, le pentole italiane si sono mosse più del previsto.

L’urlo primario di Thomas de Gent risuona ancora nel Napoli, e Tries de Bond – cosa si può o non si può fare – può parlare un po’ di più di una carriera di successo, grazie al suo successo teatrale.

4 squadre belghe unite per raccogliere 7 vittorie di livello: Quick Step-Alpha Vinyl (1, Cavendish), Lotto-Soudal (1, De Gendt), Intermarché-Wanty-Gobert (2, Girmay e Hirt) e Alpecin-Fenix ​​​​( 3, Van der Boyle, Oldani e de Bond).

Il fatto che il saccheggio belga senza battaglioni come Wout van Aert, Remco Evenepoel, Tim Merlier e Jasper Philipsen non sia affatto insignificante suggerisce che sia buono solo per il Tour de France (1-24 luglio) e il tour spagnolo (19 agosto ). Fino al 11) .settembre).

Il retrogusto di champagne e cavolfiore – ovviamente per la classifica – potrebbe essere un po’ più in tour e nel Volda rispetto al Prosecco in questo jiro.

READ  La stella dell'Olanda U17 rimuove l'Italia sulla base di Misehouy