QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il 20% delle riserve di questo scambio di criptovalute sono costituite da Shiba Inu

attraverso Drammatico FTX Diversi scambi di criptovalute hanno promesso di rivelare le proprie riserve. Questo serve per ripristinare la fiducia degli utenti e per mostrare in modo trasparente come lo scambio stia effettivamente. Tuttavia, uno di questi scambi sembrava avere un’enorme quantità di Shiba Inu come riserva. Cosa sta succedendo qui?

Crypto.com e SHIB

Questo è l’exchange americano Crypto.com. Ieri l’exchange ha annunciato in cosa consistono esattamente le sue riserve. Il CEO di Crypto.com, Chris Marsalek, ha a Pannello Condividi dove si può vedere esattamente questo. Non sorprende che la maggior parte delle riserve di Crypto.com siano costituite Bitcoin (BTC).

Bitcoin vale circa $ 900 milioni e questo costituisce oltre il 30% del portafoglio. La terza più grande assegnazione in sollevato (ETH), con un valore di quasi 500 milioni di dollari. Ethereum rappresenta oltre il 17% delle riserve. Inoltre monete stabili USDC e USDT rappresentano ciascuno poco più del 5% dell’allocazione.

Tuttavia, al secondo posto c’è una criptovaluta inaspettata: Shiba Inu (INU). Quasi il 20% della riserva di Crypto.com è costituita da valuta meme e quindi Crypto.com memorizza più SHIB di ETH. Questo è giustificato? Dopotutto, la valuta dei meme non è esattamente nota per la sua stabilità o valore intrinseco.

Tuttavia, secondo il CEO di Crypto.com, questo ha una logica. Tutte le riserve di Crypto.com dipendono interamente dai fondi degli utenti. Marszalek afferma che lo scambio mantiene queste attività da 1 a 1 nelle sue riserve. Quindi significa semplicemente che gli utenti di Crypto.com possiedono molto Shiba Inu.

READ  Come puoi togliere più velocemente l'odore di una friggitrice o di salmone al forno da casa tua? La zia Kate spiega cosa funziona e cosa non dovresti assolutamente fare per mangiare

Anche altre borse hanno annunciato che pubblicheranno il contenuto delle loro riserve. Anche l’olandese Bitvavo pianifica di farloNon è noto quando Bitvavo condividerà maggiori dettagli su questo argomento.