QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il 2021 passerà alla storia come il quinto anno più caldo del mondo

Il 2021 è stato il quinto anno più caldo mai registrato a livello globale. Gli ultimi sette anni sono stati i sette anni più caldi mai registrati con “un netto margine”. Ciò è dimostrato lunedì dai risultati annuali del think tank europeo Copernicus, che monitora il clima. Anche l’Europa ha vissuto l’estate più calda di sempre.

Nel 2021, la temperatura era di 0,3°C più calda rispetto al periodo di riferimento dal 1991 al 2020. La temperatura era di 1,1-1,2°C superiore al livello preindustriale dal 1850 al 1900. L’anno scorso è stato leggermente più caldo del 2015 e del 2018 , insieme costituiscono gli anni più freddi degli ultimi sette anni.

Gli ultimi sette anni sono stati “con un netto margine l’anno più caldo mai registrato”, secondo il rapporto del Copernicus Research Institute. 21 dei 22 anni più caldi registrati da Copernico negli ultimi 52 anni si sono verificati dopo il 2000.

Mai prima d’ora ci siamo trovati di fronte a realtà così dure a cui sta portando il riscaldamento globale: il maltempo li ha colpiti in tutto il mondo, dalle inondazioni in Europa, Cina e Sud Sudan, ai massicci incendi in Siberia e negli Stati Uniti. “Questi eventi sono un doloroso promemoria che dobbiamo cambiare il nostro modo di vivere, fare passi coraggiosi verso una società sostenibile e ridurre le nostre emissioni”, ha affermato Carlo Buentempo, Direttore di Copernicus.

Più metano e anidride carbonica

Secondo il rapporto, le concentrazioni globali di anidride carbonica e metano hanno continuato a crescere drammaticamente, raggiungendo nuovamente livelli record nel 2021. L’anidride carbonica, il principale fattore del riscaldamento globale, è salita a 414,3 parti per milione (ppm), o più. Il cinquanta per cento in più che nell’era preindustriale.

READ  Un diplomatico americano sistema l'uomo che ha ucciso in Gran Bretagna | All'estero

L’aumento del metano, che filtra da una varietà di fonti: dalle attività naturali, come le paludi, alle attività umane, è dovuto principalmente a una migliore rilevazione, ma non per questo meno preoccupante. Il metano è quello che potremmo chiamare un “gas super serra”.. Per i primi dieci anni dopo la sua emissione, la molecola di metano trattiene circa cento volte più calore del suo fratello più famoso, l’anidride carbonica. Sebbene nell’atmosfera si trovi quasi duecento volte meno metano dell’anidride carbonica, il gas è responsabile di almeno un quarto dell’aumento medio della temperatura. Il metano invece si decompone solo dopo dieci anni, mentre l’anidride carbonica può rimanere nell’atmosfera per secoli.

Alla più recente conferenza delle Nazioni Unite sul clima a Glasgow, più di 100 paesi si sono impegnati a ridurre le emissioni di metano del 30% entro il 2030 rispetto al 2020.

­

L’estate europea più calda di sempre

“Quando osserviamo la media globale, vediamo che i primi cinque mesi dell’anno hanno visto temperature relativamente basse rispetto agli ultimi anni molto caldi. Ma da giugno, le temperature globali mensili sono rimaste una delle quarte più alte mai registrate. ” La maggior parte delle temperature superiori alla media sono state registrate nel Canada nord-orientale, nell’Africa settentrionale e nel Medio Oriente.

L’Europa ha vissuto la sua estate più calda mai registrata, dopo un marzo insolitamente caldo e un aprile insolitamente freddo. La regione del Mediterraneo ha subito diverse ondate di caldo nei mesi di luglio e agosto che hanno portato a incendi. In Sicilia la temperatura è di 48,8 gradi Celsius, Stabilire un nuovo record europeo.

READ  Le forze statunitensi lasciano una delle loro più grandi basi in Afghanistan | all'estero