QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il Barcellona è tornato! Il Real Madrid vende brusio dentro: 0-4 | Liga Santander 2021/2022

Dopo cinque vittorie consecutive per il Real Madrid, il Barcellona ha vinto un altro Clasico. E come! I catalani hanno umiliato l’eterno avversario in casa. Due gol prima della fine del primo tempo e due gol dopo hanno portato il punteggio sullo 0-4. Eden Hazard ha guardato dalla panchina per 90 minuti mentre i suoi compagni di squadra sono stati superati.

15 punti La differenza in classifica prima del calcio d’inizio del Clasico era di 249. Non c’era alcuna indicazione che il Real Madrid fosse progredito sul campo. esattamente il contrario. Dal primo minuto sono stati superati dall’eterno rivale catalano.

L’assenza di Karim Benzema è stata risolta da Carlo Ancelotti che ha spinto Luka Modric in avanti come il “falso nove”. Non è stato un esperimento riuscito, perché il croato stava nuotando.

Nella prima mezz’ora i portieri si sono distinti in alcune belle parate, ma da allora il treno del Barcellona è partito. Grazie ai gol di Aubameyang e Araujo, gli ospiti sono entrati negli spogliatoi con il punteggio di 0-2.

Subito dopo l’intervallo Ferran Torres è riuscito a decidere l’intero match. Testa a testa con Courtois, ha mirato a una distanza debole. Fallo doloroso, ma un minuto dopo palla in porta dopo un brillante attacco di squadra dalla vecchia area di rigore. Torres tirò un sospiro di sollievo.

Il Barcellona ha continuato il suo slancio dopo 0-3. Aubameyang ha finito tutto più di mezz’ora prima dell’orologio. La bandiera è stata inizialmente segnalata come fuorigioco, ma Alaba è rimasta sorpresa e la festa dei visitatori è continuata comunque.

Aubameyang è andato vicino alla tripla, ma la griglia non tremava più. Courtois in particolare ha dovuto entrare in vigore più volte. Da solo si è assicurato che la punizione non peggiorasse. E l’Eden Hazard? Rimase dolorosamente in panchina.

(Leggi i commenti sotto i tweet)

Guarda i quattro gol:

Xavi: Il futuro ci sorride

“Il Barcellona è tornato”, ha riso Xavi, che ha tenuto una conferenza con i suoi uomini. “Sono felice, questa è una serata che ci stiamo godendo”.

“Abbiamo dimostrato di poter competere contro una grande squadra del Real Madrid, giocando in casa. Questo è un traguardo importante e dà slancio al futuro del nostro progetto”.

“Sono felice che siamo stati molto meglio del Real Madrid. Abbiamo giocato una grande partita. Sono molto felice di non essere solo l’allenatore del Barcellona, ​​ma soprattutto un tifoso da sempre. Quindi notti come queste non si dimenticano mai”.

“Era importante porre fine alla nostra sconfitta consecutiva contro il Real Madrid, alla mentalità negativa e al sentimento che ha preso il controllo del club. Questo è un grande stimolo per il morale. Continueremo a fare progressi”.

Senza Messi, il Barcellona è scivolato al nono posto in classifica quando Xavi ha sostituito Ronald Koeman. Xavi ha dato nuova vita: il Barcellona ha segnato 24 gol nelle ultime 7 partite di campionato, ne ha realizzati 23 su 27 e si è qualificato per i quarti di finale della Lega Europea.

“Più di 4 gol, amo il modo in cui i giocatori hanno combattuto, corso e si sono lanciati completamente, è stimolante. Non credo che ci qualifichiamo per il titolo, il Real Madrid è avanti di 12 punti, ma il futuro ci sorride”.

Xavi.

Ancelotti incolpa: ‘Ho sbagliato’

L’allenatore del Real Madrid Carlo Ancelotti ha accusato la sconfitta. “Il mio stile non era giusto e non ha funzionato. Il Barcellona ha giocato meglio di noi e meritava di vincere”.

“Non ho problemi ad assumermi la responsabilità di questa scivolata. Abbiamo giocato molto male, mi sono preparato molto male per questa partita. A volte sbagli, e succede”.

“Ma non dovremmo renderlo un dramma. So che questa partita è molto importante per i tifosi, mi dispiace davvero”.

“Ma dobbiamo mantenere la calma. Ora abbiamo due settimane per lavorare, abbiamo Karim (Benzema) e (Ferland) Mendy e abbiamo tempo per assorbire questa sconfitta. Potrei sbagliarmi una volta, ma raramente due volte”.

“Ci prepareremo per l’ultimo sprint della stagione per vincere titoli. La pausa ci gioverà”.

  1. Il secondo tempo, al 94′, il gioco è finito
  2. Il secondo tempo, il minuto 93. La fine. Nel tempo aggiunto non è successo nient’altro. Il Barcellona lascia la capitale con un secco 0-4 dopo una vera dimostrazione. La differenza in classifica si è ridotta a 12 punti, quindi per il Real non c’è nulla di cui preoccuparsi. †
  3. Cartellino giallo per il giocatore del Barcellona Nico Gonzalez nel secondo tempo, 88′
  4. Cartellino giallo per Lucas Vazquez, Real Madrid, nel secondo tempo, 88′
  5. Il secondo tempo, minuto 88. Vazquez e Nico sono entrati nel libro degli arbitri dopo due errori simili di fila. contatore alle 8.
  6. Secondo tempo, minuto 86. Sostituzioni al Barcellona, ​​Dani Alves e Jordi Alba
  7. Secondo tempo, minuto 86. Con Dani Alves, Xavi ha aggiunto esperienza alla squadra per assicurarsi una vittoria completa. Possa il giovane Pedri riposare. Finita anche la partita con l’Alba, al suo posto Nico Gonzalez. †
  8. Secondo tempo, minuto 86. Sostituzione a Barcellona, ​​entra Nico Gonzalez, eliminato Pedri
  9. Secondo tempo, minuto 83. Ter Stegen apprezza bene il tiro dalla distanza di Valverde. La palla supera il mezzo metro. †
  10. Cartellino giallo per Eduardo Camavinga, giocatore del Real Madrid, nel secondo tempo, all’82’
  11. Il secondo tempo, all’82’, va a segno di Camavinga, così come di Busquets: il giallo per il francese. †
  12. Secondo tempo, minuto 80. Sostituzione a Barcellona, ​​dentro Adam Traore, fuori Ousmane Dembele.
  13. Il secondo tempo, all’80’ Xavi scambia un ragazzo veloce con un altro: arriva Traore al posto di Dembele. †
  14. Il signor Ter Stegen ha avuto un po’ di fortuna. Il Barcellona perde alcune occasioni mentre si avvicina la fine della partita. Alaba dimentica di segnare un corner e da distanza ravvicinata mira a Ter Stegen. † Secondo tempo, 80° minuto.
  15. Courtois non sbaglia. Courtois ha sparato di nuovo con un tiro difficile da Memphis. Ha preso l’ultimo pezzo di reale oggi quello che c’era oggi. † Secondo tempo, 79° minuto.
  16. Il secondo tempo, il minuto 77. La vera occasione. Finalmente un’opportunità per davvero. Asensio corre bene per la gamba in area di rigore, ma non riesce a tenere la palla bassa. †
  17. Il secondo tempo, 75 minuti, dopo un intervento di un uccello di Alba, riceve un cartellino giallo. Vinicio è la vittima. †
  18. Cartellino giallo per Jordi Alba, giocatore del Barcellona, ​​nella ripresa, minuto 74
READ  Simone Biles condivide un post che spiega perché dovremmo sostenere la rinuncia: "Abbiamo già subito più traumi di quanti la maggior parte delle persone possa mai sperimentare" | le Olimpiadi