QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il Belgio scende al 31° posto nella classifica della libertà di stampa: violenze e minacce online

Il Belgio scende al 31° posto nella classifica della libertà di stampa: violenze e minacce online

L’organizzazione osserva che i giornalisti belgi subiscono violenze da parte della polizia e dei manifestanti durante le manifestazioni, nonché frequenti minacce online dirette principalmente alle donne, nonostante il loro livello di fiducia “relativamente alto”.

I Paesi Bassi sono saliti di 22 posizioni fino al sesto posto. Questa è anche la situazione in cui si trovavano i nostri vicini del nord nel 2021, prima dell’omicidio del giornalista criminale Peter R. de Vries.

Le cascate più grandi sono Perù (110, -33 posti), Senegal (104, -31 posti), Haiti (99, -29) o Tunisia (121, -27).

Secondo l’edizione 2023 di questo benchmark, le condizioni per praticare il giornalismo sono scarse in 7 paesi su 10. La novità è che i tre Paesi peggiori vengono dall’Asia, con il Vietnam (178esimo), la Cina (penultimo) e la Corea del Nord Lanterna Rossa.

In modo incoraggiante, la situazione in 52 dei 180 paesi è “buona” o “abbastanza buona”. Sono quattro in più rispetto al 2022, un numero che non era così alto dal 2016.

I primi dieci paesi per la libertà di stampa 2023

  1. Norvegia
  2. Irlanda
  3. Danimarca
  4. Svezia
  5. Finlandia
  6. Olanda
  7. Lituania
  8. Estonia
  9. Portogallo
  10. Timor Est

In Iran, che si trova al 177° posto su 180, tre giornaliste iraniane hanno ricevuto martedì sera il Premio per la libertà di stampa. Nilufar Hamidi, Elah Mohammadi e Narges Mohammadi sono attualmente incarcerati per il loro lavoro.

“Vogliamo onorare il coraggioso lavoro delle giornaliste iraniane i cui reportage hanno scatenato una storica rivoluzione guidata dalle donne”, ha affermato Zainab Salbi, presidente della giuria del Premio mondiale per la libertà di stampa 2023 dell’UNESCO/Guillermo Cano.

Narges Mohammadi è uno dei più noti attivisti per i diritti umani in Iran e ha lavorato con una serie di organizzazioni dei media. Attualmente sta scontando una pena detentiva di 16 anni nella famigerata prigione di Evin a Teheran.

I giornalisti Elaha Mohammadi e Niloofar Hamidi hanno guadagnato fama internazionale per la loro copertura della morte della donna curda iraniana Mohsa Amini mentre era in custodia della polizia per presunte violazioni del codice di abbigliamento. La sua uccisione a settembre ha scatenato le peggiori proteste che il paese abbia visto da anni.

Hamidi è stato arrestato poco dopo la notizia della morte di Amini. Elha Mohammadi è stata arrestata dopo aver denunciato il funerale della donna curda. Entrambi sono imprigionati nella prigione di Evin.

READ  Le Borse europee aprono in rialzo beursduivel.be