QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il cambiamento del vaiolo delle scimmie in Congo potrebbe diffondersi in tutto il mondo – New Scientist

Si ritiene che quest’anno 120 persone siano morte di vaiolo delle scimmie in Congo. Forse la colpa è del ceppo dannoso Clade I. Gli esperti temono che seguirà le orme del ceppo più mite Clade II e si diffonderà in tutto il mondo.

Lui lei virus del vaiolo delle scimmie, che quest’anno si è diffuso in tutto il mondo, è già apparso in più di cento paesi. Il nuovo focolaio è il primo a provocare decessi anche al di fuori dell’Africa, dove la malattia circola da tempo. Il bilancio ufficiale delle vittime è di 26, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), ma non sono inclusi i decessi nei paesi in cui sono disponibili pochi laboratori di analisi.

Infezioni africane

Secondo le statistiche degli stessi paesi colpiti, la Repubblica Democratica del Congo è la più colpita dalla miseria. Dal 1 gennaio al 21 settembre 2022, quel paese ha riportato 120 morti. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, tutte le vittime in Congo potrebbero essere morte a causa del ceppo Clade I del virus del vaiolo delle scimmie, precedentemente noto come ceppo del bacino del Congo. Il ceppo più mite Clade II, precedentemente noto come ceppo dell’Africa occidentale, ha iniziato a diffondersi in tutto il mondo all’inizio di quest’anno. Clade I ha un tasso di mortalità del 10,6%, mentre Clade II porta alla morte nel 3,6% dei casi.


Leggi anche
La foresta pluviale amazzonica si sta trasformando in una savana: abbiamo ancora cinque anni per salvare l’area

Il ceppo Clade I è apparso solo una volta prima in un paese dove il virus non si è mai manifestato prima: nel 2005 è apparso in Sud Sudan. Ma più a lungo questa specie circola in Congo, maggiore è il rischio di diffondere questo ceppo virale in tutto il mondo. “È sicuramente possibile, data la facilità con cui viaggiamo per il mondo”, afferma l’immunologo. Stuart Isaccoaffiliato all’Università della Pennsylvania.

READ  La lebbra rilevata per la prima volta negli scimpanzé selvatici | All'estero

Il virus si moltiplica man mano che si diffonde con le mutazioni. “Il virus del vaiolo delle scimmie può evolversi sempre di più, e quindi essere più in grado di infettare gli altri”, afferma l’epidemiologo. Anne Remoine dell’Università della California, Los Angeles.

Vaccinazione contro il virus

Non è chiaro se il più alto numero di vittime in Congo sia dovuto al più alto tasso di mortalità nella tribù Clade I, o alla mancanza di assistenza sanitaria nel Paese africano rispetto al resto del continente. Questo è ciò che dice l’epidemiologo Andrea McCollum Dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) negli Stati Uniti. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, quest’anno il Congo non ha ricevuto alcun vaccino contro il vaiolo delle scimmie, a parte le dosi destinate ai test clinici. Lo stesso vale per altri paesi africani.

In Europa, il vaccino Jynneos (noto anche come Imvanex e Imvamune) è approvato contro il vaiolo delle scimmie e la varicella comune nelle persone di età pari o superiore a 18 anni. 70.000 vaccini sono stati resi disponibili nei Paesi Bassi.

Il governo congolese sta cercando di contenere la diffusione del virus localizzando e isolando gli infetti. Secondo il virologo Mario StevensonAffiliato con l’Università di Miami in Florida, questo non è sufficiente per fermare la malattia.

Differenza

Mentre tutto indica il Congo come l’epicentro di una grave epidemia di vaiolo delle scimmie, il vero peso del virus in quel paese rimane poco chiaro. “Non abbiamo la possibilità di pattugliare ovunque”, dice Remoen. “Certamente nelle aree remote del Congo, dove si verificano la maggior parte delle infezioni, non possiamo eseguire test di laboratorio”.

READ  Esplorare set di dati per conoscere la malattia di Parkinson in fase iniziale

A maggio, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha annunciato che l’epidemia mondiale colpisce principalmente gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini. Al momento non è chiaro quale parte della distribuzione sia in Africa [inclusief Congo] Si verifica tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini”, afferma McCollum. Aggiunge che la stigmatizzazione dell’omosessualità in molti paesi colpiti in Africa, come il Congo, rende difficile determinare la diffusione del virus.

Il motivo della diffusione globale del ceppo Clade II all’inizio di quest’anno deve ancora essere chiarito. Secondo Stevenson, ciò potrebbe essere dovuto alle mutazioni del virus che ne facilitano la diffusione, ma potrebbe anche essere sfortuna.

“Sappiamo che il vaiolo delle scimmie è un problema enorme in Congo e ci stiamo mettendo a rischio solo se continuiamo a ignorarlo”, ha affermato Rimoen. Penso che abbiamo memoria a breve termine in tutto il mondo. Dobbiamo ricordare a noi stessi che un’infezione da qualche parte ha il potenziale per trasformarsi in un’infezione su scala globale”.