QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il campionato italiano un tempo dominante ora sta raccogliendo rifiuti

I campioni in carica dell’AC Milan apriranno domani sera la loro stagione di Serie A contro l’Udinese. Il campionato ha bisogno di reinventarsi perché i grandi giocatori non scelgono più l’Italia.

Sam che pianta

Non molto tempo fa, le squadre italiane regnavano sovrane nel calcio. Tra il 1992 e il 1998, ciascuna delle prime sei finali di Champions League ha visto la partecipazione di un club di Serie A. Nel 2002-2003 la finale è tutta italiana, con il Milan vincitore assoluto – come altro potrebbe essere – ai calci di rigore contro Juventus dopo 120 minuti a reti inviolate – Out.

Tale posizione dominante non esiste più. Delle cinque principali competizioni europee per club – Premier League (Inghilterra), Bundesliga (Germania), La Liga (Spagna), Ligue 1 (Francia) e Serie A (Italia) – la Serie A ora può contare su meno soldi TV provenienti da riconoscimenti internazionali . . Il calcio nazionale è ancora molto popolare in Italia, ma la competizione transfrontaliera ha perso il suo precedente status commerciale.

Il dribblatore argentino Angel Di Maria è passato dal PSG alla Juventus quest’estate.Messaggi con foto di immagini

L’elenco dei migliori marcatori della scorsa stagione è descrittivo. Metà della top ten sono delle big, con Ciro Immobile (Lazio), Tommy Abraham (Roma), Marko Arnautovic (Bologna), Edin Dzeko (Inter) e Gerard Deulofeu (Udinese). La Serie A è diventata una competizione di seconda possibilità.

Analisi dei dati

Molti top club stanno approfittando consapevolmente di questa rinascita posizione in campionato. Con una macchina da scouting straniera piena di fanatici dei dati e analisti di video, la scorsa stagione il Milan ha costruito una squadra del campionato a prezzi accessibili. Giocatori come Figayo Tomori (ex Chelsea), Theo Hernandez e Brahim Diaz (ex Real Madrid) e Ismail Bennasser (ex Arsenal) hanno mantenuto le loro grandi promesse, con molti giovani giocatori liberati dalla competizione spietata per i grandi club ricchi . si stanno allentando.

Quest’estate la Juventus ha fatto acquisti nella categoria leggermente più chic dei “scarti”. Angel Di Maria non è mai stato un superboy sottovalutato al Paris Saint-Germain all’ombra di megastar come Kylian Mbappé, Neymar e Lionel Messi, e l’argentino sarà il nuovo big man dal primo giorno a Torino. Lo stesso vale per il ritorno di Paul Pogba. L’enigmatico francese potrebbe vincere ogni pallone a centrocampo alla Juventus dopo cinque stagioni se il centrocampo altrettanto talentuoso e turbolento del Manchester United ne avesse abbastanza. De Ott Dam non ha lasciato crescere l’erba, ora che il club ha perso il titolo nazionale per due stagioni di seguito.

Paulo Dybala e Tommy Abraham sono gli attaccanti dell'AS Roma.  Messaggi con foto di immagini

Paulo Dybala e Tommy Abraham sono gli attaccanti dell’AS Roma.Messaggi con foto di immagini

Come per altri grandi club italiani, la crisi della Juventus dovrebbe continuare ancora per un po’. Perché lo spietato dominio del Torino negli anni precedenti ha danneggiato la Serie A come destinazione finale. Tra il 2012 e il 2020, la Juventus è stata campionessa nove volte di seguito, finendo più volte seconda con punti a doppia cifra.

Se la Serie A aveva già attirato fuoriclasse dall’estero in questo periodo, la scelta è stata presto fatta: la Juventus. Ma l’enorme rischio corso dal club torinese nell’ingaggio di Cristiano Ronaldo alla fine ha funzionato contro il club. La scommessa ha provocato un duro colpo finanziario invece di un’ambita vittoria finale in Champions League.

L’effetto Mourinho

Non devi più essere a Torino per la scena, devi essere alla Roma, perché la faccia calcistica più famosa della Serie A non è un giocatore, ma un allenatore. Nel primo anno Jose Mourinho – ancora una leggenda vivente in Italia da quando ha vinto il triplete con l’Inter nel 2010 – ha subito vinto un premio con l’AS Roma, battendo il Feyenoord nella finale di Conference League. Nel suo secondo anno di servizio romano, The Special One intende continuare. Il significato principale è: nuovi giocatori, il più attraenti possibile.

Jose Mourinho riporta slancio all'AS Roma.  Messaggi con foto di immagini

Jose Mourinho riporta slancio all’AS Roma.Messaggi con foto di immagini

A differenza del suo ultimo mandato in Inghilterra, il testamento di Mourinho è ancora legale in Italia. Così la Roma ha sorpreso allo stesso modo amici e nemici ingaggiando a parametro zero il fuoriclasse della Juventus. La scelta di Paulo Dybala per Mourinho ha portato i giallorossi della Roma in delirio calcistico. Alla sua presentazione come nuova romanista, Dibala ha cantato a squarciagola davanti a più di diecimila fan nel Palazzo della Civilta Italiana.

Una settimana dopo, anche Georginio Wijnaldum è stato introdotto a questa follia calcistica, con il pubblico rumeno che ha fatto una standing ovation al suo esordiente olandese prima di una partita di allenamento. Le foto di Dybala e Wijnaldum hanno fatto il giro del mondo. La spavalderia di Mourinho sembra aver già dato i suoi frutti sotto un aspetto: la Serie A è tornata sulla mappa come destinazione finale.

READ  Le operazioni di Corona sono state rilassate in quasi tutta Italia