QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il capo Wagner denuncia i ricchi russi: “Hanno paura, dobbiamo togliergli terme, dacie, piscine”

©AP

Il proprietario e sostenitore del gruppo paramilitare russo Wagner, Yevgeny Prigozhin, si è lamentato in un’intervista televisiva della mancanza di partecipazione di oligarchi e oligarchi russi alla guerra in Ucraina. Vogliono tutti tuffarsi in una piscina calda la sera e divertirsi.Prigozhin di solito non appare sui media, ha detto Prigozhin sabato sul canale statale RT.

waferFonte: BELGA

L’uomo d’affari di 61 anni ha chiesto che tutto fosse portato via ai suoi ricchi compatrioti che non contribuiscono alla guerra. Allora anche loro sarebbero disposti a restare al fronte, pensò. Ha detto: “Bisogna capire a un certo punto che bisogna rinunciare a tutto ciò che si ha, compreso il mondo seducente, i ristoranti, le terme, le dacie e le piscine”. “Prima gli viene tolto tutto, meglio è.” Prigozhin, come molti ricchi russi, è stato sanzionato dall’Occidente per aver sostenuto la guerra della Russia in Ucraina.

Leggi anche. Il commissario europeo Frans Timmermans: “Putin ha già perso, proprio come Hitler nel 1943” (+)

Prigozhin è un confidente del presidente russo Vladimir Putin. La sua permanenza a San Pietroburgo gli è valsa il soprannome di “Chef di Putin”, perché lì ha ospitato il politico nel suo ristorante. È ricercato negli Stati Uniti dall’FBI per la sua interferenza nelle elezioni americane. Prigozhin si è recentemente rivelato essere l’uomo dietro il gruppo Wagner, che comprende volontari e prigionieri. Continua a criticare gli errori della leadership dell’esercito russo nella guerra in Ucraina.

funerale

Prigozhin è apparso pubblicamente sabato in un cimitero di San Pietroburgo al funerale di un soldato Wagner caduto in Ucraina. I media statali russi l’hanno trattata come una sensazione, perché Prigozhin ha parlato molto ultimamente, ma non si è mostrato davanti alla telecamera. Per l’uomo d’affari, il funerale ha avuto successo nella sua lotta per il potere con le autorità di San Pietroburgo che non volevano che il defunto, un criminale condannato, fosse sepolto nella parte militare del cimitero. Da un lato, Prigozhin crede che l’uomo sia un “vero patriota”. Ha sottolineato che tutti in primo piano sono uguali.

Leggi anche. “Cominciò, un’invasione totale”: Ricostruire le 48 ore che hanno cambiato la storia (+)

READ  Una grotta funeraria "molto rara" durante il regno di Ramses II è stata trovata casualmente in Israele