QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il carattere fiscale contiene più simboli, ma meno resi semplificati | Economie

La crisi Corona ha implicazioni anche per le dichiarazioni dei redditi quest’anno: 20 simboli sono stati aggiunti alle varie misure di sostegno che le autorità hanno lanciato lo scorso anno. Un’altra novità è che, per la prima volta da molto tempo, è diminuito il numero di belgi che possono aspettarsi una dichiarazione dei redditi compilata in precedenza. Il ministro federale delle finanze Vincent van Pettigem (CD&V) ha annunciato gli sviluppi durante una conferenza stampa mercoledì.




L’anno scorso, 3,92 milioni di belgi hanno ricevuto una proposta di pubblicità semplificata (VVA). Erano 730.000 in più rispetto all’anno precedente. Tuttavia, questo aumento è stato anche accompagnato da numerose denunce da parte dei contribuenti, della stampa e del Mediatore. Ecco perché FPS Finance ha apportato modifiche quest’anno: il gruppo target di RSA è limitato. Quest’anno 3,75 milioni di belgi avranno tale VVA, circa 170.000 in meno. Chiunque non riceva più VVA quest’anno verrà informato per lettera o su eBox.

Quindi i criteri per ottenere VVA sono diventati un po ‘più rigorosi e sono stati compiuti sforzi anche per compilare alcuni codici meglio in anticipo. Inoltre, FPS ha fornito una migliore comunicazione sugli elementi che un contribuente dovrebbe controllare e ci sono nuove domande comuni sul sito in cui i cittadini possono porre domande. “In questo modo vogliamo rafforzare ancora una volta la fiducia della popolazione nelle dichiarazioni semplificate”, ha detto Van Pettigem. Resta l’intenzione di espandere nuovamente questo gruppo target nei prossimi anni.


citazione

Tutti i codici aggiuntivi sono il risultato di misure temporanee e mirate per guidare le famiglie e le imprese attraverso la crisi.

Ministro delle finanze Vincent van Pettigim (CD&V)

Oltre ai codici aggiuntivi, ci sono una serie di nuove funzionalità nell’area dei vantaggi fiscali. La cosa più evidente è il rimborso delle spese per l’assistenza all’infanzia. L’importo massimo giornaliero che può essere contribuito come spesa è stato aumentato da 11,20 euro a 13 euro e contemporaneamente il limite di età è aumentato da 12 a 14 anni. Per i bambini con disabilità, quel termine è ora 21, invece di 18. I costi potrebbero anche essere inclusi nell’annuncio delle attività di assistenza all’infanzia che avrebbero dovuto essere annullate tra il 14 marzo e la fine del 2020.

Lo stato di coronavirus attualmente non consente lo svolgimento di sessioni di collocamento fisico convenzionali. Invece, c’è ancora una linea di assistenza. “Abbiamo ricevuto davvero molti feedback positivi nell’ultimo anno”, afferma Van Pettigm. “Intanto è già iniziata la fase preventiva: solo nel mese di aprile sono state chiamate 238.000 persone per fissare un appuntamento. Questa fase proseguirà fino a metà maggio. Da lì in poi si entra nella fase di reazione: si potrà quindi chiamare il numero sulla busta marrone. “

30 giugno o 15 luglio

Quest’anno, le dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche devono essere presentate su carta entro il 30 giugno e in formato digitale (tramite Tax-on-web) entro il 15 luglio. Chiunque abbia completato la sua dichiarazione con obbligo lo avrà fino al 21 ottobre. Le pratiche burocratiche o le proposte di reso semplificato di solito finiscono nella cassetta delle lettere durante il mese di maggio.

Leggi anche: Werkexpert mette in guardia sui pericoli dell’auto aziendale: “ogni mese più di 300 euro perdono la pensione”(+)

READ  Pronto un piano di risparmio per l'istruzione da 112 milioni: nuovi investimenti annullati, meno soldi per la ricerca per l'istruzione superiore