QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il carcere non ferma l’influenza aviaria .. Il settore avicolo è una preoccupazione | 1 Limburgo

Il virus dell’influenza aviaria continua a diffondersi nonostante tutti i volatili domestici siano tenuti in gabbia dalla fine di ottobre. Come ciò possa accadere è una delle principali preoccupazioni per il settore avicolo.

L’influenza aviaria si è diffusa 13 volte negli allevamenti di pollame nei Paesi Bassi, dopo che il 26 ottobre dello scorso anno è stato implementato il confinamento interno obbligatorio. Decine di migliaia di animali sono stati abbattuti anche a Ysselsteyn poche settimane fa dopo l’epidemia.

Leggi anche: Video: decine di migliaia di animali macellati a Yesestin

I focolai sono inspiegabili per Theo Cumans, allevatore di pollame Ospel e portavoce del De Limburgse Land-en Tuinbouwbond. Sebbene la ricerca venga effettuata dopo ogni focolaio. Nemmeno il Ministero dell’agricoltura, della natura e della qualità alimentare e l’Autorità olandese per la sicurezza alimentare possono metterci il dito sopra, dicono noi.

Il virus esplode
Coumans: “Vediamo che il virus sta ancora entrando nelle stalle anche se gli allevatori hanno preso tutte le misure. Questo preoccupa il settore. Sono già in vigore regole igieniche molto rigide. Anche i visitatori non sono i benvenuti. Il virus è letteralmente soffiato nelle stalle . Forse da piume di uccello o da una sostanza nido, non possiamo mettere il dito su di esso”, dice Cumans.

Impatto sul settore
Teme di estendere il confinamento obbligatorio a 16 settimane, che durerà fino a metà febbraio. Le conseguenze negative per questo settore sono duplici. In primo luogo, gli animali soffrono perché ricevono poca luce e aria fresca in un ambiente vario. (Anche) stare in carcere per un periodo più lungo può essere stressante.

In secondo luogo, le uova vengono prodotte molto meno. Le uova da allevamento all’aperto vengono ridotte a uova da allevamento all’aperto dopo 16 settimane nel recinto. “L’impatto finanziario è enorme”, afferma Commands, “siamo davvero preoccupati per questo”.

READ  Foglio informativo sul cancro al seno metastatico | Maastricht UMC +

vaccinazione
Ma cosa succede se le misure rigorose non funzionano e le epidemie persistono? “Penso che la vaccinazione sia la risposta. Noi come settore lo sosteniamo da anni. Un vaccino dovrebbe essere sviluppato e non dovrebbe causare restrizioni commerciali. Ora i paesi, compresi i Paesi Bassi, non vogliono assolutamente che i prodotti avicoli vengano vaccinati contro l’influenza aviaria. Per cambiare questo ci vuole una volontà politica”.

Vaccini non sicuri
Alcuni vaccini sono disponibili all’estero contro i virus dell’influenza aviaria, ma nessuno è stato sviluppato contro l’attuale virus che sta causando un’epidemia nei Paesi Bassi. “Se viene utilizzato un vaccino che protegge solo parzialmente il pollame dall’infezione da influenza aviaria, può mascherare l’infezione. Il virus può quindi diffondersi inosservato, rendendo più difficile la lotta al virus”, scrive. Università di Wageningen.