QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il clamore in Italia: i tre giocatori base del Napoli contro la Juventus dovevano essere davvero isolati

Il calcio italiano è di nuovo in fermento. Dopo la partita tra Juventus e Napoli di giovedì sera, è stato annunciato che i tre giocatori base degli spettatori dovevano essere isolati, quindi non potevano giocare.

Poco prima dell’inizio della partita tra le due potenze italiane, i funzionari locali di Torino e Napoli hanno annunciato che tre giocatori del Napoli non avrebbero potuto giocare quella sera. Sono Amir Rahmani, Stanislav Lobotka e Pyotr Zilinsky. Hanno interagito con coloro che sono risultati positivi e hanno dovuto essere isolati.

Tuttavia, il Napoli non era d’accordo con tale conclusione. In Italia, dal 30 dicembre, si applicherà il ‘nuovo’ protocollo quando si interagisce con chi è risultato positivo. Inoltre, coloro che non ricevono un terzo colpo dovrebbero essere immediatamente isolati. Questo non è obbligatorio prima, ma se dai un test negativo che non supera le 48 ore, puoi andare al lavoro.

Tuttavia, secondo i legali del Napoli, il nuovo isolamento non vale per i calciatori professionisti. Per loro, le vecchie attività sono ancora applicabili, consentendo loro di guidare per andare al lavoro in modo che possano allenarsi e giocare nel club. Inoltre, il trio non avrebbe potuto ottenere il terzo colpo perché il secondo non è stato tenuto abbastanza a lungo. Lo hanno riferito vari media italiani.

Ma né la Federcalcio né il governo vogliono fermarsi su questo. Il calcio italiano sta attualmente combattendo l’ondata di corona – più di 100 giocatori e personale sono risultati positivi al virus la scorsa settimana – e il 12 gennaio si terrà un incontro per affrontare ulteriori problemi. Con tre giocatori e un club che ora si asciugano i piedi in azione non è una buona pubblicità. Il Napoli potrebbe già avere paura dei rigori pepati.

READ  La Fiorentina riporta Biotech in Italia - Belgio

Alla fine il Napoli è stato costretto a pareggiare 1-1. Segnarono Dries Mertens e Federico Cesa. Così il Napoli dura al terzo posto. Di seguito si trovano due posizioni della diga di Oude.

Prima dell’inizio della partita tra le due potenze italiane, i funzionari locali di Torino e Napoli hanno annunciato che tre giocatori del Napoli non avrebbero potuto giocare quella sera. Sono Amir Rahmani, Stanislav Lobotka e Pyotr Zilinsky. Hanno interagito con coloro che sono risultati positivi e hanno dovuto essere isolati. Tuttavia, il Napoli non era d’accordo con tale conclusione. In Italia, dal 30 dicembre, si applicherà il ‘nuovo’ protocollo quando si interagisce con chi è risultato positivo. Inoltre, coloro che non ricevono un terzo colpo dovrebbero essere immediatamente isolati. Prima non è obbligatorio, ma puoi andare al lavoro se presenti un test negativo che non duri più di 48 ore, ma secondo i legali del Napoli il nuovo isolamento non vale per i calciatori professionisti. Per loro, le vecchie attività sono ancora applicabili, consentendo loro di guidare per andare al lavoro in modo che possano allenarsi e giocare nel club. Inoltre, il trio non avrebbe potuto ottenere il terzo colpo perché il secondo non è stato tenuto abbastanza a lungo. Lo riferiscono molti media italiani. Ma la federazione calcistica e il governo non vogliono fermarsi a questo. Il calcio italiano sta attualmente combattendo l’ondata di corona – più di 100 giocatori e personale sono risultati positivi al virus la scorsa settimana – e il 12 gennaio si terrà un incontro per affrontare ulteriori problemi. Con tre giocatori e un club che ora si asciugano i piedi in azione non è una buona pubblicità. Il Napoli potrebbe essere già preoccupato per il rigore di Pepper. Segnarono Dries Mertens e Federico Cesa. Così il Napoli dura al terzo posto. Di seguito sono riportate due posizioni della diga di Oude.

READ  Romain Bardett si prepara per il suo primo tour in Italia: "The G ...