QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il climatologo Antonello Pacini: “L’Italia è un punto caldo del cambiamento climatico”

Una sezione del ghiacciaio si è staccata domenica nelle Dolomiti italiane settentrionali. Il ghiaccio che è sceso ha provocato una valanga mortale. Il giorno dopo, il governo italiano ha dichiarato lo stato di emergenza in cinque regioni settentrionali devastate dalla persistente siccità.

I livelli estremamente bassi dell’acqua nel fiume Po minacciano l’agricoltura nel nord Italia. E a Roma i vigili del fuoco hanno dovuto uscire più spesso quest’estate per combattere gli incendi causati dalla persistente siccità e dai venti caldi.

Le fluttuazioni di temperatura sono molto naturali, afferma Antonello Pacini, climatologo del Consiglio nazionale delle ricerche italiano. CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche), ma secondo lui la tendenza degli ultimi anni, con temperature sempre più elevate ed eventi meteorologici estremi, indica chiaramente l’influenza umana. “Gli scienziati sono d’accordo, specialmente nella regione del Mediterraneo, che è così vicina all’Africa che la chiamiamo un ‘punto caldo’ del cambiamento climatico”.

Qual è esattamente la causa della siccità e del caldo in Italia?

Pacini: “L’Italia, ma anche la Spagna, devono fare i conti con gli anticicloni della vicina Africa. Un anticiclone è un’area stabile di alta pressione che non riceve pioggia. Si riferisce al deserto del Sahara. Come risultato del riscaldamento globale, l’aria e i venti provenienti dalle regioni tropicali ed equatoriali si spostano verso nord, provocando periodici controgiri che vengono spinti nella regione medio-oceanica. L’Italia, ma poi anche la Spagna è nel mirino. Per inciso, oggigiorno gli anticicloni rimangono più a lungo anche nell’Europa meridionale, come fanno ora, durando più di due mesi.

Guarda anche questa serie di foto: Ad esempio, la siccità sta devastando l’Europa meridionale

READ  L'inizio perfetto dell'Europeo per la squadra: l'Italia dominante ha messo da parte la Turchia | Diavoli rossi europei

Esiste una minaccia a lungo termine di desertificazione in Italia se i venti del deserto si diffondono verso nord?

“La desertificazione è un altro fenomeno che sta accadendo sul terreno. Potrebbero volerci decenni, ma è vero che parti dell’Italia meridionale, come la Sicilia, la Basilicata e la Puglia, saranno molto vulnerabili in futuro.

La siccità e la scarsità d’acqua nel nord Italia sono causate da anticicloni provenienti dall’Africa?

‘Gli anticicloni, sebbene rari, si verificano certamente nel nord Italia, ma i fiumi sono bassi a causa delle scarse precipitazioni nevose sulle Alpi. Il nord Italia dipende principalmente dalle Alpi per l’approvvigionamento idrico, dove la neve sulle cime delle montagne si scioglie lentamente in primavera e in estate e si distribuisce ai bacini fluviali. Ma oggigiorno nevica di meno, e la neve cade a quote più elevate, lontano dalle valli. A causa di ciò, scorre meno acqua nei fiumi.

C’era di mezzo anche la micidiale valanga della Marmolada nelle Dolomiti?

“Certo. La neve fresca sul ghiacciaio forma uno strato protettivo contro il sole. Ma alcune parti di questo ghiacciaio – le cime più vicine alla valle – erano completamente esposte. Di conseguenza, una grossa fetta di quel ghiaccio ha cominciato a sciogliersi. Alla fine , si è disancorato dal substrato roccioso del ghiacciaio e la sua porzione A è crollata. Ciò è stato dovuto principalmente alla leggera nevicata, ma anche al caldo, più di dieci gradi sopra lo zero.

Gli acquedotti italiani a volte perdono il 40 per cento della loro acqua

Antonello Pacini Climatologo

È tutta colpa dell’uomo.

«Sì, ma non deve essere una tragedia. Il fatto che siamo noi a causare questo significa anche che possiamo correggere il nostro stesso comportamento. Purtroppo lo facciamo molto poco. Proprio ora che l’Europa è finalmente sulla buona strada con il Green Deal, l’UE questa settimana è tornata sui suoi passi, Denominando il gas come “energia verde”. Sì, c’è la guerra in Ucraina e l’Italia è particolarmente preoccupata che la Russia chiuda il gasdotto. Ma il gas non è verde. Non illudiamoci che così risolveremo il riscaldamento globale.

READ  Il Belgio vince in Italia: Gil Gelders conquista il quinto posto al Giro U23

leggi di più: La siccità in Spagna e Portogallo arriva dalle Azzorre

Il governo italiano sembrava finalmente intenzionato a investire pesantemente nelle energie rinnovabili, ma ora sta frettolosamente chiudendo di nuovo i contratti del gas. L’Italia sta facendo le scelte sbagliate?

“Considerate per un momento che 60 gigawatt di progetti di energia rinnovabile sono ora in programma. Quei piani richiedono solo una firma. Sessanta gigawatt equivalgono ad almeno un quinto delle importazioni di gas dell’Italia. Perché l’Italia non approva subito quei progetti di energia verde invece di acquistare GNL da Paesi africani che in questo momento non sono pronti ad esportare da noi?”

Anche il governo italiano sta adottando misure di emergenza contro la siccità nel nord. Viene discussa anche la fornitura di acqua potabile. Interventi efficaci?

“Sì, ma queste sono misure di emergenza. L’Italia deve adottare misure strutturali. Ad esempio, i suoi acquedotti, che in alcuni punti perdono il 40 per cento della loro acqua, necessitano di riparazioni urgenti. In tempi di crescente scarsità d’acqua, non possiamo davvero permettercelo.