QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il computer ibrido combina cellule cerebrali e chip di computer

Università di tecnologia di Eindhoven annunciare Gli scienziati vogliono costruire il primo computer “Brain-on-Chip AI”. Secondo Regina Lutge, uno dei team leader del progetto, il grande vantaggio è che un tale sistema utilizza molta meno energia per i calcoli rispetto ai computer “normali”.

I computer possono essere utilizzati per l’apprendimento automatico, una forma di intelligenza artificiale (AI) in cui i sistemi possono apprendere in base ai dati elaborati. Così dice Bert de Vries, che è anche il capitano della squadra apprendimento automatico Attualmente è ancora molto costoso, sia in termini di denaro che di consumo energetico. “Il calcolo ibrido con cellule cerebrali potrebbe essere la risposta”.

Thomas Bayes

Per raggiungere questo obiettivo, è stato creato il progetto BayesBrain, con Bayes proveniente dallo statistico inglese del XVIII secolo Thomas Bayes. Oggi il lavoro di un matematico viene utilizzato, tra l’altro, nel campo dell’apprendimento automatico. La parte cerebrale del progetto parla da sé: viene semplicemente dal cervello umano.

Cellule cerebrali che parlano ai chip dei computer

Per costruire il Bayesbrain, gli scienziati utilizzeranno dapprima circa un migliaio di cellule cerebrali umane per formare circuiti neurali attraverso l’uso dei cosiddetti Sistema microfluidico† Le cellule verranno mantenute in vita fornendo loro acqua e altri nutrienti. Dopo circa tre settimane, dovrebbero essere pronti per essere collegati ai chip del tuo computer.

Successivamente, gli scienziati utilizzeranno la parte del computer per risolvere un semplice compito, il problema del pendolo inverso. Questo è un compito semplice che richiede al computer di imparare a bilanciare un bastone su una piattaforma mobile. Lui lei Problema del pendolo inverso Viene già utilizzato regolarmente nell’apprendimento automatico per insegnare a una macchina il comportamento desiderato e indesiderabile.

READ  Total War: Warhammer 3 uscirà il 17 febbraio

Una volta che il lato in silicio del BayesBrain avrà imparato questo compito, i ricercatori trasferiranno gradualmente la potenza di calcolo al lato del cervello. In definitiva, l’obiettivo è che entrambe le parti lavorino insieme per risolvere il problema in modo efficiente.

“Il computer più efficiente dal punto di vista energetico”

Questa tecnologia è in definitiva concepita per essere utilizzata per risolvere i problemi del mondo reale. Un esempio potrebbe essere la gestione del controllo del traffico aereo in un grande aeroporto.

Secondo De Vries, se BayesBrain funziona correttamente, questo potrebbe essere un enorme passo avanti nel mondo dei computer. “Soprattutto, questo è un nuovo inizio con il potenziale per un cambiamento rivoluzionario. Abbiamo in programma di utilizzare il sistema più intelligente di sempre, il cervello, come componente di quello che potrebbe essere il dispositivo informatico più efficiente dal punto di vista energetico”.