QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il corpo di un migrante è stato trovato al confine tra Bielorussia e Lituania | All’estero

Le guardie di frontiera bielorusse hanno trovato il corpo senza vita di un immigrato al confine con la Lituania. Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha avvertito alla televisione lettone che la fine della crisi non era ancora in vista. Nel frattempo, sempre più migranti stanno tornando in Iraq in aereo.




dieci morti

Le guardie di frontiera hanno trovato il corpo dell’uomo avvolto in un sacco a pelo sul lato bielorusso del confine. La Commissione della guardia di frontiera di Minsk accusa Vilnius di aver scaricato il corpo oltre il confine. Il corpo mostrerà segni di abuso. Secondo l’International Red Chaste, più di 10 persone sono state uccise mentre cercavano di raggiungere l’altro lato del confine.

ritorna

Sabato sera, i migranti sono saliti a bordo di un aereo della Iraqi Airways nella capitale bielorussa, Minsk, che li porterà a Erbil, in Iraq. Lunedì sono previsti altri due voli per l’Iraq. Tuttavia, migliaia di migranti rimangono al confine con la Bielorussia, sperando di raggiungere l’Unione europea. Molti di loro vivono in condizioni difficili in alloggi di emergenza in un magazzino a Brozhny, in Bielorussia.

alimentando la crisi dei migranti

La tensione è in aumento da settimane al confine tra Polonia e Bielorussia mentre i rifugiati portati a Minsk dal regime del dittatore bielorusso Lukashenko tentano di attraversare il confine con la Polonia. Secondo l’Unione Europea, Lukashenko vuole iniziare una nuova crisi migratoria, ma il dittatore nega queste accuse.

Sostegno della NATO e dell’Unione Europea

Nel frattempo, la NATO e l’Unione Europea si sono impegnate a sostenere gli stati membri dell’UE orientale impegnati in una situazione di stallo con la Bielorussia sui migranti. “Vorrei assicurarvi che l’Unione europea è in piena solidarietà con Lituania, Polonia e Lettonia in questi tempi turbolenti”, ha affermato il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen durante una visita in Lituania. I ministri degli esteri della NATO si incontreranno a Riga martedì e mercoledì.

READ  L'Australia risarcisce la "generazione rubata" della popolazione indigena

“Nessun alleato della NATO sta da solo”, ha aggiunto Stoltenberg dopo i suoi colloqui a Vilnius con il presidente lituano Gitanas Nosida. Von der Leyen ha descritto le azioni di Lukashenko come un “attacco ibrido deliberato, cinico e pericoloso”. Stoltenberg ha detto che sta usando persone innocenti per fare pressione sui paesi vicini. Entrambi hanno affermato che la NATO e l’Unione Europea vogliono rafforzare la loro cooperazione.

Noseda ha accolto la visita di Stoltenberg e von der Leyen come “un segno molto importante di solidarietà, sostegno e incoraggiamento per la Lituania”. Ha detto che la situazione al confine è rimasta “estremamente complessa e imprevedibile”. “Il regime di Lukashenko (…) continuerà senza dubbio a mettere alla prova l’unità del mondo occidentale con tutti i mezzi e le tattiche”, ha aggiunto.

Leggi anche.

Lukashenko chiede alla Germania di accogliere migranti: “Duemila persone, non è molto per la Germania”

La crisi al confine tra Bielorussia e Polonia porta a gravi violazioni dei diritti umani