QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il costo dei materiali da costruzione è già aumentato del 16% quest’anno: la metà degli appaltatori prevede clausole di revisione o tariffe giornaliere nel contratto di costruzione | l’interno

I prezzi dei materiali da costruzione continuano a salire. Da gennaio è stata aggiunta una media del 16%. Inoltre, a causa dei prezzi molto variabili, i preventivi all’ingrosso per gli articoli sono spesso validi solo per pochi giorni o meno. Pertanto, l’Associazione delle costruzioni consiglia agli appaltatori di includere clausole di revisione o tariffe giornaliere nei nuovi contratti di costruzione.

Le cose stanno andando di male in peggio con i prezzi ei tempi di consegna dei materiali da costruzione. In particolare, i prezzi di acciaio, metalli non ferrosi, legno, plastica e materiali isolanti sono ulteriormente aumentati dallo scoppio della guerra in Ucraina. Con più di quattro commercianti di materiali da costruzione su dieci (44%), i preventivi sono validi solo per pochi giorni a causa della rapida evoluzione dei prezzi, dell’8% fino a poche ore. “Il prezzo odierno di una quantità di legname per travatura reticolare, ad esempio, domani potrebbe essere molto diverso”, afferma Sven Knuten del Consorzio Edile. Inoltre, più di otto appaltatori su dieci (82%) hanno già affermato di avere a che fare con tempi di consegna più lunghi rispetto a gennaio. “Questo non solo rende più difficile il lavoro per gli appaltatori, ma rende anche difficile stabilire prezzi chiari e trasparenti e altri accordi con il costruttore del cliente”.


citazioni

La metà delle imprese di costruzione non sta ancora lavorando con l’obbligo di revisione o la tariffa giornaliera dei prezzi dei materiali, mentre è auspicabile

Sven Nuten, Unione delle costruzioni

Tuttavia, più della metà (51%) degli appaltatori non ha ancora trasferito aumenti dei prezzi di materiali, salari ed energia a costruttori privati, secondo un’indagine condotta da circa 300 imprese di costruzione all’inizio di questo mese. “Forse non scoraggia il cliente, o perché la possibilità di adeguamenti dei prezzi semplicemente non era inclusa nei contratti stipulati in precedenza”, afferma Knutin. “Sebbene questo sia raccomandato, una delle mie due imprese di costruzioni non è, o non è ancora operativa, con la clausola di revisione del prezzo degli articoli. O a una tariffa giornaliera, come avviene anche in alcuni ristoranti, ad esempio le bistecche tritate. Tali aziende ancora sopportare perdite Attualmente se stessa, mentre molti stanno indicando che non ce la fa più.

Paura di dover interrompere il processo di reclutamento

Inoltre, c’è poco ottimismo nel settore per l’immediato futuro. “La stragrande maggioranza dei costruttori teme di dover chiudere presto alcuni siti o parti di essi a causa della carenza di materiale e/o delle perdite eccessive dovute a costi aggiuntivi proibitivi”, afferma Nico Demeester, CEO del Consorzio Edile. .

Per rimanere a galla, l’industria delle costruzioni si aspetta una serie di misure di sostegno dal governo. Demeester: “Ad esempio, la forza maggiore temporanea dovrebbe essere applicata quando i lavori non sono fattibili per problemi di approvvigionamento. Dovrebbero anche essere ridotte le accise sui consumi energetici delle opere e dovrebbero essere incluse nei contratti formule dettagliate per la revisione dei prezzi”.

READ  Mediagigant News Corp slachtoffer van hacking door Cina | Buytenland