QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il Daft Punker Thomas Bangalter emerge dall’ombra della robotica e si rivela essere “umano dopotutto”

Il Daft Punker Thomas Bangalter emerge dall’ombra della robotica e si rivela essere “umano dopotutto”

In un’epoca in cui l’intelligenza artificiale spinge i confini, il musicista Thomas Bangalter decide di seppellire il suo alter ego strumentale dei Daft Punk. Con il classico widget leggende Il francese sta emergendo dall’ombra dei robot che hanno fatto la musica da ballo.

Awad Silimans

su “Teachers”, la nona traccia del loro leggendario album di debutto compiti a casaThomas Bangalter e J-Manuel de Homem Cristo hanno incorporato le influenze della loro band Daft Punk. Il focus era sulla musica elettronica, dalla house alla techno, ma sono stati recensiti anche funk (George Clinton), rock (Brian Wilson) e hip-hop (Dr. Dre). Tuttavia, non c’era traccia di Vivaldi, Bach o Monteverdi.

Tuttavia, questi sono i nomi che compaiono nelle recensioni leggendeil primo album di Thomas Bangalter ad essere pubblicato con il suo nome da quando lui e il suo album Un complice ha letteralmente fatto saltare in aria i Daft Punk. leggende È stato pubblicato dall’etichetta di musica classica francese Erato.

“Con la musica elettronica è molto difficile e ci vuole molto tempo per portare l’emozione negli strumenti”, mi ha detto Bangalter la settimana scorsa. New York Times. “Per poi scrivere un accordo o una melodia e i musicisti – gli umani – suonarlo e provare quelle emozioni immediate, è molto eccitante. Non è la battaglia che devi combattere contro gli strumenti”.

La foto a corredo dell’articolo mostrava Bangalter a piedi nudi, con i capelli ricci che cominciano a diradarsi nella parte superiore del cranio, nel suo studio. Nessuna console di missaggio o blending da vedere da nessuna parte. Uno scrittoio in legno vecchio stile, al quale Bangalter fornisce appunti leggende su carta piuttosto che in un programma per computer.

READ  Il rapper americano Tykov (28), membro influente del trio hip-hop, assassinato Migos | Musica

Thomas Bangalter (a sinistra) e Guy Manuel de Homem Cristo di Daft Bank.WireImage image

È un grande contrasto con il Bangalter che conosciamo – beh – da Daft Punk: Beyond compiti a casa (1997), che Bangalter e De Homem-Christo hanno girato nella camera da letto del primo, i due non sono mai apparsi in pubblico senza i loro luccicanti caschi da robot senza volto.

“Daft Punk è stato un progetto che ha offuscato il confine tra realtà e fantasia con personaggi robotici. Era molto importante per me e Jay-Manuel non rovinare questo romanzo”. “Ora che questa storia è giunta al termine, è stato interessante rivelare una parte del processo creativo che è molto umana e non si basa su alcun algoritmo”.

esplorazione

leggende Non è la prima volta che Bangalter esce dalle linee dei Daft Punk. In precedenza ha composto la colonna sonora del film cult Gaspar Noé Irreversibile E ha scritto due canzoni per Climax con lo stesso regista. Non è nemmeno la prima volta che prova la musica classica. Con i Daft Punk lo ha fatto per la colonna sonora Tron: eredità. Era questa miscela di elettronica e classica che aveva in mente il coreografo Angelen Priligjukaj quando si è avvicinato a Bangalter nel 2019 per scrivere la colonna sonora di leggendeBalletto dell’Opéra National de Bordeaux. Bangalter ha scelto di rinunciare completamente a computer, sintetizzatori e campionatori.

Il fatto che il musicista francese si concentri sul balletto classico sembrava predeterminato. Sua madre e sua zia erano ballerine e lui stesso imparò a suonare il pianoforte da un musicista che lavorava all’Opera di Parigi. Suo padre, Daniel, era un cantautore che ha spesso collaborato con il produttore belga Jan Kluger sotto il nome di Daniel Vanguard – sono responsabili, tra le altre cose, della canzone “Aie e Mwana”, che hanno registrato loro stessi con il nome di The Yamasuki Singers, e che è stato successivamente coperto da Bananarama. Daniel Bangalter è ringraziato a Note di copertina di compiti a casaPerché ha guidato i Daft Punk nel labirinto dell’industria musicale.

READ  Il principe Laurent e la principessa Claire sono separati? voci più...

Nel corso degli anni, i Daft Punk hanno avuto un enorme impatto su questa industria musicale: i due membri sono divisi perché erano in una sorta di infanzia Musica da ballo elettronica egli è chiamato. (Senza i Daft Punk, il conto per un festival come Tomorrowland sarebbe praticamente vuoto.) Ma nel corso degli anni, lo stesso Daft Punk ha iniziato ad allontanarsi da un approccio puramente strumentale alla musica. Il loro terzo album non è stato chiamato per caso umano dopo tutto (2005), il quarto, acclamato e nostalgico RAM (2013), abbracciando generi come disco, funk e soft rock.

“È stato un viaggio di scoperta”, ha riassunto Bangalter la carriera dei Daft Punk per la BBC, “iniziando con le macchine e allontanandosi da esse. Amo la tecnologia come strumento, ma sono in qualche modo terrorizzato dal rapporto tra noi e le macchine. ” Nella stessa intervista, ha espresso preoccupazione per la crescente influenza dell’intelligenza artificiale, non solo sulla musica, ma su ciò che significa essere umani. “Abbiamo usato le macchine per esprimere qualcosa in movimento che una macchina non può sentire, ma un essere umano può. Siamo sempre stati dalla parte dell’umanità, non dalla parte della tecnologia”.

Ecco perché la nuova musica Bangalter non è stata eseguita da due robot con elmetto che vivono in una piramide futuristica, ma da cinquantacinque musicisti di un’orchestra classica. L’ex robottino ha sottolineato che non si tratta di un addio definitivo alla musica elettronica New York Timesma “Non ho assolutamente intenzione di diventare un robot nel 2023. Non c’è assolutamente alcun motivo per me di voler essere qualcun altro.”

READ  Il denaro è già stato definito il “fango della terra”, ma ad Argenta, a Gent, si rivela anche un lubrificante sociale.

leggende Inserito da Erato.