QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il difficile ballo del tango con il Corona virus

Non saremmo usciti dall’epidemia? Ora che nove fiamminghi su dieci sono stati completamente vaccinati, abbiamo ancora i pass corona, i copri bocca e i test. Il delta variabile rende impossibile l’eradicazione del virus. Sarà un periodo di danza con l’aura.

Alla fine delle vacanze estive, siamo nella situazione del corona. A causa della prevalenza relativamente bassa di virus, i previsione dei virus sono difficili da modellare e gli scenari possono andare in tutte le direzioni. Ciò rende difficile stimare cosa accadrà nelle prossime settimane e mesi, secondo i dirigenti di Corona del governo.

Ora che le scuole hanno riaperto, le persone tornano a lavorare e a socializzare in massa Per quanto tutto sia permesso di nuovoIl numero dei contagi farà sicuramente un altro balzo. A differenza dei precedenti picchi della corona, questa ondata di infezioni non ribalterà gli ospedali grazie alle vaccinazioni.

“Non ci aspettiamo più una saturazione generale”, ha detto venerdì il commissario della Corona Pedro Facon nella sua presentazione agli alti ministri federali e regionali durante il comitato consultivo.

Facon si basa su simulazioni di gruppo sul professore di biostatistica Niel Hens (UHasselt e UAntwerp). Si afferma che il numero di ricoveri ospedalieri potrebbe salire da 100 a 150 al giorno entro ottobre (ora 58) e che l’occupazione in terapia intensiva potrebbe salire da 300 a 400 (ora 170). I ricercatori insistono sul fatto che la previsione è altamente incerta.

di cosa sta parlando?

La campagna di vaccinazione attraverso i centri di vaccinazione sta per concludersi. Ma mentre la promessa era che tutte le regole Corona sarebbero scomparse se i quasi 4 milioni di persone di età superiore ai 65 anni e i più vulnerabili fossero stati vaccinati, i copri bocca e i passaggi Corona non sono scomparsi dalla nostra vita quotidiana.

Come è successo?

La forma delta si è rivelata una seccatura. Poiché il mutante può ancora infettare completamente le persone infette, possiamo seppellire l’idea che possiamo bloccare completamente il virus attraverso la vaccinazione.

Cosa significa per il futuro?

Dobbiamo imparare a convivere con il virus. Questo un giorno sarà endemico e ci farà ancora ammalare senza riempire gli ospedali. Ma questo è possibile solo se tutti – preferibilmente dopo due dosi e, in caso contrario, il più diffuso possibile nel tempo – hanno contattato il virus. Con un gruppo molto numeroso ancora a rischio di finire in ospedale, forse in concomitanza con il picco di influenza, il governo mantiene in vigore alcune regole sul coronavirus fino a nuovo avviso per precauzione.

Il numero di 400 posti letto è ben al di sotto del limite di 2.000 posti letto in terapia intensiva che può essere fornito a livello nazionale. 2000 è un tetto teorico. Soprattutto, gli ospedali dovranno rimandare gli interventi per 500 pazienti in terapia intensiva. I modelli di coorte intorno ai polli mostrano che anche uno scenario di oltre 1.000 pazienti con coronavirus in terapia intensiva in autunno è plausibile se ci sono tanti contatti sociali come nel settembre dello scorso anno.

“Queste migliaia di letti sono una diagnosi media per il Belgio con un comportamento teorico, basata su settembre dello scorso anno”, afferma Lander Willem (UAntwerp), membro di un gruppo di modellisti intorno ai polli. La domanda è se le persone mostreranno effettivamente questo comportamento. Non perché ci piace qualcosa che facciamo. Inoltre, la prognosi presuppone che si osservi lo stesso comportamento in tutte le regioni. Non è più così ora che le regole a Bruxelles sono diverse dal 1° settembre.

Conclusione: l’afflusso di pazienti con corona negli ospedali è alquanto irrealistico. Soprattutto ora che nove adulti su dieci nelle Fiandre sono completamente vaccinati e gli adolescenti vengono punzecchiati a un ritmo rapido.

Bruxelles Un diverso paio di maniche. Nella capitale, uno scenario realistico è che il picco di Corona inonderà gli ospedali in autunno. Il motivo è il basso tasso di vaccinazione: sei adulti su dieci sono completamente vaccinati e appena un adolescente su dieci.

Il capo dell’Ispettorato della salute di Bruxelles, Inge Neven, ha tenuto una conferenza stampa questa settimana con scenari separati per Bruxelles. Nella capitale sono occupati 51 dei 250 posti letto di terapia intensiva disponibili. Quando torneremo al livello dei nostri contatti social a settembre, il limite dei posti letto sarà già raggiunto ad ottobre.

Questo spiega perché Bruxelles non tiene il passo con il rilassamento in questo momento. Neanche fa appello al popolo di Bruxelles perché si vaccina. “Le simulazioni mostrano che il picco del corona sarà più in linea con il picco di aprile di quest’anno – molto più piccolo di quello che si è verificato nell’ottobre 2020 – a patto di vaccinare il 65 per cento della popolazione entro la fine di ottobre. “

Tutto questo suona come una discussione che avrebbe dovuto essere molto alle nostre spalle. È stato promesso che tutte le basi della corona potrebbero andare in mare una volta che tutti i vecchi e i più vulnerabili fossero stati completamente vaccinati. La verità è che anche nelle spinose Fiandre le mascherine restano obbligatorie nei luoghi affollati, proprio come un passaporto Corona per l’ingresso e il test agli eventi, anche per chi è stato completamente vaccinato. Tutte le vaccinazioni sono servite a niente?

I vaccini restano lo strumento più importante per proteggerci da nuovi lockdown. Lo testimoniano tutti gli studi internazionali e lo confermano anche i dati della Fondazione Federale Sciensano, cabina di pilotaggio scientifica del governo per tutto ciò che riguarda Corona. Non tutti i soggetti con corona in terapia intensiva sono vaccinati o solo parzialmente vaccinati.

Inoltre, solo il mese scorso 0,2 percento di lesioni da penetrazione stabilito. Questo si riferisce alle persone che sono risultate positive al test COVID-19 nonostante fossero completamente vaccinate.

Nella settimana dal 2 all’8 agosto Sciensano ha contato 200 contagi ogni 100.000 persone non vaccinate. Ce n’erano 39 ogni 100.000 che erano completamente vaccinati, quindi il rischio di contrarre la corona è inferiore dell’80% se sei completamente vaccinato. Alcuni numeri: prima dell’inizio della campagna di vaccinazione, il 7% dei contagiati era ancora ricoverato in ospedale, e questo è ora il 2,5%. Il tasso di mortalità per infezione è diminuito dal 3 allo 0,2 percento.

L’entità sionista

Ma che dire di Israele? Quel paese ha iniziato a pungere prima di noi e le ultime regole di Corona avevano superato il limite entro giugno. Questo è stato un male per Israele. Dopo che le infezioni sono inizialmente aumentate e ora il numero di ricoveri ospedalieri è aumentato nuovamente, le mascherine stanno ricomparendo, dimostrando che la carta Corona è obbligatoria nel settore della ristorazione e che c’è di nuovo la massima capacità di partecipare agli eventi. Mentre otto adulti su dieci sono completamente vaccinati.

I ricoveri ospedalieri si concentrarono inizialmente tra gli ortodossi, che rifiutarono la vaccinazione per motivi religiosi. Ma nel frattempo più della metà delle registrazioni riguarda persone dei quartieri della classe media che sono doppiamente provocate, volgens Il New York Times.

Israele offre uno sguardo al nostro futuro? Sì e no. Israele, un paese di 9 milioni di persone, deve rivolgersi a basi aggiuntive perché 690 pazienti in condizioni critiche stanno mettendo a dura prova il sistema ospedaliero, che è meno potente del nostro. Ecco perché confrontare i paesi non è facile.

L’impero della libertà è sospeso

La variante delta invade le nostre cellule più facilmente del virus originale e provoca cariche virali più elevate. La ricerca mostra che dopo l’infezione, le persone infette sono contagiose più velocemente di altre varianti. Questo può aiutare a spiegare perché la specie si è diffusa a macchia d’olio. Si scopre che si rende in qualche modo invisibile agli anticorpi che le persone hanno accumulato dopo l’infezione con il virus originale.

Ma i vaccini continuano a fornire un’eccellente protezione contro il ricovero e la morte, secondo tutti i dati. Sebbene le persone continuino ad essere accettate, solo una frazione del numero finirà negli ospedali senza iniezioni. Nel frattempo, il numero di ricoveri dopo la scalata sembra essere nuovamente in calo, così come il numero di persone in terapia intensiva. Il bilancio delle vittime è ancora relativamente basso, cinque al giorno.


Contrariamente agli studi di laboratorio, ci sono più lesioni paranormali del mondo reale del previsto.

Isabel Lero Royals

UGent Vaccino

Con la variante delta, c’è un enorme punto di svolta. I vaccini sembrano proteggere meno dalle infezioni e dalla trasmissione. Negli studi in vitro, le persone sono state a malapena infettate dopo la vaccinazione. Ma nel mondo reale, ora è chiaro che ci sono più infezioni inaspettate, afferma la vaccinologa Isabel Leroux-Royles (UGent).

Gli studi sembrano indicare che i vaccini prevengono ancora la maggior parte delle infezioni. E se le persone si infettano, la carica virale nel naso e nella gola scende più velocemente che se non fossero vaccinate. Ma una protezione contro l’infezione inferiore al previsto – in molti studi a volte era dell’80-30% – significa che il virus continuerà a diffondersi.

Questo è meno grave se i giovani relativamente sani lo trasmettono l’un l’altro. Ma infetterà di nuovo gli anziani e i deboli con un’immunità debole. Questo gruppo, nonostante sia stato punto due volte, rischia di provocare nuovamente un picco di corona negli ospedali.


Troviamo che un gran numero di anziani nelle case di cura ha un basso numero di anticorpi.

Mickey Goossens

Sciensano ricercatore

“Abbiamo anche scoperto che un gran numero di anziani nelle case di cura aveva pochissimi anticorpi”, afferma il ricercatore di Sciensano Mieke Goossens. Questo è il motivo per cui le iniezioni di richiamo verranno quasi sicuramente somministrate agli anziani entro la fine dell’anno. I primi risultati da Israele, dove più di 1,5 milioni di persone hanno ricevuto una terza iniezione, indicano che la strategia sta funzionando. Un terzo colpo fornisce alle persone di età pari o superiore a 60 anni circa quattro volte la protezione contro l’infezione da corona dieci giorni dopo una doppia dose regolare. La terza iniezione aumenta la protezione contro le malattie gravi di circa cinque o sei volte, conclude il governo israeliano dalle statistiche sanitarie locali.

I colpi di richiamo, proprio come i bocchini e i test corona, dovrebbero darci il tempo di proteggere gli ospedali, riaprire le scuole e vivere il più normalmente possibile.

immunità di gruppo

Questo riguarda anche un equivoco sull’immunità di gregge: che la vaccinazione sarebbe sufficiente per far scomparire il virus. Delta spiega che eliminare completamente il virus è un’illusione.

Come gli esperti avevano previsto fin dall’inizio, il virus può essere neutralizzato solo se tutti ne entrano in contatto, preferibilmente vaccinati e, in caso contrario, si diffondono il più possibile in modo da non catturare un’ondata di malati tutti in una volta. Questo è l’unico modo per trasformare l’insidioso coronavirus in un innocuo raffreddore.

Ci vorrà del tempo prima di arrivarci. Le vaccinazioni in Europa e in gran parte dell’Occidente procedono senza intoppi, con appena una persona su cinque nel mondo che riceve la prima dose. È necessario controllare costantemente la presenza di ceppi di virus che entrano nelle nostre regioni, per non essere sorpresi da una nuova variante.

La variabile delta è ancora un grosso problema per alcuni paesi. Mentre affrontiamo il virus – allentando gli ospedali affollati chiudendoli – e iniziando a pungere, Australia, Nuova Zelanda e Cina hanno sbattuto il martello. Alla minima infezione, tutto è stato spento fino a quando non c’era più un virus. Ma bloccare il virus si è rivelato impossibile, mentre le contrazioni sono progredite a malapena.

“È un’ulteriore prova che la vaccinazione potrebbe non essere una grande panacea, ma è comunque l’arma più importante nella lotta contro la corona”, afferma il microbiologo Bruno Verhasselt (UGent). “Poiché alcuni paesi affrontano nuovi blocchi, le restrizioni sugli eventi di massa e le maschere nei luoghi in cui le persone si riuniscono in numero incontrollabile sono la cosa più importante che ci separa dalla vita normale”.

READ  L'inquinamento acustico può abbreviare la tua vita: 5 domande e risposte