QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il direttore di 3M Peter Vermeulen sulla contaminazione da PFOS: “Potenzialmente si diffondono anche nell’aria” | interni

Non è inconcepibile che la contaminazione da PFOS nel sito 3M di Zwijndrecht si sia diffusa non solo attraverso il suolo e le acque sotterranee, ma anche attraverso l’aria. Lo ha affermato Peter Vermeulen, direttore del colosso chimico in Europa, tra gli altri, mercoledì sera a Terzaki. Tuttavia, sostiene che non esiste una relazione causale provata tra PFOS e problemi di salute nell’uomo.




Il gigante chimico statunitense 3M è al centro dell’attenzione da settimane a causa della contaminazione da PFOS nei suoi siti di Zwijndrecht. Il PFOS, un composto del fluoro che fa parte della più ampia famiglia dei PFAS ed è praticamente non degradabile, è stato collegato a una serie di problemi di salute, secondo diversi studi e scienziati.

Fino a questa settimana 3M era rimasta in relativo silenzio radio, ma ieri è arrivata a dare una spiegazione alla commissione ambiente del parlamento fiammingo. Anche il direttore della multinazionale, Peter Vermeulen, ha rilasciato oggi per la prima volta interviste a Radio 1 e Terzaki.

Vermeulen ha mantenuto la posizione espressa martedì anche dal vicepresidente di 3M al Parlamento fiammingo: “Alcuni studi mostrano connessioni, altri no”, ha affermato. “Ma se li prendiamo tutti insieme, dobbiamo concludere che non ci sono problemi di salute con le concentrazioni attuali e nemmeno con le concentrazioni precedenti”. La conclusione è la stessa anche tra i nostri dipendenti, le cui concentrazioni ematiche di PFOS sono state monitorate dagli anni ’90, secondo l’amministratore delegato di 3M: “Non c’è mai stato un livello al quale ci fosse un rischio per la salute”.


citazione

Siamo responsabili لي

Peter Vermeulen, Direttore di 3M

Il motivo per cui 3M ha interrotto bruscamente la produzione di PFAS a Zwijndrecht nel 2002 sembra avere poco a che fare con le potenziali conseguenze sulla salute, ma piuttosto con “la scoperta dell’accumulo di prodotto nella natura e nell’uomo”. “Quindi non puoi continuare ad essere un’azienda responsabile e devi smettere”.

inquinamento dell’aria

Nel frattempo, da quando la produzione è cessata, 3M ha riformato il proprio sito a Zwijndrecht, a seguito di un’indagine preliminare descrittiva del suolo completata nel 2006. Una seconda indagine descrittiva del suolo è in corso dallo scorso anno e si concentra su tutto ciò che si trova entro un raggio di 4 km intorno al sito di Zwijndrecht. Secondo Vermeulen, l’obiettivo è anche scoprire se la contaminazione si è diffusa nell’aria, mentre la prima indagine sui suoli si è concentrata sulla contaminazione da suolo e acque sotterranee.

Il direttore di 3M non lo esclude, ma afferma che i risultati iniziali sono “incoraggianti”. Giovedì sarà condiviso anche con l’azienda fiamminga di rifiuti OVAM, ha affermato. I primi risultati definitivi dovranno attendere fino all’inizio del prossimo anno.

Infine, Vermeulen ha ribadito che l’azienda attuerà comunque quanto suggerito da esperti indipendenti nelle conclusioni della seconda indagine pedologica, “come ha fatto dopo la prima indagine pedologica”. Inoltre, questo vale non solo per i propri siti, ma anche per qualsiasi terreno inquinato appartenente ai residenti locali, ha affermato. “Queste possono essere misure precauzionali, ma sono anche un trattamento”, afferma Vermeulen. “Non vogliamo pregiudicare i risultati, ma ci assumiamo le nostre responsabilità. Lo abbiamo fatto in tutti questi anni e continueremo a farlo”.

Leggi anche

Il ministro Peters interrompe il lavoro di Oosterweel nelle aree più inquinate in attesa del rapporto di esperti

READ  Dirk Therese diventa il nuovo CEO di Bpost