QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“Il disastro minaccia i bambini a causa dell’epidemia”

immagine a tema
Foto: shutterstock

La crisi di Corona ha gravemente colpito i diritti dei bambini in tutto il mondo e minaccia di essere catastrofica se i governi non agiscono. Lo ha riferito l’ONG KidsRights in un sondaggio annuale giovedì.

Islanda, Svizzera e Finlandia sono in cima al “Children’s Rights Index 2021”, che classifica 182 paesi in base al loro impegno nei confronti della Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia. Anche il Belgio ha segnato bene ed è al diciottesimo posto. Ciad, Afghani e Sierra Leone hanno segnato il peggio.

“Purtroppo, l’impatto della pandemia sta superando le aspettative che ci eravamo posti un anno fa, quando la pandemia era appena iniziata”, ha affermato Mark Dollart, fondatore e presidente dell’ONG. Ha detto: “A parte i pazienti Corona, i bambini sono i più colpiti, non direttamente dal virus, ma perché i governi di tutto il mondo li hanno trascurati”. “Ripristinare l’istruzione è la chiave per evitare una catastrofe”.

“Non andare a scuola ha conseguenze a lungo termine”

Secondo l’ONG, più di 168 milioni di bambini nel mondo non hanno potuto andare a scuola. Un bambino su tre non ha avuto accesso all’apprendimento a distanza quando le scuole sono state chiuse.

L’organizzazione ha elogiato il Bangladesh per aver dedicato un canale televisivo nazionale all’istruzione a domicilio e ha elogiato il Belgio e la Svezia per averli tenuti aperti quando possibile. La Svezia è al quarto posto assoluto.

Milioni di bambini sono stati privati ​​dell’istruzione durante la crisi di Corona. Secondo l’ONG, ciò ha conseguenze a lungo termine sulla salute fisica e mentale dei bambini.

Secondo KidsRights, è possibile che 80 milioni di bambini non abbiano ricevuto le consuete vaccinazioni per altre malattie a causa della pressione sul sistema sanitario.

READ  Una guardia giurata impersona Jarrah: una donna...

L’ONG è anche preoccupata per l’aumento senza precedenti della violenza domestica durante i blocchi, che spesso colpisce i bambini.

Per la prima volta, i diritti dei bambini hanno incluso anche la Palestina nell’indice, che si è classificato 104. Secondo il rapporto, la Palestina ha continuato a richiamare l’attenzione sull’assistenza sanitaria nonostante le difficili condizioni. L’Ungheria è scesa dal 97° al 141°, principalmente a causa della discriminazione contro i bambini rom.