QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il figlio di Matias Sirko (23 anni) sta combattendo il cancro: “Per la stessa cifra morirà tra pochi mesi. Difficile, ma la realtà”

© ISOPIX

Toure, 23 anni, figlio di Matias Circo, 51 anni, sta attualmente lottando contro il cancro. Lo racconta l’attore e sceneggiatore in De Krant van West-Vlaanderen. “Non passa giorno senza che ci diciamo che ci amiamo. Perché questo è ciò che conta. Tutto il resto non conta più”.

Intorno alla festa della mamma dell’anno scorso, Tori ha lottato con estrema stanchezza. “Il dottore ha fatto un esame del sangue e a tarda notte abbiamo ricevuto una telefonata dicendo che i suoi valori renali erano molto scarsi e che doveva andare in ospedale. Bene, allora andiamo domani, Ho detto. non adessoRispose: “Dillo al Circo de Grant van Fiandra occidentale.

Lì hanno eseguito una biopsia del midollo osseo, che ha mostrato che il suo sangue conteneva una dose molto alta di calcio e fosforo e aveva buchi nelle ossa. “Il suo intero midollo era pieno di cellule maligne. Il giorno dopo avrebbero dovuto iniziare la chemioterapia, ma all’improvviso abbiamo ricevuto una chiamata nel cuore della notte perché non ce la faceva più. Quelle sono le scene che conosci del film. Guidare per strade deserte di notte, raggiungere un parcheggio. Macchine vuote, camminare fino al dodicesimo piano e vedere tuo figlio seduto lì. Ansimando e con voce roca Scusa E se vogliamo prenderci cura del suo cane. Questo è straziante. Poi l’hanno addormentato e hanno iniziato la chemioterapia. Quattro giorni dopo si è svegliato e ha ricominciato a stare meglio”.

La diagnosi è seguita due settimane dopo. “Lo chiamano quello che ha plasmamieloma, un genoma canceroso molto complesso con molte mutazioni. Da maggio ad oggi ha dovuto sottoporsi a una chemioterapia molto pesante. Ad ottobre hanno avuto un trapianto di cellule staminali. Venerdì deve tornare per sei settimane per una cellula trapianto di cellule staminali allogeniche, dove sua sorella dona cellule staminali.

Quello che porterà il 2022 è un grande punto interrogativo. “Per la stessa cifra, morirà in pochi mesi. È strano e difficile da dire, ma è la realtà. Funziona bene e compaiono altri problemi. È reale fottutodisse Sirko. Ma la sua famiglia lo tiene in piedi, perché anche loro sono “ben circondati”. Non passa giorno senza che ci diciamo che ci amiamo. Perché questo è importante. Tutto il resto non conta più”.(bpr)

READ  Netflix arriverà presto con un nuovo film sul sesso