QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il gasdotto Nord Stream 1 rimane chiuso a tempo indeterminato “a causa di una perdita”

La valvola del gasdotto Nord Stream 1 rimane chiusa dopo i recenti lavori di manutenzione. In attesa delle conseguenze del prezzo del gas. Negli ultimi giorni è notevolmente diminuito.

La compagnia russa del gas Gazprom ha annunciato, venerdì sera, che il gasdotto Nord Stream 1 non sarà riavviato sabato dopo il completamento dei lavori di manutenzione. Ha spiegato perché è stata scoperta una perdita d’olio presso la stazione di compressione di Portofaga, vicino al confine con la Finlandia. possederlo Bloomberg L’agenzia di stampa russa bagagliomenzionato.

Gazprom esita anche su quando riprendere le consegne di gas tramite Nord Stream 1. Si dice che il gasdotto rimanga stabile fino a quando il problema non sarà risolto.

Inaffidabile

All’inizio di oggi, sembrava che le spedizioni di gas sarebbero riprese sabato al 20% della capacità normale, lo stesso livello di prima dei lavori. Dallo scoppio della guerra in Ucraina, Gazprom ha sistematicamente ridotto le forniture di gas attraverso il Nord Stream 1, il più grande collegamento di gas tra Russia ed Europa.

Il fatto che il gruppo russo del gas abbia deciso nell’ultima ora di chiudere il Nord Stream 1 solleva critiche in Europa sul fatto che la Russia sia diventata un fornitore di gas completamente inaffidabile e stia utilizzando le forniture di gas all’Europa come leva politica.

Resta da vedere come reagirà il prezzo del gas. Coincidenza o meno, l’annuncio di Gazprom chiude una settimana in cui per la prima volta dopo tanto tempo il prezzo del gas è fortemente sceso, dai circa 350 euro di inizio settimana ai 212 euro al MWh di venerdì pomeriggio. Questo è stato il più grande calo settimanale dei prezzi negli ultimi cinque mesi.

READ  Il governo, le famiglie e le banche si stanno strappando i pantaloni da FNG

Non vi è alcun impatto diretto sulle forniture per il nostro Paese, afferma il ministro dell’Energia Tine van der Straiten (Groen) Cabinet. Le scorte di gas di Loenhout hanno riempito il 90 percento in pochi giorni. Questo è prima del previsto. Il Belgio continuerà a trasferire la quantità massima di gas alla Germania e ai Paesi Bassi in particolare’, è stato riferito. La situazione è monitorata da vicino.

Dubbio

Le forniture di gas tramite Nord Stream 1 sono state sospese per tre giorni mercoledì. Ciò era necessario, secondo la compagnia russa del gas Gazprom, per controllare le uniche turbine funzionanti che aiutano a pompare gas nel gasdotto. Secondo Gazprom, la turbina deve essere sottoposta a manutenzione tecnica ogni 1.000 ore. Questo è circa ogni 42 giorni. Quindi i prossimi lavori di manutenzione saranno effettuati a metà ottobre.

Questa interpretazione è stata accolta con molto scetticismo in Europa. Negli ultimi giorni ci sono state molte speculazioni sulla prossima riapertura del gasdotto. Sorprendentemente, ciò non ha avuto alcun effetto sul prezzo del gas naturale.

Sembra che il basso consumo di gas, insieme al rapido reintegro delle riserve di gas in Europa e alla fornitura di gas naturale da altri importanti paesi del gas, abbia portato in una certa misura all’inversione di gravi perturbazioni nel mercato europeo del gas. Tuttavia, il gas naturale è ancora molto costoso. Per fare un confronto: dodici mesi fa, il prezzo all’ingrosso oscillava di circa 30 euro per megawattora. È sette volte meno di quanto pagato venerdì.