QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il generale russo caduto fu in pensione per dieci anni ma fu arruolato in guerra come pilota da combattimento

Il maggiore generale Kanamat Potashev, 63 anni, stava pilotando un Su-25 russo sul fiume Donbass quando è stato colpito da un missile vicino a Bubansa pochi giorni fa. L’aereo ha preso fuoco e si è schiantato. Il pilota non ha nemmeno avuto la possibilità di usare il suo sedile eiettabile.

Potashev era in pensione dal 2013 e da allora non era più stato nella cabina di pilotaggio. Ma quando la Russia ha invaso l’Ucraina a febbraio, è stato chiamato a servire il suo paese come pilota da combattimento. Senza formazione aggiuntiva.

Secondo gli esperti, ancora una volta la prova che la Russia non ha abbastanza piloti da combattimento per schierarli immediatamente.

Lui stesso non voleva altro che poter tornare con un aereo da caccia. Questo è stato circa dieci anni fa. Dalla sua forzata partenza dall’esercito.

Nato nel 1959 a Karachay-Cherkessia, Potashev si è laureato all’Istituto superiore di aviazione militare di Yesk ed era conosciuto come un eccezionale pilota di caccia. Salì rapidamente di grado e fu assegnato al comando di un reggimento dalla base aerea delle guardie a Voronezh, una città russa a circa 500 miglia a sud di Mosca.

Ma la sua carriera militare è stata interrotta nel giugno 2012 dopo essere stato dichiarato colpevole di aver pilotato due aerei senza permesso. Uno di loro è stato distrutto in volo da un aereo da combattimento. È riuscito a salvarsi con un seggiolino eiettabile, ma è stato accusato dell’incidente perché, secondo un rapporto investigativo russo, “ha eseguito trucchi in aria”.

Ma nonostante la multa e il licenziamento dall’Aeronautica, è rimasto in stretto contatto con i militari come vicepresidente dell’Associazione di volontariato per la cooperazione con l’aviazione (DOSAAF) a San Pietroburgo.

READ  Zara, 19 anni, fiammingo-britannica, cerca il pilota KLM che l'ha aiutata ad atterrare in Corea del Sud | all'estero

Quando è stato convocato a febbraio, non ha esitato.

Muore il decimo alto ufficiale

Il maggiore generale Potashev è sicuramente il decimo alto ufficiale russo ucciso durante la guerra in Ucraina.

Generale Magomed Tochaev, Il 26 febbraio il comandante delle forze speciali cecene è stato ucciso in un’imboscata nei pressi di Hostomel

Il maggiore generale Andrei SokhovitskyIl vice comandante della 41a armata combinata è stato ucciso in un’operazione speciale da un cecchino il 4 marzo

Il maggiore generale Vitaly Gerasimov Il primo vice comandante della 41a armata russa è stato ucciso nei combattimenti intorno a Kharkov l’8 marzo

Il maggiore generale Andrei Kolesnikov Era il comandante della 29a armata combinata e fu ucciso in una delle battaglie l’11 marzo

Il maggiore generale Oleg Mityaev Morì il 16 marzo vicino alla città di Mariupol

Il tenente generale Andrei Mordvichev Ucciso nella regione di Kherson il 19 marzo

Il tenente generale Yakov Rezantsev Il comandante del 49° esercito russo unito è stato ucciso il 25 marzo in un attacco vicino alla città meridionale di Kherson.

Il maggiore generale Vladimir Frolov Era il vice comandante dell’8a armata delle guardie nell’Ucraina orientale. La sua tomba è stata fotografata a San Pietroburgo due settimane fa

Il maggiore generale Andrei Simonov esperto di guerra elettronica, è morto il 1 maggio.

Il maggiore generale Andrei Simonov © rr