QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il genere di Dendoncker descrive per la prima volta il suo attacco ansioso…

Dopo un anno di attacchi di depressione e ansia, Jens Dendoncker, 31 anni, racconta a poco a poco quello che ha passato negli ultimi mesi. Dopo aver annunciato il suo ritorno in TV durante una conversazione con Johann Teren, ora racconta concretamente nel contesto del Red Nose Day l’impatto della depressione sulla sua vita. “Non ho smesso di piangere.”

“C’è stata una mattina in cui mi sono svegliato e quasi non riuscivo ad alzarmi dal letto”, dice Dendoncker. Stavo piangendo, la mia ragazza ha dovuto aiutarmi ad alzarmi dal letto. Non potevo fare la doccia, fisicamente ero completamente bloccato. E non ho smesso di piangere. Poi abbiamo detto: “Ok, è successo qualcosa”. La paura crebbe a tal punto da ipotecare la mia vita.

“Concretamente, ho subito un’enorme quantità di pressione sul petto”, continua. “Ho tagliato il fiato esattamente. C’è un’ossessione che non va via, ti prende per la nuca. Si sente così male, perché sembra che tu abbia perso completamente il controllo del tuo corpo. Anche se ci saranno anche persone che descriveranno il loro attacco di ansia in modo diverso.Questo è personale per me. Ha un lato molto paralizzato, non funziona ancora nulla.Ti senti così pesante, ti stanno legando al tuo letto o alla tua sedia.

Senza preavviso, all’improvviso, all’improvviso

Per tornare in sé, Dendoncker cercò di sedersi da qualche parte. “Le mie mani sono sul pavimento, a contatto con il suolo. Poi ho provato a contare fino a dieci o venti. Per respingere quel pensiero. Ho anche iniziato a prestare attenzione al mio respiro. Mi ha anche aiutato”.

• Perché Elodie Ouédraogo ha disegnato un cappello “cool” che non è perfetto

READ  Il club Kamping Kitsch si scatena come la festa di liberazione più selvaggia e selvaggia del nostro paese: "Pura adrenalina, suona come la fine di Corona" | Courtrai

Il comico continua a dire che per lui è difficile individuare una causa concreta delle sue paure. Questo è anche il problema. Non c’è davvero una ragione concreta. Di per sé avevo una vita molto bella: un lavoro che amavo, amo, una casa. Nel mio contesto è molto difficile dire: Questo e quello hanno causato la depressione. Penso che sia più chiaro con alcune persone, ma non con me. è passato un po’ Senza preavviso, all’improvviso, all’improvviso“.

Dendoncker è stato ricoverato per circa tre mesi, da novembre 2020 a fine gennaio, inizio febbraio 2021. Sotto un’intensa supervisione, sia la terapia di gruppo che la terapia individuale. All’inizio non ci credevo nemmeno io, per la prima settimana ero fermo per smentire. Mi sentivo anche completamente bene dopo, dopo quella mattina mi sono ripreso. Ma quando tutto ha iniziato ad affondare, mi sono calmato da una parte e sono andato di nuovo in preda al panico dall’altra. Poi ho sentito: Bene, sono qui per questo.

Muharram

Non è stato facile, perché pensi costantemente al fronte interno. Il mio amore che deve fare tutto da solo. Allo stesso tempo, provi il più possibile a tenere a mente: “Devo risolvere questo problema così posso tornare al mio vecchio io”. Questo è l’obiettivo, anche se significa che starai lontano da casa per mesi.

Lo stesso Dendoncker ha annunciato tramite Instagram di essersi iscritto. Principalmente per chiarire alle persone con gli stessi problemi, come paure o depressione, che non dovrebbero sentirsi tabù o vergognarsi di condividerlo. Ho pensato: “Se lo facessi, potrei convincere qualcuno a parlare con dei professionisti”. Perché non puoi aspettare a lungo con esso.

READ  Non è stato senza discussioni il primo assistente alla regia che ha dato ad Alec Baldwin un'arma letale: 'Una denuncia è stata effettivamente presentata nel 2019'

bordo d’argento

Dendoncker parla per esperienza. “Il fatto che l’abbia ritardato mostra solo quanto non lo volessi. Quanto fossi impreparato ad affrontare gli attacchi di panico, con una tale depressione in generale. Ti coglie sempre nei momenti difficili. Penso di aver pensato a lungo : “Se lo ignori, andrà via.” da solo.” Ma non ti aiuta ad andare avanti, perché poi diventerai doppiamente e pesante in seguito. Quindi: non cercare di nascondere quei segnali e ascolta con troppa attenzione.

Ora che le cose sono gradualmente migliorate, il comico sta vedendo un lato positivo nei mesi bui in lontananza. Quando Terryn chiede se c’è della commedia in tutto ciò che ha passato, risponde positivamente. C’è commedia in tutto, compreso quello che ho passato. Ma ci vorrà del tempo prima che mi venga detto in questo modo.