QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il Giappone esegue le prime esecuzioni dal 2019 | all’estero

Tra le persone giustiziate c’era un uomo di 65 anni che nel 2004 ha ucciso sua zia di 80 anni, due dei suoi figli e altri quattro con un martello e un coltello.

Il Giappone è uno dei pochi paesi sviluppati in cui la pena di morte non è stata ancora abolita. Le organizzazioni per i diritti umani si sono ripetutamente pronunciate contro la pratica, ma c’è ancora un forte sostegno tra la popolazione stessa.

Il mese scorso, il Giappone ha incriminato due condannati a morte. I prigionieri nel braccio della morte in Giappone sono stati informati solo poco tempo fa che sarebbero stati giustiziati. I denuncianti affermano che questo è “disumano” e “illegale” perché non dà ai condannati a morte il tempo di opporsi all’ordine di esecuzione. Quindi i due vogliono cambiare destinazione d’uso e chiedono anche 22 milioni di yen (trasferiti circa 167.690 euro) a titolo di risarcimento. Questa è stata la prima volta che i condannati a morte hanno fatto il passo in tribunale.

In Giappone, la pena di morte viene imposta principalmente per i casi di omicidio. Attualmente ci sono più di 100 persone nel braccio della morte in Giappone. Di solito passano molti anni tra la sentenza e la sua esecuzione per impiccagione.

Il Giappone ha giustiziato tre detenuti nel 2019 e 15 nel 2018, tra cui 13 membri della setta Aum, coinvolta nell’attacco con gas Sarin del 1995 alla metropolitana di Tokyo.

READ  Il deputato Vandenput (Open Vld) vuole dare ai rifugiati ucraini una paghetta invece del salario di sussistenza | l'interno