QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il Giappone esegue le prime esecuzioni dal 2019 | all’estero

Tra le persone giustiziate c’era un uomo di 65 anni che nel 2004 ha ucciso sua zia di 80 anni, due dei suoi figli e altri quattro con un martello e un coltello.

Il Giappone è uno dei pochi paesi sviluppati in cui la pena di morte non è stata ancora abolita. Le organizzazioni per i diritti umani si sono ripetutamente pronunciate contro la pratica, ma c’è ancora un forte sostegno tra la popolazione stessa.

Il mese scorso, il Giappone ha incriminato due condannati a morte. I prigionieri nel braccio della morte in Giappone sono stati informati solo poco tempo fa che sarebbero stati giustiziati. I denuncianti affermano che questo è “disumano” e “illegale” perché non dà ai condannati a morte il tempo di opporsi all’ordine di esecuzione. Quindi i due vogliono cambiare destinazione d’uso e chiedono anche 22 milioni di yen (trasferiti circa 167.690 euro) a titolo di risarcimento. Questa è stata la prima volta che i condannati a morte hanno fatto il passo in tribunale.

In Giappone, la pena di morte viene imposta principalmente per i casi di omicidio. Attualmente ci sono più di 100 persone nel braccio della morte in Giappone. Di solito passano molti anni tra la sentenza e la sua esecuzione per impiccagione.

Il Giappone ha giustiziato tre detenuti nel 2019 e 15 nel 2018, tra cui 13 membri della setta Aum, coinvolta nell’attacco con gas Sarin del 1995 alla metropolitana di Tokyo.

READ  Un uomo fa sesso con un cavallo: strane immagini compaiono in una conferenza stampa dei ministri polacchi