QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il gigante dei media statunitensi contrabbanda miliardi di soldi dei contribuenti attraverso l’Olanda | all’estero

La società di media americana ViacomCBS ha evitato le tasse nei Paesi Bassi per anni. Il Tesoro degli Stati Uniti ha perso circa $ 4 miliardi, perché il conglomerato dei media ha incanalato i profitti attraverso i Paesi Bassi.




Lo hanno calcolato i ricercatori della Fondazione per la ricerca sulle multinazionali (SOMO) di Amsterdam. Hanno studiato i rapporti annuali e hanno concluso che la società proprietaria di MTV, Nickelodeon e Comedy Central, tra gli altri, ha detenuto un totale di 32,5 miliardi di dollari (26,6 miliardi di euro) tra il 2002 e il 2019 tramite BV olandesi dal punto di vista delle autorità fiscali statunitensi. . Somo stima che questo abbia risparmiato circa 4 miliardi di dollari (3,3 miliardi di euro) sulle tasse statunitensi.

ViacomCBS è una delle più grandi società di media al mondo. Con film e serie come Titanic, lupo di Wall Street Sopra compagno Dice che raggiungerà 700 milioni di telespettatori in 180 paesi. Ma la società paga poche tasse negli Stati Uniti sui proventi dei diritti di trasmissione internazionali, secondo Sumo. I diritti sono stati stabiliti attraverso complesse costruzioni in paradisi fiscali come Bermuda e Barbados. Sei BV olandesi con poche decine di dipendenti sono il passo intermedio che lo rende possibile.

Paradiso fiscale

Nei Paesi Bassi si applicano norme fiscali favorevoli e consentono al conglomerato dei media di negoziare un’aliquota favorevole. Secondo gli accordi con le autorità fiscali olandesi, dal 2011, lo 0,8 per cento del reddito è rimasto nei Paesi Bassi per pagare le tasse. Ciò ha fruttato al tesoro olandese 8,7 milioni di euro nel 2019, un importo modesto rispetto al volume totale degli scambi di 1,15 miliardi di dollari (942 milioni di euro). ViacomCBS non ha risposto al rapporto di Sumo.

READ  Apertura delle borse europee divise | Beursduivel.be

Il CEO di Viacom Robert M. Bakish alla Borsa degli Stati Uniti a New York nel dicembre 2019. © Getty Images

In seguito, la società ha utilizzato per alcuni anni anche i Paesi Bassi come destinazione finale dei proventi dei diritti di trasmissione. All’epoca, sia le autorità fiscali statunitensi che olandesi presumevano che l’altra parte avrebbe tassato la cosiddetta società in accomandita, quindi ViacomCBS alla fine non ha pagato nulla. Da allora le regole sono state modificate.

Sumo afferma che le autorità fiscali olandesi hanno “facilitato” il trasferimento degli utili verso paesi con un clima fiscale favorevole attraverso ViacomCBS. In questo modo, l’azienda è stata in grado di guadagnare parzialmente esentasse. I ricercatori hanno invitato i Paesi Bassi a smettere di farlo e hanno consigliato al governo degli Stati Uniti di rendere impossibili le truffe attraverso la legislazione.

legale

Sono strutture legali, ma garantiscono che i governi ricevano meno soldi per l’istruzione, le infrastrutture e l’assistenza sanitaria, ad esempio. L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) stima che ogni anno si perdano circa 240 miliardi di dollari (196 miliardi di euro) di entrate fiscali poiché i profitti vengono “spostati” verso paesi a bassa tassazione. Ora che il mondo ha cercato di uscire dalla crisi di Corona, l’appello per prevenire tali truffe si sta facendo più forte.

Uno dei principali critici è il presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Biden vuole affrontare la contabilità creativa e il trasferimento internazionale dei profitti. Si aspetta di poter raccogliere 533 miliardi di dollari (436 miliardi di euro) nei prossimi 10 anni.

Biden ha bisogno di soldi

Biden ha un disperato bisogno di quei soldi. Vuole ridurre il divario tra ricchi e poveri negli Stati Uniti e quindi prevede di investire in modi senza precedenti nell’istruzione, nelle infrastrutture e nei servizi sociali, tra le altre cose. Ha in programma di spendere circa $ 4 trilioni. I ricchi americani e le grandi società pagheranno per questo, questa è la sua idea.

Il suo predecessore Donald Trump ha tagliato l’imposta sul reddito dal 35 al 21 percento, mentre Biden vuole renderla di nuovo al 28 percento. Per impedire alle società statunitensi di chiudere i loro profitti in paesi con tassi più bassi, Biden si è unito agli sforzi internazionali per introdurre un tasso globale più basso. Trump era ancora contrario. I ministri delle finanze del G7 si incontreranno venerdì a Londra. Il prezzo è ancora in trattativa. Il presidente degli Stati Uniti vuole aumentare una tassa di almeno il 15 per cento.

European Union Monitor: una tassa minima per le multinazionali potrebbe portare il Belgio fino a 19 miliardi in più all’anno

Le grandi aziende in Europa devono rivelare quante tasse pagano in quale paese: una “pietra miliare della giustizia fiscale”