QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il giocatore di Boccia Rombouts vince in modo convincente l’ultima partita ma viene squalificato | Giochi per persone con bisogni speciali

Francis Rombouts non è stato in grado di qualificarsi per il turno successivo a Bocía, un tipo di bocce per persone con gravi disabilità motorie. Dopo due sconfitte nelle prime due partite del girone, i Rombouts vincono ancora la loro ultima partita e concludono così le loro partite in bellezza.

Dopo un’assenza di dieci anni, il giocatore del Boca Francis Rombots è tornato due anni fa. L’obiettivo: qualificarsi alle Paralimpiadi di Tokyo. Rombouts è riuscito anche in questo.

Rombouts ha iniziato il suo torneo di buon umore, ma ha subito dovuto ammettere la sua superiorità nella prima partita nel potente slovacco Mezik.

Il nostro connazionale era desideroso di compensare e ha dimostrato nella sua seconda partita contro il numero 1 del mondo Saengampa che ha il suo posto nei Giochi. Rombouts ha costretto il thailandese al limite, ma ha dovuto subire una seconda sconfitta dopo il tiebreak.

Un posto nel turno successivo non era più possibile, ma i Rombouts volevano mostrarsi di nuovo nella loro ultima partita collegiale contro i britannici Hippole. Il nostro connazionale ha ritrovato la sua miglior partita e ha vinto in modo convincente: 8-1. I Rombots sono quindi terzi nel suo gruppo, ma può ancora guardare indietro con sollievo alla sua avventura paralimpica.

Rombouts: “Sono contento di essere riuscito a vincere l’ultima partita del girone”

“È stata un’avventura molto bella qui a Tokyo”, Rombouts tornò a guardare i suoi giocattoli. “Sono molto felice di essere riuscito a vincere l’ultima partita del girone. Mi rende orgoglioso. In questo modo posso lasciare il Giappone in un modo bellissimo. Questo è un finale perfetto. Mi sono divertito molto qui”.

“Sopravvivere al gruppo in questi giochi è stato comunque difficile. Lo sapevo in anticipo. Partecipare alle Paralimpiadi era davvero il mio sogno. Vorrei ringraziare il Movimento Paralimpico belga per il supporto qui a Tokyo. Bene”.

Resta da vedere se vedremo anche Rombouts alle Paralimpiadi di Parigi nel 2024. “Non lo so ancora”, ha detto Rombouts. “Deciderò in Belgio se continuerò ad andare a Parigi. Lo valuterò con il mio allenatore. Vedremo”.

READ  Per Elise Mertens, disastro olimpico troppo tardi: 'I grandi tornei sono un po' più importanti' | Tennis