QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il giornalista televisivo che ha girato il mondo per protestare mentre trasmetteva la notizia è fuggito dalla Russia | Corona virus quello che devi sapere

La giornalista russa Marina Ovchannikova è fuggita dalla Russia. Lo ha annunciato lunedì il suo avvocato. La donna è diventata famosa in tutto il mondo a marzo quando ha interrotto un telegiornale della televisione di stato russa, con la quale ha poi lavorato, per protestare contro la guerra in Ucraina.


Nel frattempo, la giornalista è arrivata in Europa con la figlia. Secondo l’avvocato, sta bene e la Ovsyannikova ora non sta rilasciando dichiarazioni pubbliche a causa della sua sicurezza. “Ovchannikova e sua figlia hanno lasciato la Russia poche ore dopo aver lasciato l’indirizzo in cui era agli arresti domiciliari”, ha detto l’avvocato.

arresti domiciliari

È stato annunciato all’inizio di questo mese La 44enne ha lasciato il luogo dove sarà agli arresti domiciliari fino al 9 ottobre, insieme alla figlia di 11 anni. Secondo il suo avvocato, è partita all’estero perché lei Nella lista dei ricercati.

La giornalista è stata posta agli arresti domiciliari per due mesi a causa di una protesta in cui ha descritto il presidente russo Vladimir Putin come un “assassino” ei suoi soldati come “fascisti”. È probabile che i suoi arresti domiciliari vengano prolungati in attesa del processo con l’accusa di “diffusione di informazioni false sui militari”. A questo proposito, la donna è punita con la reclusione fino a dieci anni.

READ  Mascherine per la bocca e test corona obbligatori per i funzionari statunitensi non vaccinati al di fuori del paese

Marina Ovchannikova durante la sessione del tribunale relativa al suo processo la scorsa estate. © AFP

A metà luglio, Ovshannikova ha prima protestato tenendo uno striscione che diceva “No alla guerra” in diretta durante la trasmissione del telegiornale, seguito da un appello in russo a non credere alla propaganda. Presto apparve al Cremlino con in mano un cartello con il seguente messaggio: “Putin è un assassino e i suoi soldati sono fascisti”. In tribunale, il giornalista è apparso di nuovo con un segno di protesta, questa volta con la scritta: “Spero che i bambini morti ti perseguitino nei tuoi sogni”.

Ovsyannikova ha viaggiato all’estero dopo aver protestato alla televisione di stato, ma alla fine è tornata in Russia. Da allora è stata più volte arrestata e multata.

Marina Ovchannikova.

Marina Ovchannikova. © womanwithposter tramite Reuters

“completamente innocente”

“Mi considero completamente innocente”, ha scritto il giornalista in un Telegram all’inizio di questo mese. “Dal momento che il nostro stato si rifiuta di rispettare le sue leggi, mi rifiuto di rispettare gli arresti domiciliari”. E in un video allegato, la donna ha indicato la sua cavigliera: “Putin dovrebbe indossarlo, non io. Dovrebbe essere isolato dalla società e processato per il genocidio che sta commettendo in Ucraina”.

Leggi anche: Una giornalista televisiva russa ha ammesso di essere sfuggita agli arresti domiciliari: “Putin dovrebbe indossare un braccialetto alla caviglia, non io”

Guarda anche: Il giornalista televisivo russo sfugge agli arresti domiciliari