QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il giudice americano costringe Facebook a pubblicare messaggi anti-Rohingya | All’estero

Il tribunale degli Stati Uniti ha ordinato alla società di social network Facebook di pubblicare gli archivi relativi alla persecuzione della minoranza musulmana Rohingya in Myanmar, con l’obiettivo di procedimenti giudiziari internazionali.




Il paese africano del Gambia, che è anche all’origine del procedimento contro il Myanmar presso la Corte internazionale di giustizia delle Nazioni Unite all’Aia, si è rivolto a un tribunale statunitense nel giugno 2020 per costringere Facebook a inviare messaggi anti-Rohingya. È stato cancellato, rilasciato.

Facebook ha rifiutato di rilasciare le informazioni, basandosi sulla legge sulla privacy degli Stati Uniti per farlo. Ma un giudice di Washington ha detto alla compagnia di tornare. Facebook, che è stato criticato per non aver agito adeguatamente contro le richieste di violenza contro i Rohingya nel 2017, afferma che sta studiando la sentenza.

Le Nazioni Unite hanno definito un genocidio la persecuzione dei Rohingya in Myanmar. Secondo un rapporto delle Nazioni Unite, dal 2016 il personale militare del Myanmar ha ucciso migliaia di persone, distrutto villaggi, violentato donne e bambini e costretto più di 700.000 persone a fuggire dalle proprie case.

Facebook ammette la cattiva politica in Myanmar

Fiamminghi sul Myanmar: ‘C’è grande paura di schiacciare la protesta’ (+)

READ  Valle del Panshir, l'ultima roccaforte che ha respinto i talebani...