QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il giudice americano dice che il transgender Gavin può andare nel bagno dei ragazzi

Un ragazzo trans americano che è andato in tribunale perché non gli era permesso usare il bagno dei ragazzi a scuola ha raggiunto la fine più lunga in una battaglia legale durata un anno. Lunedì, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha deciso di non ascoltare il suo caso, lasciando la sentenza della corte inferiore. Sono d’accordo con Gavin Grimm.

Il quindicenne Grimm non poteva più usare il bagno dei ragazzi nella sua scuola in Virginia nel 2014, ma doveva andare in un bagno neutrale rispetto al genere. Grimm rifiutò perché lo trovava una vergogna. Secondo la precedente sentenza del tribunale, ciò viola le leggi antidiscriminazione.

La Corte Suprema avrebbe dovuto esaminare il caso nel 2017, ma si è ritirata dopo che il presidente Trump ha rotto con la politica del suo predecessore Obama, riducendo nuovamente i diritti delle persone transgender. Obama ha chiesto alle scuole pubbliche di consentire ai propri studenti di utilizzare servizi igienici e spogliatoi in base al loro genere. Quindi la Corte Suprema ha deciso di non ascoltare il caso.

Soddisfatto

“Sono felice che dopo tutti questi anni siano finiti”, ha detto Grimm. Ha aggiunto: “I giovani transgender dovrebbero essere in grado di usare i bagni in modo sicuro, senza essere umiliati e stigmatizzati dalle loro scuole e dai funzionari eletti”.

I diritti transgender sono oggetto di un dibattito in corso tra americani progressisti e conservatori negli Stati Uniti, con la lotta per l’accesso ai servizi igienici come uno dei temi più delicati. La sentenza a favore di Grimm arriva un anno dopo che la Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito che la legge proibisce ai datori di lavoro di discriminare le persone a causa del modo in cui definiscono il loro genere.

READ  Gli Stati Uniti hanno una nuova vacanza

Da allora, Grimm ha cambiato legalmente il suo genere in maschio e ha subito diversi interventi chirurgici e anni di terapia ormonale. Nonostante l’emendamento legale, la scuola ha comunque rifiutato di dare a Grimm un diploma che indicasse il suo genere come maschio, il che significa che spesso doveva menzionare il suo passato di donna durante i colloqui di lavoro, tra le altre cose.